martedì 28 gennaio 2020

Le recensioni di Yaya: "Sergio" di Natasha Knight


La seconda recensione di oggi è molto particolare: Sergio di Natasha Knight, edito Quixote Edizioni.
Con Yaya torniamo a parlare della serie Benedetti Brothers, serie mafia romance che ha conquistato il suo cuore.
Unica avvertenza: se non avete letto Salvatore, di cui qui trovate la recensione, potreste trovare degli spoiler. Attenzione!

Titolo: Sergio – Edizione Italiana

Autrice: Natasha Knight

Serie: Benedetti Brothers #2

Editore: Quixote Edizioni

Genere: Mafia Romance

Prezzo: €4,99 ebook

Data di pubblicazione: 17 gennaio 2020


Sinossi

Sono il primogenito del re della Mafia. Il prediletto. Destinato a comandare, un uomo pericoloso, senza pietà. Ma nel mio mondo, devi esserlo.
Poi Natalie è entrata nella mia vita. Posto sbagliato. Momento sbagliato.
Due volte il fato l’ha messa sulla mia strada.
Due volte il fato ha messo l’innocente pecorella nelle fauci del lupo.
Le ho dato la possibilità di andarsene. Le ho detto che sarebbe stato meglio per lei se lo avesse fatto.
Ma non mi ha ascoltato.
E ora è troppo tardi.
Perché non sono buono. Non ho mai voluto esserlo. E non la lascerò più andare via. Vedete, io non sono l’eroe. Quando la tocco, lo faccio con mani sporche.
So che la resa dei conti sta arrivando anche per me. So che brucerò per le cose che ho fatto, per i peccati che ho commesso. E non nego di meritare l’inferno, ma prima voglio il mio tempo. Voglio il mio tempo con lei.
Lei è mia.
Per sempre.
Niente può cambiarlo.




Recensione

"Perché non dormi?...perchè il tempo sta per scadere."

Il tempo è, infatti, un lusso che non tutti hanno.

!ATTENZIONE!

- SPOILER IN ARRIVO -
se non avete letto Salvatore, ciò che leggerete ora sarà uno spoiler enorme!

Mi sono lasciata coinvolgere, trascinare, da questo secondo volume che, a differenza del primo, mi ha toccato profondamente, mi ha fatto piangere e soffrire, perché inconsciamente, nonostante sapessi già come si sarebbe conclusa la storia, ho sperato, fino alla fine, in un finale diverso.

A tutti viene concessa una seconda chance, un’opportunità in più, e mi sono chiesta quindi perché a questo personaggio invece è stata negata; mi sono chiesta perché l’autrice abbia deciso di negare proprio a Sergio, la possibilità di vivere e avere un lieto fine.
Però, alla fine, è valsa la pena leggere questo libro, e anche se ho accettato la sua decisione, se devo essere sincera completamente, spero che Natasha Knight decida di regalarci qualcosa in più, qualcosa che non è stato ancora raccontato su questo personaggio enigmatico, ma molto profondo, che sarà in grado di scombussolarvi e lasciarvi con l’amaro in bocca.

Consapevole del finale, ho letto il libro con apprensione, con tristezza, chiedendomi ogni volta quando sarebbe arrivato il momento in cui tutto sarebbe crollato, in cui sarebbe arrivato il dolore, perché in fondo lo sapevo che questo libro aveva qualcosa da darmi, da regalarmi, ma altrettanto qualcosa da prendersi senza il mio permesso, senza che io lo abbia voluto davvero.

 - FINE SPOILER -

Ora, andiamo per ordine.

Nel primo volume abbiamo avuto la possibilità di conoscere Salvatore, il secondogenito della famiglia Benedetti, in questo invece scopriremo Sergio Benedetti, il suo ruolo, il suo rapporto con i fratelli, tutto ciò che vorrebbe e che non può avere.
Essendo il figlio primogenito, sa che l'eredità il ruolo di capo della mafia, spetterà a lui un giorno, e che come tale il suo compito sarà quello di portare avanti gli affari di famiglia e far rispettare gli accordi presi per dimostrare ancora una volta il predominio assoluto che la famiglia Benedetti ha su tutte le altre famiglie mafiose.

Quanto un uomo può essere però eroe e carnefice? E quanto questi due aspetti sono presenti nella figura di questo giovane uomo?

Scoprirete presto che Sergio è un uomo oscuro, è un uomo cresciuto nella violenza; non ha mai vissuto con spensieratezza la sua età, le responsabilità sono ricadute su di lui sin da quando era ancora un bambino, le sue mani sono infatti macchiate dal sangue di più cadaveri di quanto riesca a ricordare.
Noterete che non c'è traccia di pentimento in lui, nessun rimorso. Ma Sergio non è solo questo, Sergio è un mondo intero, un mondo fatto di mille sfumature, malinconica ineluttabilità, il sentore di pericolo, e di precarietà lo accompagnerà sempre e durante tutta l’intera storia. Vive a mille con la consapevolezza però che il tempo è sfuggente e limitato. Che il tempo per lui è un lusso che non può concedersi.
Questo concetto, cambia quando Natalie entra nella sua vita.

Posto sbagliato. Momento sbagliato.

Due volte il fato l’ha messa sulla sua strada. Due volte sono bastate affinché tra loro nascesse un’alchimia speciale e allo stesso tempo pericolosa, e nonostante Natalie abbia avuto la possibilità di andarsene sapendo chi e come era Sergio, è invece sempre rimasta, perché l’amore, la passione sono sempre più forti della paura.
Scopriremo infatti proprio e grazie a Natalie un Sergio diverso, premuroso, attento, ma anche egoista, furbo; non riuscirà, anzi non vorrà mai allontanarla da se stesso, anche se sa che questo la condannerà a una vita, sempre piena di pericoli, e i suoi nemici potrebbero piegarlo colpendo il suo punto debole.
Ma di fronte all'amore vero, di fronte a quel sentimento puro, totalizzante, nemmeno un duro come Sergio può restare immune e indifferente.

«Sai cosa non avevo intenzione di fare?» chiede, riprendendo la nostra precedente conversazione, interrotta dalla sua brusca uscita. «Non avevo intenzione di innamorarmi di te.»

Il loro amore e la loro passione saranno un qualcosa di travolgente e totalizzante, qualcosa che vi lascerà con il fiato in sospeso dalla prima all'ultima riga.
Non voglio raccontarvi tutta la storia, vi lascio la possibilità di scoprirla da sole, vi lascio la possibilità di sentire sulla vostra pelle le emozioni, le sensazioni, le paure, i dolori, e le gioie vissute dai nostri protagonisti.

L’unica cosa che posso fare ora, è quella di ringraziare Quixote Edizioni per avermi permesso di conoscere la scrittrice e di conseguenza questa bellissima storia. Quindi grazie dal profondo del cuore.
Non mi resta quindi che augurarvi una buona lettura mie care disaster.


Nessun commento:

Posta un commento