Le anteprime di Viola: Svegliarsi sposati #4&5 di Leta Blake


ora spazio a Viola: ci parla dei volumi 4 e 5 della Wake Up Married serie di Leta Blake, in uscita oggi grazie a Triskell Edizioni!


Titolo: Svegliarsi sposati -Will e Patrick combattono i loro sentimenti/Will e Patrick incontrano la mafia

Serie: wake up married 4 & 5

Autrice: Leta Blake

Casa editrice: triskell edizioni

Genere: MM contemporaneo

Data di pubblicazione: 29 maggio


Sinossi

Will e Patrick combattono i loro sentimenti

Will e Patrick hanno accettato l’idea di aggiungere del sesso bollente al loro finto matrimonio, ma quando i loro sentimenti si fanno più intensi, devono scegliere se diventare più che semplici amici di letto. Uscito da poco da una relazione soffocante, Will non è pronto per qualcosa di più di un po’ di divertimento esplorativo. E nonostante ciò che Patrick prova per Will, il suo difficile passato lo ha reso diffidente nei confronti dell’amore.

La situazione si fa bollente (e di tanto in tanto un po’ perversa) in questo episodio della serie Svegliarsi sposati, ma Will e Patrick faticano ad accettare i loro sentimenti reciproci, figuriamoci confessarli. Per quanto ancora continueranno a combattere ciò che provano?

Will e Patrick incontrano la mafia

Patrick ha finalmente ammesso di essere innamorato di Will, ma la sua determinazione a fare qualcosa al riguardo si infrange contro i piani mafiosi del suocero. Sebbene resti ancora da vedere quali siano questi piani. Da quanto ne sanno Will e Patrick, consistono nell’impazzare in città, creare un po’ di scompiglio e sconvolgere le vite della famiglia Patterson.

Will dovrà affrontare la verità sulla sua famiglia, prima di scendere finalmente a patti con i suoi sentimenti per il compagno. E Patrick dovrà decidere se il folle mondo del marito è qualcosa di cui voglia davvero far parte per sempre.




Recensione

Ed eccoci a due nuove capitoli della serie Wake up married di Leta Blake: abbiamo lasciato Will e Patrick con un finto matrimonio con benefit; i due hanno provato a resistersi ma hanno fallito. Nessuno dei due può - e vuole - dare un nome diverso da quello che hanno scelto al loro rapporto, consapevoli che entrambi vorrebbero il divorzio, possibilmente senza far perdere la Good work a Will e il lavoro a Patrick.

Tra i due protagonisti, Patrick è quello che comincia a notare un cambiamento in sé: stare con Will gli piace, insieme hanno instaurato un rapporto e una routine che minano la sua volontà di non amare qualcun altro, uscire e camminare a stretto contatto col marito lo fa sentire al sicuro. E questo lo spaventa a morte perché, se anche pensasse di poter voler di più, è sicuro che Will si sta solo godendo il momento, in attesa della possibilità di divorziare e tornare alla sua vita. Quando realizzerà che ciò che prova va ben oltre al rapporto che hanno ora, dirlo diventa impossibile, non può permettersi di sentirsi rifiutato. Sarà la sua amica Jenny a fargli capire che solo loro due non notano che il legame che hanno instaurato agli occhi degli altri è di una coppia felicemente sposata.

Will è spesso preso dal lavoro, ora che è vicino alla sua famiglia spesso vede le sorelle e il fratellino, la sua vita continua ad andare avanti monitorando i suoi livelli di glucosio per mantenere il suo diabete 1 nei valori idonei e tende a prendere in giro Patrick quando nota il preoccuparsi del marito per la sua salute. Ma gli piace stare in sua compagnia, Patrick è divertente anche quando da di matto per il lavoro: la loro intimità è salita di grado portandoli a sviluppare quel senso di sicurezza e fiducia che in una coppia perché Will ha fiducia in Patrick e si sente libero di essere se stesso, fino ad arrivare a chiedergli anche di realizzare un paio di fantasie erotiche.

Ma nel terzo capitolo non sarà tutto rose e fiori e Will sarà più di sostegno per qualcosa che colpirà Patrick. Come farebbe un qualsiasi marito col consorte in caso di necessità. Anche se entrambi puntano al divorzio... o no?

Nel quarto capitolo della serie conosciamo finalmente Tony Molinaro, il papà di Will e lo fa giocando uno scherzo alla coppia. Scherzo a suo dire divertente, ma che per la coppia è invece un trauma tanto che uno dei due finisce su una barella diretto all’ospedale. Insomma un’entrata teatrale riuscita solo a far incavolare i due sposi ma che mostra a Molinaro una realtà della coppia che tutti vedono ma non i diretti interessati. In questo volume si chiariscono cose che l’autrice non ha svelato prima sulla famiglia Patterson/Molinaro, soprattutto per quel che riguarda i genitori di Will e il loro rapporto. La presenza di Tony si rivela esser stata richiesta per porre fine a quel matrimonio stipulato dai protagonisti mentre i due erano ubriachi fradici a Las Vegas.

Ma Tony non ha fatto i conti con il lato protettivo del figlio verso il marito, Will tira fuori tutto il rancore e la rabbia per il comportamento dei genitori per difendere Patrick dimostrando ancora una volta agli altri che ciò che li lega non è solo una firma su un pezzo di carta. Peccato che basti una telefonata di nonna Eleanor per…

Leggere di Will e Patrick è sempre piacevole e divertente soprattutto quando il bel neurochirurgo è sul punto di sbottare con i suoi modi assurdamente onesti ma da risultare decisamente poco educati. Sembra essere e voler risultare una brutta persona ma è l’unico modo che conosce per tenere alte le barriere e non far entrare nessuno nel suo cuore. Will non fa altro che essere se stesso e fa breccia in quelle barriere con tanta facilità da spaventare un Patrick che ha bisogno di essere amato e neanche lo vuole riconoscere.

Ho apprezzato la scrittura al presente e la fluidità dei volumi tanto da averli divorati in poco tempo. Chiarire il legame che unisce i genitori di Will è necessario per dargli modo di capire ciò che vuole avere lui e non è quel tipo di rapporto che hanno Kimberly e Tony. Ora ho solo da sperare che si sveglino e che i protagonisti aprano per bene gli occhi e soprattutto la bocca per dirsi finalmente cosa vorrebbero uno dall’altro.

Commenti