lunedì 7 settembre 2020

Le recensioni di Viola: "Il sentiero degli Edelweiss" di Cristiano Pedrini


Esce oggi il nuovo libro di Cristiano Pedrini e Viola ce ne parla!


Titolo: Il sentiero degli Edelweiss

Autore: Cristiano Pedrini

Editore: self publishing

Genere: Narrativa

Prezzo: € 2,99

Data di uscita: 7 settembre

Sinossi

L’arrivo dello zelante avvocato Lukas Bauer nel pittoresco villaggio di Ozval, tra le montagne del Sud Tirolo, scuote la tranquillità dei suoi abitanti. Bauer è intenzionato a rintracciare un ragazzo di nome Emil von Leiss e risolvere il caso della sua scomparsa. Ma quello che doveva essere un semplice incarico, acquista risvolti sempre più enigmatici che faranno comprendere a Lukas il prezzo da pagare per proteggere quanto di più prezioso custodiscono quelle montagne. Un tesoro che Emil ha intenzione di preservare, trovando in Lukas un prezioso alleato che sarà pronto a difenderlo, come gli edelweiss, i fiori meravigliosi che tanto decantano le leggende del luogo, così ben custoditi che nessuno può coglierli senza morire.

Recensione

Cristiano Pedrini con questo nuovo libro ci porta tra i paesaggi delle montagne del sud Tirolo, in un paesino di fantasia di nome Ozval che scopriamo insieme a Lukas Bauer, giovane avvocato arrivato da Vienna, incaricato di trovare Emil Leiss.

Lukas è abituato alla vita frenetica di Vienna, ama il suo lavoro tanto da partire senza avere una idea precisa del motivo per il quale deve cercare questo giovane che sembra essere sparito da un giorno all’altro.
Si sa, nei paesini gli ultimi arrivati tendono ad essere soggetti a una scrupolosa osservazione da parte dei residenti e presentarsi vestito di tutto punto e cominciare a far domande nell’immediato non aiuta a far in modo che gli altri lo aiutino. Tutti sono reticenti a parlare di Emil, tutti sono cordiali e col sorriso sulle labbra finché l’avvocato non comincia a far domande, persino il sindaco gli fa visita affinché la smetta, accetti di aver fatto un giro a vuoto e ritorni a Vienna a mani vuote.
Ma la caparbietà di Lukas, la sua curiosità e l’abilità nel capire gli atteggiamenti altrui e anche la testardaggine a voler andar a fondo con la ricerca portano Emil Leiss a volerlo uscire allo scoperto e a volerlo incontrare.

Emil è una persona tranquilla, educata e gentile con tutti ma non ha intenzione di tornare a Vienna e preferisce vivere in mezzo ai boschi lontano da tutto il resto. Tra Lukas ed Emil c’è subito sintonia e sembra esser scattato un colpo di fulmine tanto da spingere l’avvocato a riconsiderare il suo incarico, a voler andare a fondo per capire chi sta cercando Emil e per quale motivo e a trasformarlo da “cacciatore” a “protettore” nei confronti del giovane.
Pian piano tutto viene a galla, pian piano la trama si tinge di giallo, cosa che mi ha piacevolmente colpita, con tutti gli indizi del caso e una facile soluzione.

Suggestive le descrizioni dei paesaggi, sembra di passeggiare insieme ai personaggi tra i boschi e a invidiare personalmente la piccola baita in mezzo al nulla di Emil.
Se devo trovare il pelo nell’uovo devo ammettere che ho storto appena il naso al colpo di fulmine tra i due protagonisti ma ovviamente è un parere del tutto soggettivo e che non toglie nulla alla storia di per sé.
Ora vi lascio scoprire una delle leggende inserite nel libro sulle stelle alpine o Edelweiss e del perché sono inseriti nel libro e per quale motivo siano paragonato a Emil.




Nessun commento:

Posta un commento