martedì 25 febbraio 2020

Le recensioni di Viola: Houston di Shaw Montgomery


Intrigata dalla presenza di pizzo nella cover, prima ancora di leggerne la trama, Viola ha chiesto di poter recensire per il blog il romanzo di Shaw Montgomery, e già dalle prime pagine ha adorato il modo di fare di Houston.
Ecco la sua opinione per il titolo edito Quixote Edizioni.

Titolo: Houston

Autore: Shaw Montgomery

Editore: Quixote Edizioni

Serie: Leashes and Lace #1

Genere: Gay Romance Contemporaneo , QLGBT

Prezzo: 3.99

Data di pubblicazione: 20 Gennaio 2020


Sinossi

Houston sa chi è… ma la maggior parte degli uomini sembra non capire. Un dominante a cui piace indossare mutandine e indumenti di pizzo non è ciò che la maggior parte dei sottomessi si aspetta, quando guarda Houston. I dominanti forti e robusti dovrebbero apparire minacciosi, vestiti in pelle, e non con addosso del pizzo sexy. Quando lunghi sguardi e un bizzarro incontro con il suo nuovo coinquilino gli fanno pensare che potrebbe esserci qualche interesse da parte di Reece, Houston non sa come comportarsi. Reece è etero, giusto? Reece sa chi è… ma la maggior parte degli uomini sembra non capire. Reece sa di essere bisessuale da tanto tempo, ma i dominanti che ha incontrato sembrano incapaci di accettarlo. Quando il suo nuovo coinquilino fa sì che il suo lato da sottomesso venga a galla e implori di essere sculacciato, non sa come comportarsi. Houston dà ordini come un dominante esperto, ma Reece correrà il rischio di mettersi in imbarazzo e di essere cacciato di casa? Quando due uomini testardi rifiutano di riconoscere ciò che è proprio davanti ai loro occhi, potrebbe esserci bisogno di una spinta, per convincerli a vedere quella verità.

Recensione

Houston non ha bisogno di un coinquilino a tutti i costi poiché guadagna a sufficienza per potersi mantenere senza problemi ma gli serve per potersi permettere qualche viaggio in più senza andare ad intaccare le finanze, ma tutti quelli che hanno risposto all'annuncio non sono riusciti per svariati motivi a rimanere. Stanco di ritrovarsi in casa gente, a suo dire strana, appena apre la porta al potenziale nuovo coinquilino elenca nell'immediato ciò che gli piace e cosa no, che gira in mutande per casa - e fin qui nulla di strano - se non per il fatto che le suddette mutande sono lingerie di pizzo.

Il potenziale nuovo coinquilino si chiama Reece e non batte ciglio al monologo di presentazione di Houston; il loro dialogo iniziale mostra quanto il proprietario abbia un carattere deciso, autoritario, con modi leggermente bruschi e perentori e quando parla sembra dar ordini.
Reece è piacevolmente colpito dal modo di fare del suo nuovo padrone di casa, acconsente a tutte le regole “imposte”, non ribatte quando viene informato della lingerie perché vede uomini in mutande praticamente tutto il giorno nella ditta per cui lavora e cerca di essere un coinquilino perfetto perché sia la casa che il proprietario gli piacciono molto.

Reece è bisessuale ma per ora si è limitato ad aver Dom donne dato che non ha ancora trovato l’uomo giusto con cui provare a fare il sottomesso. Eh già, al nostro Reece piace essere sculacciato, gli piace che gli vengano dati ordini, è proprio nella sua natura gradire ordini.

La convivenza parte tutto sommato piacevolmente, con due persone che non si conoscono e che studiano le reazione dell’altro per inquadrarsi a vicenda. Entrambi interessati a scoprire se possono spingersi oltre ma con l’incertezza di confessar la voglia di fare il passo successivo. Si ritroveranno a lanciare il sasso e nascondere la mano per capire la reazione dell’altro.

Prima ancora di Dom e di sottomesso tra i due c’è di base altro. La paura di un rifiuto e il conseguente allontanamento uno dall’altro li porterà a non tentare finché qualcuno non ci metterà lo zampino col rischio di o rovinare tutto o di dar la giusta spinta ai due.

Devo dire che con questo libro mi son ritrovata spesso a sorridere. Se mi fossi trovata davanti a un personaggio come Houston lo avrei abbracciato d’istinto e saremmo andati d’amore e d’accordo. Ovvio, sarei stata invidiosa di come indossa le mutande di pizzo perché di sicuro stanno meglio a lui che a me ma ci sarei passata sopra volentieri! Si sorride anche grazie a quella gran prima donna viziata di  Eli e le sue litigate con Roman che, a questo punto, credo saranno i prossimi protagonisti della serie e se ne abbiamo viste delle belle già in questo volume credo che con loro ci saranno i fuochi d’artificio.



Nessun commento:

Posta un commento