martedì 26 maggio 2020

Le recensioni di LunaStorta: "La bambina che annusava i libri" di Manuela Chiarottino


LunaStorta torna questa settimana con un altro titolo di Manuela Chiarottino. Ecco la sua recensione per "La bambina che annusava i libri" edito More Stories.

Titolo: La bambina che annusava i libri

Autore: Manuela Chiarottino

Edizione: More Stories

Prezzo: 2.99€ eBook

Genere: Narrativa contemporanea/rosa

Data di pubblicazione: 8 luglio 2019



Sinossi

Per Stella, cresciuta in una famiglia di antichi stampatori, i libri sono come degli amici. Non solo ama leggerli, ma li conosce profondamente, riuscendo a distinguerli dall’odore e dalla grana delle pagine, capacità fondamentali per lavorare, insieme al padre, nella libreria di famiglia.
La vita tranquilla di Stella subisce un brusco cambiamento quando la ragazza riceve in eredità dal nonno un libro molto antico e una strana lettera. In essa si parla di una collezione di volumi preziosi, nascosti in un luogo segreto. Sta a lei risolvere l’enigma del nonno e ritrovarli.

In una ricerca convulsa tra i paesi della Toscana, in compagnia di un affascinante e ambiguo restauratore, Stella si addentrerà nei misteri della sua famiglia e del suo cuore, imparando a lasciarsi andare ai sentimenti, pagina dopo pagina.




Recensione

Stella è una giovane ragazza cresciuta tra i libri, e amava talmente tanto questo mondo che riusciva a riconoscere una storia anche solo dall’odore delle pagine. Condivideva questa passione con la mamma e il nonno, che con grande dolore, ha perso l’uno dopo l’altra.

Fu proprio alla morte dell’amato nonno che le furono passati in eredità un libro e una richiesta un po’ speciale. Il nonno le aveva organizzato una caccia al tesoro, come quelle che faceva da bambina, per poter trovare la sua preziosa collezione. Una caccia che solo grazie ai ricordi e all'esperienza della giovane poteva essere conclusa.

Allora Stella, fiduciosa di poter trovare qualcosa, decise di portare il libro da un antiquario. Nel negozio di fiducia della libreria di famiglia non trovò altri che Manuel, un ragazzo arrogante e spavaldo, sempre con un’aria saccente e un sorriso ironico stampato in faccia, che aveva incontrato poco tempo prima in una piazza del proprio paese. Un vero donnaiolo a cui piace la bella vita, quella ricca, fatta di auto di lusso, cene costose e sesso. Tanto sesso, senza sentimenti.

Ma di una cosa potè accertarsi presto Stella: nonostante il suo carattere, era davvero bravo in quello che faceva. E fu forse per l’interesse da parte di lui, o per questa sua bravura, che si trovarono ad affrontare questo viaggio insieme tra enigmi e indovinelli.

L’autrice ci porta in un mondo semplice, ma complesso. Il mondo dei libri. Ce li rappresenta in ogni loro sfaccettatura, con tutti i misteri che contengono, come ad esempio gli ex libris. Fantastico come un semplice simbolo possa nascondere centinaia di segreti. Ma ci porta anche in un mondo pieno di amore. Ma non è solo quell'amore tra un ragazzo e una ragazza. È l’amore e la devozione che si ha verso la famiglia, nei confronti di un genitore. Oppure, più semplicemente, verso un caro amico.
“Volevo scrivere una storia che parlasse di libri e della loro magia, dove tutto ruotasse intorno a un enigma da risolvere e non solo sull’evoluzione di una relazione amorosa. Cosa meglio poteva esserci di una piccola libreria di Firenze, un libro antico e un ex libris che contiene un mistero? Per farlo mi sono documentata molto, infarcendo il romanzo di curiosità storiche e naturalmente di informazioni sui libri, come gli ex libris. Alcuni sono bellissimi, delle vere piccole opere d’arte. Una curiosità: spesso è raffigurato un gufo perché è un animale notturno, proprio come molti lettori.” 
Manuela Chiarottino è riuscita nuovamente a portarmi nel suo mondo, un mondo fatto di antichità e bellezza anche in un contesto contemporaneo.
Ho apprezzato sin da subito il suo modo di scrivere, il suo stile, che è davvero coinvolgente e capace di far entrare nella storia con mente e corpo.
“Ho vissuto poco al di fuori, ma ho vissuto milioni di vite attraverso le storie che ho letto. I libri possono essere un rifugio a volte.” 
E come nella frase sopra citata, con questo libro, con questa storia, ho vissuto un’altra vita.


Nessun commento:

Posta un commento