Le recensioni di PsycoDisaster: "Luna d'inverno" di Ilaria Varese


Eccoci all'ultima presentazione...per il momento! La nostra PsycoDisaster debutta con un fantasy scritto da Ilaria Varese e pubblicato da La Corte Editore. Benvenuta!

Titolo: Luna d’Inverno

Serie: Winter Fe’ saga vol. 1

Autore: Ilaria Varese

Edizione: La Corte Editore

Prezzo: ebook 8.99, copertina flessibile 17.90

Genere: Narrativa fantasy

Data di pubblicazione:21 maggio 2019


Sinossi

NESSUNO RESISTE AL RICHIAMO DEL WINTER FE’
Lunghi capelli bianchi, occhi azzurri e pelle color della luna. 
Gwenfyr Flannigain è una ragazza di Bristol, nata e cresciuta in una delle tante fattorie del Tennessee, dove vive insieme al fratello maggiore Chase e al padre Roderick. Una famiglia come tante, se non fosse che sono licantropi dal sangue puro da diverse generazioni. Eccetto lei, Gwen, che nonostante discenda come il fratello da un’antica stirpe di lupi, non ha mai subito la sua prima trasformazione. Ha 22 anni, ormai, e sa che non succederà più. Gwen è “difettosa”: condannata a vivere a metà tra il mondo degli umani e quello del branco, ma senza far realmente parte né di uno né dell’altro. 
Ma un evento sta per sconvolgere la sua vita: a meno di un mese dal suo compleanno – data che coincide con il solstizio d’inverno, il Winter Fe’, un periodo molto particolare per le creature mannare – suo padre, il capobranco, viene a conoscenza della morte della morte dell’Alpha della contea confinante per mano di un licantropo sanguinario, Nicholas Hasson. L’accaduto mette in allerta tutti. Il branco è in pericolo, Gwen è in pericolo. E presto nulla sarà più come prima. 




Recensione

Ho trovato questo libro per puro caso su Wattpad* in un momento in cui ogni storia che leggevo sembrava quasi scontata, pensando quindi di avventurarmi nel solito libro di turno dalla bella trama e con un interno discutibile, ovvero il prossimo da far finire nella lista da scartare.
Tuttavia, mi sono dovuta ricredere. 

Gwenfyr, semplice ragazza di Boston, cresciuta in una fattoria insieme al fratello Chase e il padre Roderick, saprà portarvi nel loro mondo fatto di amore, morte, stranezze, follie, crudeltà, tradizioni e umiliazioni. L’unica vostra guida sarà l’istinto più puro e primordiale di una ragazza nelle cui vene scorre sangue mannaro. Bloccata, incastrata e costantemente divisa tra due realtà di cui non avrebbe mai potuto far davvero parte. Troppo soprannaturale per essere umana, troppo umana per essere un lupo mannaro. 

La loro famiglia non era come le altre, proveniva da un’antica stirpe di licantropi. Mannari dal sangue puro da generazioni, che mantenevano alto il loro lignaggio. Tranne lei, Gwen che, ad ormai ventidue anni, aveva dovuto arrendersi alla realtà e rinunciare alle false speranze che avevano cercato di seguirla fino alla fine. Non si sarebbe mai trasformata. Era “difettosa”. L’eccezione che smentisce la regola, e neanche lontanamente concepibile per il mondo a cui avrebbe dovuto appartenere.
Roderick e Chase saranno lo scudo contro il mondo. L’unico posto che può essere chiamato casa, ma i cambiamenti sono parte della vita e non sempre sono così facili da accettare. Gwen sarà un personaggio per cui proverete pena, dal carattere a tratti capriccioso e infantile ma che, grazie alla sua impulsività, vi lascerà l’amaro in bocca per aver preso decisioni in cui altri avrebbero esitato. 
"Ha dovuto tenerti all’oscuro. Papà sapeva che non te ne saresti mai andata dal Tennessee senza di lui, che ti saresti fatta ammazzare piuttosto" cercò di spiegarmi. Poi aggiunse: "Cosa che hai quasi fatto alla fine."
L’autrice a mio parere, sarà in grado di farvi appassionare a ogni pagina, facendovi dannare, odiare e amare i gesti più piccoli. Vi lancerà un bastone proprio come si fa con i cuccioli quando li si vuole far giocare, con l’unica differenza che non saprete a cosa andrete incontro quando lo porterete indietro. Ho seguito questa saga dagli inizi, ed è ancora in corso, ciò nonostante non vedo l’ora di scoprire in quale casino mi porterà la giovane protagonista continuando a leggere.
L’unica cosa che a molti potrebbe non piacere è la narrazione della storia in prima persona, tuttavia non manca nulla al racconto. È strutturato molto bene, ed è molto scorrevole la lettura.

*Il romanzo è stato pubblicato a capitoli su Wattpad per poi essere ripubblicato con La Corte Editore.





Commenti