giovedì 30 luglio 2020

Le recensioni in Anteprima di Ilenia: "Resta" di Riley Hart


"Resta" è un romanzo dolce nella sua amarezza. Duro ma morbido, doloro e spensierato.

Queste sono solo poche parole di ciò che pensa Ilenia del nuovo libro di Riley Hart, in uscita oggi grazie a Triskell Edizioni. Leggiamo insieme il resto della recensione.


Titolo: Resta

Serie: Blackcreek #2

Autrice: Riley Hart

Casa editrice: Triskell Edizioni

Genere: MM Contemporaneo

Prezzo: € 3.99

Data di uscita: 30 luglio 2020



Sinossi

Wes Jensen ha appena perso la sorella che l’ha cresciuto e ha avuto l’affidamento della sua nipotina. L’ultima cosa di cui ha bisogno è doversi occupare di Braden Roth, l’avventura di una notte che continua a provare a infilarsi nella sua vita già piena. Wes non è mai stato bravo ad avvicinarsi agli altri e ora ha anche una bambina da crescere.

A Braden, invece, non era mai capitato che qualcuno, uomo o donna che fosse, se la svignasse dopo una notte passata insieme. Per questo Wes lo intriga fin dall’inizio. Braden non è il tipo da negarsi ciò che vuole, e vuole Wes. Più tempo passa con lui e la bambina, che li tiene costantemente sull’attenti, più Braden capisce che non si tratta solo di un capriccio, del tentativo di conquistare l’uomo che è fuggito via.

Con l’intrecciarsi sempre più stretto delle loro vite, Wes scopre che Braden è meno superficiale di quanto pensava. Dopo tutto ciò che ha perso, Wes non è sicuro di voler mettere a rischio il suo cuore, ma desidera anche che Braden resti. E se l’uomo restasse, la vita calma di Wes sarebbe abbastanza per lui?


Recensione
Alle volte vale la pena rischiare di perdere qualcuno.
Questa frase racchiude alla perfezione il libro di cui vi voglio parlare! Avevo letto il primo della serie per puro piacere personale, amando molto questo genere di libri.
Il primo libro aveva altre tematiche, tra cui il coming out anche verso se stessi. In questo caso c'è molto di più, molto più in profondità.

Wes ha appena perso sua sorella, la sua vera colonna portante, la persona che lo capiva senza aver bisogno di parole. Non solo deve affrontare il lutto, allontanare quella sensazione di essere rimasto solo nonostante abbia un'altra sorella e degli amici veri (sì, i protagonisti del primo volume): sua sorella gli ha affidato sua figlia, un piccolo tornado che Wes ama con tutto se stesso ma che comporta tante responsabilità. Lui è sempre stato quello fin troppo cauto, con la testa sulle spalle e i piedi incollati al pavimento, a costo di annullarsi, di evitare divertimento fini a se stessi. Ora la sua priorità è Jessie quindi non capisce la presenza di Braden al ricevimento post funerale.

Braden è il vigile del fuoco con cui Wes ha diviso un'unica notte ad alto tasso erotico. Lui è iperattivo, sempre in movimento ed è bisessuale: non ama fare distinzione di sesso, per lui importa altro.
«Come ho detto prima, non è proprio così. Mi conosci. Non è che io mi sia mai sforzato di sistemarmi e farmi una famiglia. Non sarei contrario, se succedesse, ma non la sto neanche cercando. Ma credo che, quando penso al mio futuro, non mi importa molto che sia con un uomo o una donna, ma più come una persona mi fa sentire o come mi sento io nei loro confronti. Da un punto di vista sessuale, amo stare con gli uomini e adoro anche stare con le donne. Ci sono delle differenze, cose in un uomo che amo da impazzire, come qualche volta adoro la morbidezza di una donna. Ma se parliamo, di cosa, amore? In quel caso ciò che importa è di chi mi innamoro. Il resto sono solo dettagli.» Invidiava il modo in cui Braden vedeva il mondo, il fatto che non giocasse secondo nessuna regola se non le sue. «La vita è breve.» Fece scorrere un dito lungo la nuca di Wes. «Voglio circondarmi di persone che mi rendono felice e a cui faccio lo stesso effetto. Qualcuno che riesca a tenermi testa,» rise. «Tu e io sappiamo che quella persona potrebbe non essere lì ad aspettarmi e mi sta bene anche questo. Ci sono un sacco di cose divertenti da godersi in questo mondo, Wesley.»
Braden è attratto da Wes ma sa che ora il ragazzo ha bisogno di altro: un vero amico, una spalla disponibile al momento del bisogno. Sarà difficile per Wes accettare quella mano tesa, così come sarà difficile stare vicino a Braden soprattutto quando inizia a conoscerlo per quello che è davvero. Non è facile abbandonare l'idea che si è fatto, andare oltre all'immagine del playboy che passa di palo in frasca, ma Braden - nonostante con Jessie dimostri di essere un bambinone - nasconde un lato opposto.

Ma c'è un serio problema: come si può superare la paura di perdere qualcuno? Come si fa a chiedere di restare quando la paura ti porta a dire Vattene? Sarà più forte la paura di Wes o la determinazione di Braden di esserci?

"Resta" è un romanzo dolce nella sua amarezza. Duro ma morbido, doloro e spensierato. Riley Hart ha decisamente inserito la marcia rispetto al primo volume: con uno stile chiaro, pulito e mai volgare, l'autrice ha scritto una storia solida, con la giusta dose di erotismo, di momenti divertenti e dolorosi. Un mix vincente: la storia prende dalla prima pagina, tenendoti incollato al kindle, desiderando di leggere quelle cinque lettere.
Wes chiuse gli occhi, poi li riaprì e scosse la testa. Braden si sedette, proprio davanti a lui, le loro ginocchia erano premute l’una contro l’altra. «Stai pensando troppo lì dentro. Che succede?» Posò una mano sulla gamba di Wes. Lui non esitò, si limitò ad aprire la bocca per dire una sola parola. «Resta.»

Nessun commento:

Posta un commento