giovedì 2 gennaio 2020

Le recensioni di Barbara: La bambina perduta di Carol Wyer


Cambiamo genere e parliamo di un thriller edito Hope Edizioni.
Barbara ci parla di La bambina perduta, primo volume della Robyn Carter series, di Carol Wyer.

Titolo: La Bambina perduta

Serie: Robyn Carter #1

Autore: Carol Wyer

Genere: Thriller

Data di uscita: 6 dicembre 2019


Sinossi

Una famiglia perfetta nasconde torbidi segreti. Un assassino vuole che la verità venga a galla.
Abigail vive una vita perfetta con un marito attraente e ricco che stravede per lei e l'adorabile figlia di pochi mesi, Izzy. Ma qualcuno sa che lei nasconde un segreto inquietante e inizia a mandarle messaggi minacciosi da un numero anonimo. Cos'ha da nascondere Abigail?
In un'altra cittadina, un insegnante scompare in circostanze misteriose e un milionario viene trovato morto nei pressi del lago vicino a cui viveva.
Per l'ispettrice Robyn Carter non c'è un nesso ovvio tra le vicende dei due uomini finché Izzy non verrà rapita in un parcheggio. Il suo istinto le dice che il rapimento di Izzy è in qualche modo legato ai due casi su cui sta indagando, ma l'ultima volta che ha agito d'istinto le conseguenze sono state tragiche. Quindi, per risolvere il caso e riconquistarsi un posto nelle forze dell'ordine, Robyn dovrà per prima cosa imparare di nuovo a credere in se stessa, perché ora si trova alle prese con un assassino spietato e se non lo fermerà in tempo… una bambina morirà.

Recensione

Personaggi e storie che si intrecciano in maniera mirabile e superlativa in questo thriller intitolato "La bambina perduta", dove ogni pagina e ogni mistero svelato vi porteranno a riconsiderare ogni vostra opinione nei confronti dell'assassino e forse, se non a giustificare, almeno a comprendere qualche suo atto o sentimento di vendetta.

L'ispettrice Robyn Carter rientrata in servizio dopo un anno di pausa per  riprendersi da un evento traumatico personale, si trova a fare i conti prima con la scomparsa di un insegnante di musica e poi con una serie di morti all'apparenza accidentali ma che si rivelano omicidi  tutti collegati tra loro. Starà a lei cercare il nesso e soprattutto anticipare le mosse dell'assasino per evitare che il passo finale sia la morte di una bimba innocente. Robyn è una della figure principali dell'intera storia, è una donna che  lotta per tenere il passo e non perdersi nel buio del passato, è una figura carismatica con una forza impressionante però terribilmente sola.

La bimba in pericolo è figlia di Abigail, giovane donna con una vita all'apparenza perfetta, vittima di uno stalker spietato che le sconvolge la vita con biglietti e telefonate di minaccia di rivelazione di segreti suoi e di Jackson, suo marito. Le instilla dubbi sul suo matrimonio e rovina tutti i suoi rapporti sociali spargendo veleno e cattiverie a suo nome sui social.

In un'alternanza di passato e presente entriamo anche nella mente dell'assassino e ripercorriamo passo passo la storia che l'ha condotto alla follia e alla decisione di eliminare tutte le persone che hanno rovinato la sua vita.

Un romanzo complesso e ricco di personaggi e prospettive, che prende il lettore fin dalle primissime pagine e lo porta fino alla fine facendogli provare orrore, rabbia, repulsione e senso di ingiustizia. Una storia che si spartisce equamente tra i tre personaggi principali facendogli vivere tre esistenze e facendogli provare sulla propria pelle emozioni e reazioni uniche in perfetta sincronia con le pagine lette.
Lo fa scontrare con il dolore di Abigail per il rapimento della sua piccola e con quello di Robyn per tutto le sue emozioni ancora sopite e non elaborate.
Ma soprattutto, a parer mio, la bellezza di questo romanzo sta tutto nella figura dell'assassino, nella scoperta del suo passato e della sua ossessione, della sua evoluzione e della sua vendetta.

Quindi carissimi disastri appassionati di thriller vi invito a leggerlo e a immergervi in questa storia dove nulla è scontato e nessuno è propriamente trasparente.




Nessun commento:

Posta un commento