martedì 21 gennaio 2020

Le recensioni di Barbara: La scelta di Josefine di Doug Gold


Disastri oggi Barbara ci parla di "La scelta di Josefine", romanzo ispirato ad una incredibile storia d'amore ambientata durante la seconda guerra mondiale, scritto da Doug Gold, ed edito Newton Compton Editori.

Titolo: La scelta di Josefine

Autore: Doug Gold

Editore: Newton Compton Editori

In uscita il: 08/01/2020

Prezzo: € 3,99


Sinossi

Dopo l’arresto e la tortura dei fratelli da parte dei nazisti, Josefine Lobnik decide di unirsi ai partigiani e combattere per la liberazione della Slovenia. Se questo significa aiutare gli inglesi e gli Alleati, è ben felice di dare il suo contributo. Quando assiste all’esecuzione sommaria di venti innocenti nella piazza della città di Maribor, Josefine teme che la stessa sorte possa essere toccata anche a uno dei suoi fratelli, di cui non ha più notizie. E così prende una decisione coraggiosa: avvicinarsi al campo di lavoro per chiedere notizie a un prigioniero. Quando lo portano al campo Stalag XVIII-D, vicino a Maribor, Bruce Murray promette a sé stesso che farà tutto il possibile per sabotare i tedeschi e scappare. Mentre passeggia lungo la recinzione, una domenica mattina, una giovane donna gli consegna un biglietto. È l’inizio di un grande amore, nato nell’ora più buia della storia europea, e destinato a durare per sempre.

Recensione

Quando si dice che il destino troverà il modo di farti conoscere la persona a te destinata, in questo caso è perfettamente vero!!

Bruce è un giovane uomo neozelandese che, per una sorta di gioco, si arruola con i suoi due migliori amici; dopo un duro addestramento si ritrova in Europa a combattere per la liberazione della Grecia e si rende conto di non aver mai neanche lontanamente immaginato la durezza e la crudeltà della guerra. Come se non bastasse durante la ritirata si ritrova con il suo battaglione sulla strada sbagliata e quindi impossibilitato a prendere la nave di recupero. Dopo una breve fuga viene catturato e spedito come prigioniero di guerra in diversi campi fino a giungere in Slovenia.

Una domenica durante un giro nel campo vicino al filo spinato viene avvicinato da una vecchia donna del luogo che gli consegna un bigliettino. Bruce si rende conto che, in realtà, la donna è molto giovane ed ha degli incredibili occhi verdi. Per quegli occhi, pur non capendo nulla di quello che gli dice, si impegna ad aiutarla e la protegge anche dalle guardie che provano a spararle addosso. La donna non torna più e così si ingegna a farle avere risposta con mezzi alternativi ma di lei non ha più notizie.

Sotto le mentite spoglie di una vecchia si nasconde Josefine, giovanissima e coraggiosa slovena, che per avere notizie del fratello, scomparso e forse catturato, e dopo aver assistito all'esecuzione di alcuni civili per rappresaglia, si reca al campo di prigionia in cerca di notizie. Dopo aver consegnato il biglietto, fuggendo si fa male per cui non riesce più a tornare. Riceve comunque dopo un po' di tempo la risposta del prigioniero e non avendo ancora notizie certe del fratello decide di entrare a far parte delle fila dei partigiani per avere un ruolo attivo nella liberazione del paese. Proprio per questo suo ruolo si muove costantemente tra la Slovenia e il confine con l'Austria alla fattoria di alcuni suoi parenti, consegnando documenti e accompagnando per brevi tratti i fuggiaschi.

Tempo dopo il fortuito incontro, Bruce viene trasferito nuovamente e mandato a lavorare in una fattoria al confine e lì riconosce Josefine proprio per quegli straordinari occhi verdi che non ha mai dimenticato. Inizia così per loro un avvicinamento graduale e inevitabile, ostacolato da tutti e proprio per questo tenuto ben nascosto.

La fine della guerra si avvicina, i pericoli sono sempre maggiori e loro vivono ai poli opposti del mondo.Riusciranno a uscire indenni dal conflitto e soprattutto potranno sognare e sperare in un futuro insieme?

Bruce Murray, il nostro protagonista, è un tipo intraprendente, leale ed esigente, non si arrende alle avversità e combatte con tutto se stesso e per quanto gli è possibile alle ingiustizie di cui è testimone; si ritrova infatti spesso in isolamento e tenta più e più volte la fuga. La guerra lo mette a confronto con il suo carattere, con le sue mancanze, con le perdite dolorose, e soprattutto con quello che effettivamente vuole per il futuro. Prima di tutto però deve uscirne vivo ed è decisamente quello che si ritrova a fare per tutto il tempo!

Josefine, la nostra cara Josefine, è una vera forza della natura; pur giovanissima si mette al servizio del proprio paese unendosi ai partigiani e cercando di contrastare per quanto possibile l'invasione dei tedeschi. Tutta la sua famiglia in realtà è a favore della resistenza e, in un modo o nell'altro, contribuiscono alla causa, non si piegano alle avversità e provano con ogni mezzo ad aiutare chi ha bisogno. E' una donna tenace e coraggiosa, battagliera e fiera; con Bruce scopre l'amore e contemporaneamente l'ansia e l'angoscia per il futuro.

Una storia di amore, coraggio, passione, sacrificio e speranza. La speranza di sopravvivenza, la speranza per il futuro di coppia, la speranza per un mondo migliore. La scelta di Josefine ci insegna a non arrendersi mai e a pensare che anche nei momenti più neri e orribili, un incontro può cambiare la vita e tutta la sua prospettiva.


Nessun commento:

Posta un commento