mercoledì 10 giugno 2020

Le recensioni di Stefania: Sei tutti i miei sbagli di Penelope Ward


Nelle scorse settimane Stefania ha letto "Sei tutti i miei sbagli" di Penelope Ward. Vi lasciamo la sua opinione del romanzo edito Newton Compton Editori che vi ricordiamo è il secondo volume della serie Forbidden Romance.

Titolo: Sei tutti i miei sbagli

Serie: Forbidden Romance #2

Autore: Penelope Ward

Editore: Newton Compton Editori

In uscita il: 20/05/2020

Prezzo: € 2,99


Sinossi

Dopo essere stata scaricata dal suo ex, Chelsea Jameson non desiderava altro che pace e tranquillità per curarsi le ferite. E invece si ritrova a fare i conti con un nuovo, insopportabile vicino di casa: non solo Damien ha due cani che abbaiano in continuazione, ma assomiglia anche in modo fastidioso all’uomo che le ha spezzato il cuore. L’unica possibilità per Chelsea è ignorarlo, far finta che non esista. E ci riesce alla grande, almeno fino a quando una notte non lo sente ridere dall’altra parte del muro nella sua camera da letto e realizza con orrore che il vicino ha appena ascoltato l’intera sessione telefonica di Chelsea con il suo terapista. Una sessione, neanche a dirlo, in cui spiattellava ad alta voce tutti i suoi segreti più inconfessabili. Da quel momento Damien si sente autorizzato a sommergerla di pareri non richiesti sulla sua vita sentimentale. Il problema è che più passa il tempo e più Chelsea, suo malgrado, si rende conto di essere attratta da lui. Se vuole proteggere il suo cuore già duramente messo alla prova, deve stare molto attenta a non lasciarsi coinvolgere…




Recensione

Via il dente, via il dolore.
Mi dispiace dirlo, ma questa lettura per me è un enorme, stratosferico NO.
Leggo come una scheggia ma quando una storia non mi conquista sono capace di metterci giorni e giorni per leggerla; in alcuni casi abbandono senza troppe cerimonie un romanzo ma se è per il blog non demordo e cerco di arrivare all'ultima pagina prima di dare una bocciatura. Aspetto di rimanere stupita, aspetto di ricredermi anche. A volte capita, a volte no.
Con Sei tutti i miei sbagli decisamente non è successo. Eppure la trama mi aveva incuriosito e l'inizio prometteva grandi cose.

Chelsea Jameson ha subito un brutto trauma. Credeva nell'amore, era innamorata e felice e poi tutto le è volato via dalle mani. Ora vorrebbe solo tranquillità e un nuovo inizio, senza drammi e senza nessun coinvolgimento sentimentale. Peccato che il suo dirimpettaio non l'aiuti in questa impresa. L'abbaiare dei suoi cani disturba i suoi piani H24 e non solo. Fisicamente il vicino è la copia spiccicata del suo ex. Tatuato come lui. Artista come lui. E per niente amichevole. O così sembra.
Neanche provare a parlare con il proprietario dell'immobile è d'aiuto e sapete perchè? Il proprietario è proprio lui, D.H. Hennesey. L'uomo che ride degli unicorni. E di conseguenza il nemico.

Damien - il secondo nome scopritelo da voi - ha deciso di vivere seguendo le sue regole, nella rilassatezza dell'arte e... non crede nell'amore. Gli unici a meritarsi il suo bene sono i suoi cani, Dudley e Drewfus, due esserini amanti del bacon e, come scoprirete, amanti della vicina di casa. Un suo pregio? Cucina, impasta con le sue mani la pizza, gente!
Il suo massimo difetto? Sta sempre in tredici. Curioso e impiccione, è sempre in prima linea nel risolvere i disastri della goffa Chelsea o per ascoltare le confidenze che la donna fa al suo terapista. Confidenze scottanti.
Non che Chelsea sia da meno, anche lei in fatto di curiosare è maestra.

Da conoscenza, ben presto si passa ad un'amicizia più stretta e inevitabilmente...
Bè disastri, qui la faccenda si complica, e non poco.

Nessuno dei due vuole cedere anche se da parte di Chelsea una possibilità c'è e farà di tutto per far cambiare idea al suo vicino. E quando succederà non pensate che tutti pezzi del puzzle vadano al loro posto per magia. Eh no, da questo momento tutto si complica ulteriormente.

Partiamo da cosa mi è piaciuto.
In primis i due cuccioli. L'autrice ha descritto questi due esserini benissimo, facendomi sorridere più di una volta per la loro irruenza e tenerezza.
Mi ha fatto ridere lo scambio di battute. Alcune sono veramente uno spasso. Se ti inviato a scoppiare non puoi certo rifiutare!!
Mi è piaciuto il messaggio che ci lascia tra le righe: mai nulla è impossibile. Se necessario, cambiare la storia è la soluzione. E io ci credo.
Mi è piaciuto l'inizio di questo romanzo. Ho trovato ritmo e divertimento nella fase iniziale della conoscenza e la curiosità era tanta.

Ora i lati negativi.
La fretta. La dimensione temporale di questa storia è consistente e se non viene citato man mano quanto tempo passa tra una scena e l'altra non te ne rendi conto. Il tempo passa e tu ti chiedi com'è possibile.
Non ho apprezzato nemmeno questo tira e molla continuo. Si avvicinano con uno schiocco di dita e si allontanano per un nonnulla. Un paio di volte va bene, di più stanca.
Ma quello che veramente ho trovato frettoloso e mal gestito è il personaggio maschile. Lui e il suo lanciare il sasso e nascondere la mano. Lui e certe azioni che vanno lasciate a professionisti del mestiere. Lui e le sue convinzioni per qualcosa che possiede senza volerlo. Certe cose richiedono un coinvolgimento maggiore nel lettore e qui, invece, ho provato più che altro indifferenza.

Ed ora momento consigli. Seppur a tutti gli effetti autoconclusivo, vi consiglio di leggere questa serie nel modo corretto partendo da Non avrai segreti, edito Tre60, per il semplice fatto che in questo modo avrete un quadro più completo verso il personaggio di Chelsea.

Vi auguro una buona lettura e aspetto il vostro parere.


Nessun commento:

Posta un commento