giovedì 14 maggio 2020

Review party: Gli imprevedibili effetti dell'amore di Grazia Cioce


Buongiorno Disastri! Oggi leggerete la prima HashtagRecensione: no, Ilenia non è diventata influenZer, anche se una tachipirina sarebbe indicata per questa lettura. Leggiamo cosa ne pensa del libro di Grazia Cioce, targato Newton Compton Editori.


Titolo: Gli imprevedibili effetti dell’amore

Autore: Grazia Cioce

Genere: Chicklit – Romance

Casa editrice: Newton Compton Editori

Prezzo: € 4,99

Data di uscita: 4 maggio 2020


Sinossi

Emma Russo ha venticinque anni e lavora in uno studio che aiuta le aziende a rendere i propri dipendenti più coesi tra loro e quindi più efficienti. È l’ideatrice del Jungle Team Building, che consiste nel mandare il gruppo di lavoro in un luogo sperduto per una vacanza avventurosa e molto estrema… Nella vita privata Emma non lascia mai niente al caso: preferisce avere tutto sotto controllo piuttosto che improvvisare. Per questo, quando il capo decide che i suoi dipendenti – ultimamente troppo litigiosi – dovranno vivere in prima persona l’esperienza che propongono ad altri, è convinta che l’esperimento si trasformerà in un vero e proprio incubo. Non può prevedere che cosa le accadrà e soprattutto chi incontrerà. Per esempio Samuel, il veterinario del parco dove lei e i suoi colleghi trascorreranno la loro “vacanza”, che sarà anche il loro istruttore: un uomo che si fa beffe delle rigide regole secondo cui Emma si ostina a vivere. Tra risate, liti e battibecchi Emma dovrà trovare un modo per far fronte a tutti gli imprevisti che le capitano. E chissà che non riesca anche ad abbattere il muro con cui protegge il suo cuore…

Ci sono regole che Emma si è imposta, anche in amore.
E se fosse finalmente arrivato qualcuno per cui valga la pena metterle in discussione?




Recensione


#ChiDiHashtagFerisce


Emma, la nostra protagonista, lavora alla "Team Counseling Building", azienda torinese che si occupa di formare gruppi lavorativi coesi. Avere gruppo lavorativo affiatato sicuramente porta guadagno, è una vetrina splendente da mostrare al cliente e questo vale per qualunque team, in qualunque ambito... ma cosa succede se il Dream Team degli Hashtag si ritrova nel mezzo di una lite alla tutti contro tutti? Nessuna pietà, proprio perché loro dovrebbero sapere bene l'importanza dell'unione. Il capo è inflessibile: preparatevi, il nostro Dream Team deve ricompattarsi e - per una volta - dovranno subire quello che passano i loro clienti. Ma nessuna esperienza ordinaria... Nossignore, Emma e i suoi colleghi dovranno affrontare il Jungle Team Building al Wild Adventure Park, percorso ideato proprio dalla nostra protagonista. Cosa c'è di meglio di un corso di sopravvivenza per trovare l'armonia? 

#unipocondriacanelbosco

Prendo il mio cellulare e digito su Google, «medicinali da portare in una foresta». Incappo in un articolo che cita i cinque farmaci indispensabili in viaggio, ma decido che cinque sono decisamente pochi e aumento la mia lista mentale fino a quattordici.
Già, chi ha ideato questo percorso è una vera ipocondriaca, la disperazione di Anna - la farmacista - e di Enrico - il medico di base. La prima suda freddo ogni volta che Emma entra in farmacia, cercando di comprare ogni farmaco possibile... dopo tutto non si può mai sapere cosa succederà. Il dottor Balangero conosce Emma e la sua famiglia da anni e ormai è rassegnato... soprattutto dalla facilità con cui la ragazza parla il medichese da serie tv e fa scappare i suoi pazienti dalla sala d'attesa. Loro le vogliono bene, vorrebbero solo vederla felice nonostante quel peso che rende difficile respirare come prima. C'è un evento del passato che ha preso Emma e l'ha cambiata, accentuando la sua ipocondria. Io lavoro con i medicinali sei giorni alla settimana e ne conosco la metà rispetto a Emma!!! Il suo capo sbatte il pugno sul tavolo? Lei fa l'inventario di cosa ha nella borsa alla ricerca di una pomata. Finire dentro una giungla - seppur nei dintorni di Varese - non è quello che si aspettava... men che meno di arrivarci con una scatolina incartata da aprire in caso di emergenza. 

