giovedì 23 gennaio 2020

Le recensioni di Yaya: Cuore di ghiaccio di Leta Blake


Con Yaya torniamo nel periodo natalizio da poco terminato con "Cuore di ghiaccio" edito Quixote Edizioni. Le sarà piaciuto il primo volume della Home for the holidays series di Leta Blake? Scopriamolo!

Titolo: Cuore di Ghiaccio

Autore: Leta Blake

Serie: Home for the Holidays #1

Genere: QLGBT Contemporaneo – Tema Natalizio

Prezzo: €4,49 ebook

Data di pubblicazione: 18 novembre 2019


Sinossi

Il vero amore potrà scaldare un cuore di ghiaccio?

Quando Casey Stevens se ne è andato al college, quattro anni prima, ha interrotto il rapporto e chiuso ogni contatto con il suo migliore amico etero, Joel Vreeland. Sperava che il tempo e la distanza potessero diminuire il sentimento non corrisposto che provava, ma ciò che ha ottenuto è stato di perdere Joel ancora di più. Tornato a casa per le vacanze di Natale, Casey spera di poter trovare un modo per tornare a essere amici, ma la gelida accoglienza di Joel gli ricorda quanto sia stato difficile lottare per essergli amico la prima volta. Ci vorrà un miracolo di Natale per superare di nuovo quella facciata gelida.
Joel non è così etero come crede Casey, e negli ultimi anni, oltre al dolore per la perdita dell’amico, che lo ha lasciato solo, ferendolo profondamente, ha dovuto prendersi cura di un padre violento, lottando per sopravvivere. Incapace di fidarsi di chiunque, se non del suo cane che ha trovato e salvato, e senza alcun motivo per credere che Casey sia interessato a lui per qualcosa di più che un’avventura per le vacanze, il cuore di ghiaccio di Joel potrebbe frantumarsi prima ancora di sciogliersi.
L’amore di Casey e Joel riuscirà a superare la sfiducia, il rifiuto dei genitori, le differenze di classe e quattro anni di distanza?

Cuore di Ghiaccio è un romanzo natalizio autoconclusivo dalla penna di Leta Blake, con un protagonista vergine, un’amicizia d’infanzia che si trasforma in amore, seconde occasioni e scene bollenti.

Recensione

E costa cara la fragilità
Per chi un posto nel mondo non ha
In questo viaggio nell'infinità
So che l'amore no, non passerà
E se poi torni tu passa di qua
È una bugia anche la verità
In questo viaggio nell'infinità
So che l'amore no, non passerà
Ultimo - Sabbia

E’ la prima volta che leggo un libro di questa autrice e, devo essere sincera, mi ha sorpreso positivamente. E' riuscita a dare vita a dei personaggi veramente speciali, nonostante siano state mille le difficoltà che entrambi hanno vissuto.

Non è stato facile inizialmente per me entrare in sintonia con loro, ma nel corso della lettura le emozioni sono state tantissime, tanto che ho sofferto, pianto, ma anche sorriso con loro ed è stato bello essere spettatrice della loro rinascita, della loro felicità e così pian piano, con i loro pregi, difetti sono riusciti ad arrivarmi in fondo al cuore.
Non voglio essere presuntuosa ma sono sicura che, se darete una possibilità a questa storia, anche voi ne sarete conquistate.
Sarebbe impossibile il contrario.

Ma andiamo per ordine:
Casey e Joel sono amici da sempre, cresciuti insieme, stessi amici, sono uno la spalla dall’altro, ma il fatto di provenire da famiglie di estrazione sociale diverse ha sempre creato dei problemi. Ovviamente loro sono più forti dei pregiudizi, più forti di ciò che li vorrebbe divisi, ma qualcosa con il tempo cambia e da quando Casey Stevens se ne è andato al college, quattro anni prima, ha interrotto il rapporto e chiuso ogni contatto con il suo migliore amico etero, Joel Vreeland.
Perché?
Beh è molto semplice, Casey da sempre è innamorato di Joel ma ha paura di perderlo, ha paura di soffrire, ha paura di disgustarlo, e per questo scappa, pensa che allontanarsi da tutto e tutti potrebbe farlo stare meglio, dargli una parvenza di normalità, cominciare una nuova vita, magari innamorarsi, e andare avanti. Ma scappare è davvero la soluzione giusta?

È stato doloroso per me prendere consapevolezza di come l’Amore, quel sentimento meraviglioso, quel sentimento che vi auguro di incontrare una volta nella vita, possa far del male, possa distruggere speranze, emozioni, sogni di un giovane uomo.
Per Casey non è stato facile fare i conti con la sua sessualità, è per questo che nel corso della lettura scopriremo in realtà quanto sia un personaggio fragile. Nonostante sembri forte, per poter andare avanti e capire se stesso ha infatti avuto bisogno di un aiuto esterno.
Nonostante abbia una famiglia unita, è cresciuto con un padre padrone che cerca solo di comandare senza mai dimostrare il suo affetto o semplicemente la sua approvazione, e questo alla fine ha portato alla distruzione del loro rapporto.

Anche per Joel la situazione non è delle migliori, il padre, infatti, oltre ad essere rigido, è anche omofobo e violento e spesso ha scaricato tutta la sua cattiveria e frustrazione proprio su di lui, incolpandolo anche della morte della moglie.
Chi mai farebbe una cosa del genere? E soprattutto questi atteggiamenti quanta sofferenza causano nelle persone su cui le riversiamo?
Sebbene siano passati quattro anni, tornato a casa per le vacanze di Natale, Casey spera di trovare un modo per tornare ad essere amico di Joel, lo vuole con tutto il cuore, con tutto se stesso, e farà di tutto, ma proprio di tutto per riuscirci.
Questo però non sarà per niente facile, tante saranno le difficoltà, le paure, le incomprensioni che dovranno affrontare, tanti i segreti da rivelare e da scoprire perché nessuno dei due ha avuto una vita facile.

Joel è infatti incapace di fidarsi degli altri, l’unico degno della sua fiducia è il suo cane che ha trovato e salvato, e non ha nessun buon motivo per credere che Casey sia interessato davvero a lui, se non per un’avventura durante le vacanze. Ma sarà davvero così???
Ha paura che il suo cuore, quel cuore che batte per il suo migliore amico, ma che ha rivestito di ghiaccio per proteggersi, potrebbe frantumarsi prima ancora di sciogliersi.
Nel corso delle pagine e durante la lettura arriverete ad avere la consapevolezza però che insieme sono perfetti, che solo insieme possono essere completi, che solo insieme possono essere felici, avranno solo bisogno di tempo, e soprattutto dovranno capire entrambi come guarire se stessi prima di poter stare insieme.

«Per essere chiari, me ne sono andato senza più cercarti perché volevo baciarti…
E io ti ho lasciato andare perché volevo che mi baciassi, e avrei voluto molto più di quello.»

«E tu che credevi di non essere degno di ricevere aiuto dalle persone, di essere amato anche, ma ti sbagliavi.»

Non demoralizzatevi, perché alla fine siamo in quel periodo dell’anno in cui alcune volte, e solo per alcuni fortunati, i miracoli diventano realtà, perciò arrivate alla fine della lettura perché vi assicuro che ne varrà davvero la pena.
Non mi resta che augurarvi buona lettura mie care disaster.


Nessun commento:

Posta un commento