giovedì 18 giugno 2020

Review Party: "Il principe di Park Avenue" di Louise Bay


Ilenia partecipa al Review Party organizzato in occasione dell'uscita del romanzo di Louise Bay, targato Always Publishing. "Il principe di Park Avenue" l'ha conquistato? scopriamolo insieme!

Titolo: Il principe di Park Avenue

Autore: Louise Bay

Editore: Always publishing

Genere: Romanzo Contemporaneo

Data di uscita: 11 giugno 2020

Prezzo cartaceo € 13.90 - ebook € 4.99


Sinossi

È il Principe di Park Avenue, ma lei regna sul suo cuore.

Sam Shaw è un imprenditore immobiliare astuto e calcolatore. Rimasto orfano in giovane età, Sam ha costruito il suo impero contando solo sulle sue forze. Affascinante e seducente, è capace di conquistare le donne con la stessa abilità con cui riesce a concludere un affare. La sua unica regola? Non innamorarsi.

Soprattutto, non della bellissima Grace Astor, principessa dell’alta società di Manhattan e proprietaria di una galleria d’arte. Sam si imbatte in lei quando va in cerca di quadri per impreziosire il suo appartamento di Park Avenue, e nessuno dei due si aspettava l’istantanea attrazione che li travolge al primo sguardo.

Una notte è tutto ciò che Sam e Grace condividono, ma una notte non basta. Sam, che tiene le persone a distanza dal suo cuore consumato dal dolore della perdita, non riesce a ignorare l’interesse per la brillante donna che sembra farsi beffe dei lussi, privilegiando il duro lavoro e la passione per l’arte. Tuttavia, il desiderio di zittire la bocca impertinente di Grace con baci infuocati non basta ad abbattere le barriere erette da Sam per proteggersi dalla sofferenza.  Ma lui non si accorge che il ghiaccio intorno al suo cuore si sta già irrimediabilmente sciogliendo.

Riuscirà a capire che l’amore non lo distruggerà, bensì lo renderà più forte, prima che sia troppo tardi?





Recensione

Questo è il libro del "mi piacerebbe ma non so se posso".
Sam sa perfettamente due cose: cosa significhi perdere qualcuno di amato (i genitori) e crescere senza avere nulla. Ecco perché, una volta adulto, sta alla larga dagli affetti e cerca di spendere solo se si tratta di un investimento sicuro, nonostante sia più ricco di quello che immaginava.

L'unica persona che riesce veramente ad avvicinarsi al bel Sam è Angie, cresciuta con lui, con la quale condivideva la stessa idea di futuro prima che lei si innamorasse e si sposasse. Quello che non era preventivato era incontrare una gallerista sexy come il peccato e di provare qualcosa. Attrazione o qualcosa di più?

Grace sta lottando per allontanarsi da uno stereotipo tutto newyorchese: a lei non interessa essere la Principessina di Park Avenue, passare il tempo spendendo soldi. Vuole vivere di arte, ha impegnato ciò che ha di più caro per aprire la sua galleria e non vuole affondare. Provare attrazione per un cliente? Mayday, pericolo!

Al cuore si può insegnare a non battere? E soprattutto, puoi avere tutti i soldi del mondo ma le cose importanti non si comprano, come ad esempio il coraggio di vivere oltre alla paura, al dolore.

mi piacerebbe ma non so se posso, dicevo. Entrambi vorrebbero di più, ma hanno freni che agiscono in modo diverso. O meglio, laddove Grace è pronta a schiacciare a tavoletta il pedale del gas, Sam tira il freno a mano. Riusciranno a trovare il modo per far funzionare le cose?

Beh, lo so. Sono stata moooolto generica, ma non vorrei svelare niente di più di quanto annunciato in trama. Le storie di Louise Bay rientrano in quella fascia di amore o odio, all'incirca a metà: ti piacciono ma non così tanto da promuoverle a pieni voti. Ed è un peccato perché ha tutte le capacità per scrivere romanzi veramente stupendi.

In "Il principe di Park Avenue" manca quel pizzico di azione, di imprevedibilità. Nonostante l'unico colpo di scena si noti decisamente, l'intero romanzo rimane molto piatto. Non è una valutazione negativa, ma se speravate in una storia movimentata, ricca di spunti... beh, non ci siamo.

Rimane un romanzo leggero che si divora in poche ore, con due personaggi ben caratterizzati, nei pregi tanto quanto nei difetti.


Nessun commento:

Posta un commento