lunedì 5 ottobre 2020

Le recensioni di Yaya: "Vieni da me" di Lia Carnevale


A Yaya piace tanto il modo di scrivere di Lia Carnevale: poteva non leggere "Vieni da me"? No, infatti ce ne parla ora! 


Titolo: Vieni da me

Autore: Lia Carnevale

Edizione: self publishing

Prezzo: € 0.99

Genere: romanzo rosa



Sinossi

Il destino con Viola non è stato clemente. Abbandonata dai suoi genitori è stata costretta a crescere da sola, tra case famiglie e amicizie sbagliate, tra dolori e piccole gioie Quando finalmente la vita sembra averle dato una seconda possibilità arriva un uomo a intralciarle il percorso.
Niente è come sembra.
Tutto può accadere.
Ogni certezza può crollare e la vita non sarà essere più la stessa.


Recensione

Questo romanzo è la nuova versione del romanzo pubblicato precedentemente con il titolo Occhi Neri, uscito nel 2017. Come ho sempre detto, mi piace il modo di scrivere, di raccontare e di farci entrare in sintonia con i suoi personaggi di Lia Carnevale, e anche in questo caso non mi ha deluso...ecco cosa mi ha convinta a farmi avvolgere da un suo romanzo.

"Vieni da me" narra la storia di Viola, una ragazza che non ha mai saputo cosa fosse il calore di una famiglia, che non ha mai avuto una guida che la potesse indirizzare nelle scelte giuste, e questo l’ha portata spesso a prendere decisioni stupide dettate da un'ingenuità frutto di tanti anni di abbandono.
Viola non si fida di nessuno, ha paura e spesso si trincera dietro silenzi che solo Anna e Federico, i suoi due migliori amici, riescono a capire ed è solo a loro che permette di avvicinarsi.
Per la nostra protagonista ogni piccolo gesto di affetto, ogni piccola attenzione sono dei tesori da custodire gelosamente.
Questa è l'unica verità che conosco. L'unica verità che voglio conoscere. 
Non c'è nessuno per me lì fuori.
Vi renderete conto nel corso della lettura che Viola è una piccola grande guerriera, è una ragazza con la testa sulle spalle, che non ha grilli per la testa, e che soprattutto non vive le esperienze con la stessa spensieratezza di tutte le giovani donne della sua età.
Nonostante questo però insieme ad Anna è riuscita a lottare per realizzare i suoi sogni e ad aprire una boutique, godendo però dei propri successi come se fossero qualcosa di passeggero e non di duraturo.
È stato difficile per me leggere questa storia perché Viola con il suo dolore reale e tangibile mi è entrata dentro con la forza di un uragano.
Qualcosa però cambierà per lei quando nella sua vita entrerà Alessandro.
Mi hai chiesto se desidero qualcosa in particolare, la risposta è sì: te. Chiamami.
Alessandro è un medico di trentacinque anni, ama il suo lavoro e ha gli occhi scuri come la pece. Un uomo come pochi, un uomo che non passa per questo inosservato.
Nel corso delle pagine l’autrice ci da la possibilità di conoscere Alessandro e di scoprire che è un personaggio sfuggevole, è un uomo affascinante, ma allo stesso tempo oscuro, e come spesso accade sono proprio questi personaggi a colpirci maggiormente o comunque è questo quello che è successo a me, ammetto che ho adorato davvero Alessandro.

Alessandro ha un obiettivo, l’incontro infatti tra i nostri due protagonisti non è del tutto casuale, ma cosa celerà mai il bellissimo dottore? E cosa vorrà da Viola?
So che il nostro incontro, le parole che ho da dirle la sconvolgeranno ma, mai tanto, quanto si troverà di fronte a me, sotto di me. La voglio. E se questo andrà contro le intenzioni di chi ha voluto che la trovassi non me ne frega niente.
Chi è quel ragazzo dal viso d'angelo e dalle parole tentatrici? A chi appartengono quegli occhi neri impossibili da leggere, ma così profondi da risucchiarti?

Non sta a me dirvelo, dovrete scoprirlo da sole, quello che vi posso dire è solo che varrà la pena arrivare fino alla fine del viaggio.
Lo stile fluido e lineare di questa autrice riesce sempre a catturarmi a coinvolgermi nel profondo e a farmi sentire sulla pelle tutte le emozioni vissute dai protagonisti, inoltre i pov alternati mi hanno permesso di entrare meglio in sintonia sia con Viola che con Alessandro.
Due personaggi opposti due personaggi così diversi, ma indispensabili l’uno per l’altro che solo insieme possono completarsi.

Nessun commento:

Posta un commento