#IoFalcoTuAspirina

Emma ha un decalogo di regole per proteggere se stessa, ideate per non soffrire. Tiene lontano gli altri? Lo sa, ma sa anche che così non potrà perdere nessuno.
«Il problema di quando ti leghi a qualcuno è che gli doni un pezzetto di te», le dico, accasciandomi sul divano, le spalle curve. «Quando quel qualcuno se ne va, qualunque sia il motivo, si porta dietro quel pezzo di te e tu non funzioni più come prima», deglutisco, cercando di ingoiare il nodo che sento in gola. «Il corpo è un orologio quasi perfetto, quindi continui a mangiare e, se tutto va bene, riprendi anche a dormire, prima o poi. Ma c’è comunque qualcosa che non funziona, perché tu sei tu, ma senza qualcosa. Tu sei tu, ma senza un pezzetto di te. E come fai a essere te stessa se non hai tutti i pezzi?», chiedo, guardandola.
Accantonate le ipotesi di corruzione per evitare di faticare, Emma e i suoi colleghi si devono relazionare con Samuel, sexy veterinario australiano col quale la nostra protagonista sente un legame che va oltre a tutte le sue regole. E se Samuel la affascina ancor prima di iniziare grazie alla maestosità dei falchi che sta seguendo, il suo sarcasmo e il menefreghismo davanti alle sue regole, Emma si ritroverà ben presto a battibeccare per ogni cosa. Dopotutto, per ogni Falco c'è una Aspirina! Che la guerra abbia inizio! 

#eAdesso?

Fate click e immergetevi nella storia di Grazia Cioce! In un periodo dove ogni notizia ci porta sempre un po' di più verso l'orlo del baratro, l'autrice riesce a creare situazioni veramente spassosissime, strappando risate a più riprese. Emma è una protagonista diversa dal solito: acidità, cinismo e freddezza fanno parte di lei solo in pubblico mentre, al sicuro tra le quattro mura di casa, si svela per l'anima fragile che è. Soffre ancora per il suo passato, è consapevole che non esiste nessun colpo di gomma per poter cancellare quel dolore e si crea un'armatura. Comprensibile al 100% e questo ci permette di entrare subito in sintonia con lei. Usa il cinismo e l'ironia come spada con cui colpire per prima. E la sua ipocondria? Ne vogliamo veramente parlare?! Ha quasi convinto anche me a prendere i fermenti lattici al grido di "non si sa mai"! Hashtag: domani vado in farmacia, anche solo per le Zigulì. 

Samuel è un uomo con le idee chiare, sfrontato quanto serve per raggiungere i suoi obiettivi. L'ho trovato estremamente coraggioso nella seconda parte del romanzo, dimostrando con i fatti - ancor prima delle parole - di che pasta sia fatto... anche io voglio un veterinario così!!! Hashtag: Alessia mi spiace, ma Bea e Pongo vogliono Falco! #crediamoci 

Grazia Cioce ha uno stile unico, fresco e frizzante. Spesso, quando un autore si cimenta con un chick lit, i momenti più profondi e tristi saltano all'occhio facilmente perché hanno una marcia in meno... tranquilli, non è questo il caso. L'autrice è partita in quarta ed è finita in sesta, anche settima, anche se alla guida di una 127 degli anni 50, a dimostrazione che non serve una Ferrari per sfrecciare a tutto gas. 
Un punto di forza è costituito dai personaggi secondari, i colleghi di Emma. Il mio cuore appartiene a Sara, ma sono di parte! Sono personaggi secondari ma con un'importanza fondamentale per la crescita personale ed emotiva di Emma. 

Insomma, tirando le somme: #GrazieGrazia per avermi fatto ridere, emozionare, sospirare e anche un po' arrabbiare. 

Hashtag: assolutamente consigliato!
Ah, come dimenticare... #Vivi inciso nel cuore ❤ 

1 commento:

  1. Ahahah fantastica l'idea della recensione con gli hashtag! Potrei prendere spunto per il futuro XD
    Bella recensione, complimenti!

    RispondiElimina