giovedì 21 maggio 2020

Le recensioni di Yaya: Parasight. Non guardarmi di E.S. Carter



Continua il viaggio nel mondo oscuro de L'Ordine Rosso per la nostra Yaya. Ecco la sua recensione a Parasight. Non guardarmi di E.S. Carter, edito Hope Edizioni.


Titolo: Parasight - Non guardarmi

Autore: E.S. Carter

Editore: Hope Edizioni

Genere: Dark Romance

Serie: L'Ordine Rosso #2

Data di pubblicazione: 13 marzo 2020


Sinossi

Sto annegando nell’oscurità. 
Le mie membra sono immerse nel catrame liquido, i miei polmoni soffocati dal puzzo della morte imminente. I miei occhi non vedono altro che nero. 
Eppure vedo lui. E non ho paura. Anche se dovrei averne.

Non guardarmi negli occhi o i miei demoni ti mangeranno viva.
Il diavolo dentro di me farà festa sulle tue carni morbide. I suoi denti affilati ti spolperanno fino alle ossa. Si disseterà con la luce della tua anima. Le sue cicatrici trasformeranno l’innocenza in peccato, trascinandoti nella sua oscura fossa infernale.
Nessuna luce vive all'interno di questo guscio sfigurato.
Sono un vaso per il dolore. Lo infliggo e lo ricevo.
Il dolore mi sfama Mi nutre. Mi tiene stretto come le braccia di un amante e mi sussurra nel crepuscolo.
Dicono che il diavolo una volta fosse un angelo. Non c’è alcun angelo dentro di me. Non cerco pentimento né perdono.  Non bramo debolezze quali l'amore.
Il mio desiderio per lei è puramente egoistico e, una volta che il mio appetito sarà saziato, sarà sfortunata a essere ancora viva. Quando mi guarderà negli occhi, i miei demoni la mangeranno viva.

Dark, violento, depravato e sensuale.
Può essere letto come autoconclusivo, ma per comprendere l'intera trama si consiglia di iniziare da Feyness. 

Recensione

Come per il primo libro, anche Parasight. Non guardarmi mi ha conquistato. L’ho divorato in poche ore perché non vedevo l’ora di scoprire cosa sarebbe successo tra i nuovi protagonisti.

!!ATTENZIONE SPOILER!!
Se avete letto il primo volume, sapete che questo si è concluso con la morte di Alec Craven, e l'ordine rosso ora è gestito dai fratelli Hunter e da Henry Renshaw, detto Grim.

*****

Grim è il personaggio principale e indiscusso di questo secondo volume, ed è il personaggio che più mi ha colpito e conquistato lentamente e profondamente.
Già nel primo volume, infatti, l’autrice ci permette di conoscerlo in parte, ci permette di intravedere il suo dolore, le sofferenze patite e impartite da chi avrebbe dovuto proteggerlo, amarlo, aiutarlo a crescere e diventare uomo. Scoprirete presto che Grim non è solo il personaggio principale ma anche il filo conduttore tra i libri che compongono questa serie.

Nel corso della lettura non potrete fare altro che provare tristezza e pena per quel bambino a cui è stata portata via l’infanzia, e per quell’uomo che non conosce altro che odio e vendetta. 
Sfregiato nel corpo e nell'anima, la sua vita è stata un continuo dolore, sofferenza, solitudine, l’unico modo che ha per sopravvivere è vivere nel dolore che infligge e si auto-infligge. 
Ha votato la sua vita alla vendetta, sia per sé stesso che per tutte quelle persone a cui è stato imposto il suo stesso destino di schiavitù, violenza, e dolore.

Avevo paura di leggere questo romanzo, però, ne ho amato ogni singola pagina, ogni singolo pezzo, e spero di avervi incuriosito almeno un po'.

...potete chiamarmi ossimoro.
Sono un assassino, bramo il caos dei massacri, eppure sono anche un maniaco dell'ordine. Un maniaco sfregiato, che ha sempre il controllo anche quando lo perde, un criminale che dà un nome al suo coltello preferito, a cui viene duro quando le persone implorano per la propria vita...

Sarà proprio durante una missione contro l’uomo che l’ha distrutto che la sua vita entrerà in collisione con Cal. 
Cal è una donna a cui è stato tolto tutto: la libertà, la famiglia. E' una donna che è stata abusata, picchiata, violata in modi diversi, venduta come fosse un pezzo di carne; il suo dolore, la sua sofferenza all’interno delle pagine sono davvero tangibili, e vi toccheranno profondamente. 
Cal è una proprietà dell’Ordine Rosso, e come tale niente le è stato risparmiato.

I nostri protagonisti sono molto simili, e allo stesso tempo diversi. Sono due anime perse, spezzate dalla crudeltà, e pensano di non poter più essere salvati, ma non sarà proprio così perché il legame che li unisce sin da subito è un legame profondo e imprescindibile, che li spinge uno verso l’altro come calamite, e la loro alchimia, potente e preziosa pian piano, nonostante il dolore di entrambi, sfocerà in qualcosa di ancora più forte e unico.

"Quel legame fatto di filo spinato che ci ha sempre connessi sta diventando più forte, e più si rafforza, meno affilato diventa al tocco, ma più concentrato. Siamo legati, noi due, e non solo dalle circostanze, ma da qualcosa di più tangibile."

Cal avrà un ruolo importantissimo in questo volume, così come Grim, ma se volete scoprire il perché dovrete leggere il libro.

"...mentre lei mi toccava, 
mi ero sentito quasi...umano."

"Un'esca è un collaboratore riluttante.
Io non sono un'esca.
Sono vendetta."

Ho amato questa storia, l’autrice è riuscita a risucchiarmi in un vortice di sensazioni, emozioni contrastanti, è riuscita a farmi stare sul chi va la, perché non ero pronta per niente al ciclone emozionale che questi due personaggi sarebbero stati capaci di tirarmi fuori. 
Ho provato dolore, disgusto, paura, rabbia ma anche dolcezza. Grim e Cal, sono due personaggi che mi hanno toccato il cuore e fatto sentire e provare sulla mia pelle tutto ciò che loro hanno vissuto, provato e sentito: l’autrice è stata così brava che mi sembrava di essere lì con loro mentre leggevo.
Non voglio svelarvi tutta la storia, spero solo di essere riuscita a incuriosirvi quel tanto che basta. Siete pronte quindi mie care disaster a vivere una nuova avventura ricca di phatos, colpi di scena, oscurità, dolore, depravazione, rinunce, ma anche rinascita, amicizia, amore?
Se si, questo libro è il libro giusto per voi, sono sicura che come è successo a me nel corso della lettura non resterete deluse.
Buona lettura, mie care disaster. 



Nessun commento:

Posta un commento