lunedì 17 agosto 2020

Le Recensioni di Ilenia: "Una grande famiglia" di Marie Sexton & Heidi Cullinan


Triskell Edizioni questo mese ci sta viziando. Oggi esce un altro MM contemporaneo, scritto a quattro mani da Marie Sexton & Heidi Cullinan: a parlarcene è Ilenia!


Titolo: Una grande famiglia

Autrici: Marie Sexton, Heidi Cullinan

Editore: Triskell Edizioni

Genere: MM Contemporaneo

Prezzo Ebook: € 3.99

Data di uscita: 17 agosto 2020



Sinossi

A volte è la famiglia a scegliere te.

A quarant’anni, Vincent “Vinnie” Fierro ha ancora paura di ammettere, persino a se stesso, che potrebbe essere gay. Sarà un problema per la sua grossa, grassa famiglia italiana. Tuttavia, dopo tre matrimoni falliti, sta diventando sempre più difficile ignorare ciò che vuole davvero.
Vinnie va in cerca di un po’ di auto-consapevolezza nei bar della Boystown di Chicago, lontano da chiunque lo conosca. Ovviamente, si imbatte all’improvviso in un vicino di casa.

Tra due lavori, l’università, prendersi cura di sua nonna e gestire la dipendenza di sua madre, Trey Giles ha poco tempo per divertirsi, figurarsi uscire con qualcuno che giura di essere etero. Eppure, dopo una serata a ballare guancia a guancia, Trey accetta di essere corteggiato da Vinnie per scoprire se fa davvero parte della squadra, nonostante sia intenzionato a mantenere intatta la propria verginità.

Sembra un ottimo piano, ma niente è semplice se c’è di mezzo la famiglia. La scoperta della loro relazione da parte della famiglia di Vinnie rende la loro situazione abbastanza complicata, ma quando le condizioni della madre di Trey si fanno critiche, Vinnie e Trey devono decidere quale felicità sia più importante: quella delle loro famiglie o la loro.




Recensione

Vinnie Fierro ha quella che in molti classificherebbero come crisi di mezza età: si ritrova a quarant'anni a non sapere cosa vuole, né chi vuole. Dopo tre matrimoni finiti con un divorzio, Vinnie capisce che forse ha sempre cercato una persona del sesso sbagliato: vuole la stessa cosa che hanno la coppia gay a cui sta sistemando un tritarifiuti. Peccato che faccia parte di una grande famiglia cattolica italiana, di quelle composte da un numero incalcolabile di parenti, chiassosi e di mente ristretta. Non si aspetta di certo di sentirsi libero quando incontra Trey: il ragazzo sembra liberarlo da tutte le catene che lo imprigionano.

Al contrario di Vinnie, Trey ha una famiglia composta dalla mamma e la nonna. Non conosce la sensazione di avere una solida rete di sostegno, ha sempre dovuto rimboccarsi le maniche ed essere lui quello forte, nonostante il mondo rischi di cadergli addosso. La nonna è anziana, la mamma dipendente dalle cose sbagliate e lui è l'unico in grado di prendersi la responsabilità: tra lavori e studi, il tempo e la voglia di uscire con qualcuno sono ai minimi storici, ma Vinnie ha qualcosa che gli fa battere il cuore, oltre a costituire una sfida. Vinnie giura di essere etero, di non volere appuntamenti con un ragazzo eppure stanno così bene insieme... perchè deve essere sbagliato?

Quando le cose si faranno difficili, per entrambi arriverà il momento di scegliere: stare insieme, fregandosi del giudizio degli altri? allontanarsi? Chiedere finalmente aiuto o continuare a tacere? Tante domande, e le risposte? Beh, tra le pagine del libro! Non ve le dirò io!!!

Purtroppo questa storia non mi ha convinto del tutto... ed è difficile dirvi come mai senza fare spoiler.
Le due autrici non scrivono male, nonostante in alcuni momenti la storia era veramente tirata e legnosa: a volte si è notato il cambiamento stilistico, facendo immaginare il passaggio da un'autrice all'altra. I due personaggi sono caratterizzati abbastanza ma non al 100%, soprattutto per quanto riguarda Trey: ci sono dei punti confusi che lasciano nel lettore solo tanti dubbi.

Non sono mai riuscita a capire a fondo nè uno nè l'altro, rimanendo così distaccata e non riuscendo a sentire la storia. Non dico che sia un libro da evitare, da non comprare... ma un libro su cui non farei affidamento per vivere tante emozioni. Ecco, forse è troppo piatto per gli spunti lanciati durante tutta la storia.


1 commento: