giovedì 28 maggio 2020

Le recensioni di Viola: "La Decisione Di Miss Billy" di Eleanor H. Porter


Lo scorso anno Viola ha letto Miss Billy (qui la recensione) e, secondo voi, poteva perdersi il secondo volume della serie? Certo che no! Ecco la sua recensione per La decisione di Miss Billy di Eleanor H. Porter, edito Cignonero.

Titolo: La Decisione Di Miss Billy

Serie: Miss Billy #2

Autore: Eleanor H. Porter

Editore: Cignonero

Genere: New Adult

Data di uscita: 27 Febbraio 2020

Prezzo ebook: 3,99 € | Link acquisto Amazon


Sinossi 

Finalmente, tutto volge al meglio per Billy: dopo aver scombinato e movimentato la vita dei fratelli Henshaw, ogni equivoco sembra essersi risolto. Billy, ufficialmente fidanzata con uno dei tre fratelli, vive con l’amata zia Hannah e sta organizzando il proprio matrimonio.
Tutto procede per il meglio, fin quando la ragazza non riceve una lettera: M. J., parente della zia Hannah, sta per arrivare in città per studiare lirica, ed esprime il desiderio di incontrare la vecchia zia che non ha mai conosciuto. Billy, sempre entusiasta di fare nuove conoscenze e di aiutare chiunque abbia bisogno di una mano, decide di aprire le porte della propria casa per accogliere la gentile sconosciuta che le ha scritto.
Perché, ovviamente, M.J. sta per Mary Jane.
Ed è una ragazza.
O forse no?




Recensione

Dopo i mille disguidi del primo volume, Billy è arrivata a una sorta di equilibrio ed è consapevole di ciò che vuole e di chi ama tanto da esser pronta a inviare lettere ai più per l’annuncio del suo matrimonio. Vive sempre con la zia Hanna e i suoi mille scialli, nel suo tempo si divide tra letture, ricami, sedute al pianoforte con l’intento di creare nuovi testi e nuove musiche da incidere e sempre con la voglia di aiutare il prossimo.

Quello che non si aspetta è l’arrivo di una missiva da parte di uno dei tanti nipoti della zia Hanna che annuncia di essere in procinto di arrivare in città per studiare canto. Con l’arrivo di M.J. ricominciano i disguidi e le incomprensioni dovute al non parlar chiaro, una sorta di commedia degli equivoci a più riprese fino a scombinare persino le proprie decisioni e scombussolare tutto e tutti.

Piacevole e necessaria l’introduzione dei nuovi personaggi per dare una nota pepata in più. Zio William e Cyril non sono cambiati di mezza virgola con le loro passioni e il loro modo di essere tanto da creare di nuovo scene e dialoghi che portano ad avere il sorriso sulle labbra. La bontà d’animo di Billy mostra sia la sua generosità ma anche il suo essere ancora giovane e incline a dar troppo peso a ciò che gli altri dicono.
Una lettura piacevole ma non entusiasmante poiché, a mio pensiero, risulta molto simile al primo libro. Segnalo inoltre la presenza di alcuni refusi lungo tutto il testo.

Buona lettura, disastri.


Nessun commento:

Posta un commento