giovedì 27 febbraio 2020

Le recensioni di Yaya: Affliction di Jenika Snow


Mafia Romance. Per Yaya sono qualcosa di irresistibile! E il titolo di cui ci parla oggi lo è. Ecco la sua recensione per Affliction di Jenika now, online dalla scorso mese con Hope Edizioni.

Titolo: Affliction

Autore: Jenika Snow

Editore: Hope Edizioni

Genere: Mafia Romance

Data di pubblicazione: 27 gennaio 2020


Sinossi

Prima di Cameron, non avevo mai conosciuto la vera oscurità… e non l’avevo mai desiderata così disperatamente.
Avevo lasciato che il mondo si abbattesse su di me e mi trascinasse a fondo, al punto che niente più aveva senso. Forse era quello il motivo per cui ora mi ritrovavo in quel casino? Forse era quello il motivo per cui mi ritrovavo con un uomo che ero sicura potesse salvarmi da un destino peggiore della morte. Anche se stare con Cameron e dargli fino all’ultima parte di me, l’unica parte che valeva qualcosa, ovvero il mio corpo, avrebbe potuto distruggermi, dovevo sopravvivere.
Signore della droga. Boss del crimine. Assassino. Avrei dovuto temerlo, inorridire di fronte a ciò che voleva da me, e da chi era. Ma, al contrario, mi sono ritrovata a volerlo accontentare, a volerlo compiacere, offrendomi completamente a lui.
Perché solo in quel modo potevo controllarlo.
Dal suo trono, Cameron Ashton regnava sul mondo della criminalità, della violenza e della depravazione. La sua spada era una pistola, e l’apatia il suo braccio destro. Sapevo che era pericoloso, che mi avrebbe spezzata senza pensarci due volte, ma era la mia unica possibilità, l’unico modo per sopravvivere.
Possessivo e maniaco del controllo, affermava di possedermi. E aveva ragione… possedeva ogni parte di me. L’oscurità in lui scorreva molto più potente e in profondità di quanto avesse mai fatto dentro di me. Forse, non eravamo poi così diversi. Forse, rinunciare al controllo per darlo a Cameron, offrendogli la mia stessa anima, rendeva me quella potente tra i due?
Forse, alla fine, sarei stata io a possederlo.

Attenzione: Il testo potrebbe trattare argomenti sensibili. Alla fine, questa è una storia d’amore, ma non una tradizionale.

Recensione

Ho letto questo romanzo perché intrigata dalla trama, e da amante del genere se c’è la possibilità non mi tiro mai indietro, anzi sono sempre una di quelle che si fa avanti perché non ho paura delle emozioni forti, non ho paura delle scene un po' più violente, e, vi dirò, alcune volte ne sento proprio la necessità. Eppure in questa circostanza, onestamente, sono rimasta delusa dal libro. Nonostante le premesse non erano male, alla fine non ne è valsa la pena.
No proprio per niente.
Mi dispiace ma, per la prima volta, ho veramente pochissimo da dire sia sulla storia che sul libro.

Nel corso della lettura conosciamo Sofia, la protagonista, una ragazza che a soli ventidue anni è sola, è stata abbandonata dalla sua famiglia e da sempre è sull'orlo della miseria; il suo lavoro non la gratifica e a stento riesce a pagare l’affitto. Si sente sola e persa, e l’unico modo che ha per svagarsi è rintanarsi in discoteca per ballare e provare a dimenticare così tutto quello che non va nella sua vita. E sarà proprio in discoteca che si metterà nei guai, fino a quando il proprietario del locale non la salverà da una situazione sbagliata.
Ma chi è quest’uomo misterioso?

Tutti lo conoscono, tutti sanno che è pericoloso. Cameron è infatti un uomo dal passato ambiguo, buio, oscuro.
Un uomo che si la salverà, ma che vorrà qualcosa in cambio.
Vi state chiedendo cosa? Non ve lo dico, altrimenti vi spoilero tutto il libro.

Per quanto mi riguarda io sono davvero perplessa, a parte il finale scontato, il libro non è stato sviluppato. E' come se l’autrice abbia messo insieme una serie di frasi senza, però, dare una giusta cornice. Mi sarebbe piaciuto conoscere qualcosa in più sui protagonisti, provare più empatia, più emozioni, cosa che non ho né trovato, né provato.
Ho letto che è il primo libro di una serie, beh spero che nei prossimi l’autrice riesca ad aggiustare un po' il tiro e a regalare qualche emozione in più.
Buona lettura, se vorrete, mie care disaster.


Nessun commento:

Posta un commento