giovedì 11 giugno 2020

Le Recensioni di Mrs. Willer: “Il mistero del cadavere nella valigia” di Alessandra Carnevali


"Non sono una grande amante dei gialli (sono più una da thriller, e c’è una bella differenza) ma devo dire che questo libro mi ha stupita in positivo."
Venite a scoprire cosa ha fatto cambiare idea alla nostra Mrs. Willer: in anteprima per voi, "Il mistero del cadavere nella valigia" di Alessandra Carnevali, pubblicato oggi grazie a Newton Compton Editori.


Titolo: Il mistero del cadavere nella valigia

Autore: Alessandra Carnevali

Edizione: Newton Compton Editori

Prezzo: ebook 4,99€, cartaceo 9,90€

Genere: giallo

Data di pubblicazione: 11 giugno 2020




Sinossi

Uno strano caso per il commissario Calligaris
È la settimana che precede il Natale, festività che Adalgisa Calligaris, commissario di polizia di Rivorosso Umbro, odia con tutte le forze. La cittadina è alle prese con i frenetici preparativi per la vigilia. Ma qualcosa è destinato a scuotere l’idilliaca atmosfera natalizia. Vicino alla casa di Agata Ravanello, una donna anziana che vive con il marito malato di Alzheimer, viene ritrovata una valigia che contiene un cadavere fatto a pezzi. Di chi si tratta? E perché l’assassino ha deciso di sbarazzarsene nei pressi dell’unica casa sperduta in mezzo ai boschi di Passonero? Adalgisa dovrà affrontare un’indagine molto complicata, che vede coinvolti i personaggi più bizzarri: una blogger, una cartomante, un professore di storia medievale e l’immancabile ispettore Corvo. E stavolta il proverbiale intuito del commissario Calligaris sarà messo a dura prova da una vicenda in cui vendette e bugie si intrecciano ad antiche superstizioni.




Recensione

È la settimana prima di Natale quando all’ispettrice Adalgisa Calligaris, del commissariato di Rivorisso Umbro, arriva la segnalazione di una valigia sospetta abbandonata lungo una strada di campagna. Al primo sguardo sembra un semplice trolley da viaggio, ma all’interno si trova il cadavere di una bellissima ragazza fatto a pezzi. Perché e soprattutto chi ha ridotto in quello stato la poveretta?

Adalgisa è una donna forte e scontrosa che non si dà mai per vinta e che a volte può risultare un po' burbera ma sotto sotto è una persona con un grande cuore che tiene alla propria famiglia e al cagnolino che suo marito le regalerà. Per risolvere il caso, collaborerà con i suoi colleghi e con alcuni degli stravaganti cittadini di Rivorosso Umbro come Paris Picchio, una travel blogger amante della moda, e di sua sorella, la Foca Monaca.

Non sono una grande amante dei gialli (sono più una da thriller, e c’è una bella differenza) ma devo dire che questo libro mi ha stupita in positivo.

Inizialmente i personaggi stravaganti e la protagonista, Adalgisa Calligaris, non mi avevano convinta molto, mi sembravano un po' esagerati e il commissario troppo antipatica.
Poi però, andando avanti con la lettura, ho notato che contribuivano a rendere la narrazione più leggera e frizzante e che in fondo la Calligaris non è poi così burbera come sembra. L’unico personaggio che non è mai riuscito a convincermi è Rosaria, la madre di Adalgisa. Non mi è sembrato realistico il fatto che all’inizio del libro parlasse dialetto come una semplice anziana umbra per poi diventare quasi verso la fine del romanzo un’esperta di storia umbra che parla perfettamente l’italiano. De gustibus…

Per quanto riguarda il mistero da risolvere, devo dire che l’ho trovato molto interessante ed ero veramente curiosa di vedere chi avesse ucciso la ragazza. Ho apprezzato molto l’intreccio di sospettati che si crea, dall’antiquario del paese ad un travestito che si finge cartomante.
Mi è piaciuto molto anche il fatto che non fosse il solito giallo alla Montalbano e che si parli anche di misteri e di storia antica, da grande amante della storia devo veramente ringraziare Alessandra Carnevali.

In conclusione mi sento di consigliare questo romanzo a tutti i fan del mistero ma anche della storia e, essendo ambientato a Natale, vi consiglio magari di leggerlo in inverno, al caldo davanti ad un caminetto per entrare meglio nell’atmosfera della storia. I colpi di scena vi stupiranno di continuo e non ne rimarrete delusi… Buona lettura!


Nessun commento:

Posta un commento