Comunicato Stampa: "Isolato" di Marco Arcangeli

 

“Isolato” è il titolo del romanzo d’esordio di Marco Arcangeli, piemontese d’origine, collecchiese d’adozione. Il titolo è entrato a far parte del catalogo della casa editrice Pav Edizioni.

In questo suo primo libro, Arcangeli racconta la storia di “Isolato”, un mulo, orfano e solo finché non incontra un uomo dal “buffo cappello in testa da cui spiccava una piuma marrone bella dritta”. L’Alpino diventa il suo padrone e guida sul quale Isolato riversa tutta la sua fiducia, finché il fato – o la guerra – non intralciano il loro cammino e il loro rapporto, scaraventando di nuovo il mulo nella più totale solitudine. 


La narrazione è raccontata dal punto di vista del mulo, con un linguaggio semplice e allo stesso tempo coinvolgente. A tratti, i suoi pensieri sono intervallati da una narrazione in terza persona dove si scoprono il tempo, i luoghi e i personaggi che fanno da contorno alla vita del protagonista.


“Isolato nasce quattro anni fa per dare voce a una parte della mia vita ormai superata, ma che ricordo con tristezza, nonostante tutti questi anni – racconta Marco Arcangeli - È il simbolo di ognuno di noi, che lottiamo ogni giorno per andare avanti a sperare, nonostante il Mondo ci dica a gran voce il contrario”.


“Isolato” è un romanzo breve ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Una lettura scorrevole, piacevole, piena di buoni sentimenti, adatta per un pubblico adulto, ma anche per i ragazzi che in questo libro possono scoprire il valore dell’amicizia e della lealtà e conoscere un po’ della nostra storia in tempo di guerra. 

Ecco la trama e, a seguire, il link d'acquisto!

Isolato è un mulo testardo. Come tutti i muli, del resto. Orfano dalla nascita, la solitudine è l'unica figura che l'accompagna fino a quando non conosce il padrone, un uomo dal "buffo cappello in testa da cui spiccava una piuma marrone bella dritta". Assieme, affiorano in lui tutti quei sentimenti negati dal fato e, in breve tempo, diventa l'unica vera persona su cui poter contare. Scoprendo il calore della fiducia, però, si rende conto anche di quanto sia facile perderla. E in quel momento, di nuovo solo, decide di reagire. Durante il suo percorso, tra alti e bassi, si imbatte in un ragazzino, a prima vista molto diverso dal padrone. Ma sarà poi davvero così? Un racconto personale di un mulo, della sua solitudine e della sua battaglia; tra sofferenze, ricordi e piccoli momenti di felicità, questo cammino tra le montagne alpine in tempo di guerra lo porterà a farsi delle domande e a capire che l'aiuto è qualcosa di spontaneo, perché, con la persona giusta al nostro fianco, l'esserci non dev'essere neanche chiesto. Qualunque sia il cammino, nessuno potrà mai farcela da solo.



Commenti