giovedì 16 gennaio 2020

Le recensioni di Barbara: Il faro delle anime ritrovate di Maria Laura Caroniti


"Il faro delle anime ritrovate" di Maria Laura Caroniti è il romanzo di cui ci parla oggi Barbara. Leggiamo cosa ne pensa del titolo edito Triskell Edizioni.

Titolo: Il faro delle anime ritrovate

Autrice: Maria Laura Caroniti

Genere: Contemporaneo

Data di pubblicazione: 23 novembre

Prezzo ebook: € 5,99 – in promozione a € 4,99 fino a fine mese


Sinossi

Sevan Facinelli è un architetto italoamericano che lavora a New York per una prestigiosa società di ingegneria di cui ambisce a diventare socio, forte soprattutto dell’imminente fidanzamento con Rebecca Loewenthal, la figlia del fondatore dello studio. Introverso, solitario e carismatico, Sevan sembra tuttavia incapace di prendere le distanze da un’avventura che rischia di fargli perdere tutto quello per cui ha lottato. In rotta con il fratello di Rebecca, Noah, e poco presente al lavoro, Sevan deve fare i conti anche con la notizia della morte di Clara Bark, cui in passato era stato legato da un rapporto ambiguo e morboso.
Partito alla volta di Cape Cod per il funerale, Sevan scopre che Clara ha espresso, nelle sue ultime volontà, il desiderio che lui ristrutturi un vecchio faro, acquistato da lei prima di morire. Vincolato dal testamento a seguire i lavori senza la possibilità di appoggiarsi alla Loewenthal & Associati, Sevan decide di rimandare il fidanzamento con Rebecca e di vivere nella casa attigua al faro con Amoret Reed, l’ingegnere che Clara ha voluto nel progetto e che abita lì da sempre.
L’attrazione tra i due è immediata, ma entrambi sembrano decisi a non assecondarla.

Recensione

"Il faro delle anime ritrovate", una storia d'amore particolare, piena di mistero e di suspense; una storia sulle debolezze dell'animo umano e sui "miracoli" che i sentimenti reali e veritieri possono compiere anche in quei casi in cui ogni speranza sembra perduta.

Sevan Facinelli è un professionista  di talento che ha puntato tutta la sua vita al raggiungimento di un'unico scopo: entrare nella rosa degli associati della  Loewenthal, uno studio di noti architetti al quale il padre ha dedicato la vita ma da cui non ha riscosso il successo che  meritava.  Rimasto orfano e dopo un periodo di vita vissuto per strada in un quartiere a rischio, con tenacia e forza d'animo è riuscito a laurearsi a pieni voti e ad entrare nello studio. Per ottenere il massimo della soddisfazione e della realizzazione del suo sogno è fidanzato con Rebecca, anche lei architetto e figlia del titolare. A pochi giorni dal fidanzamento scopre di aver ricevuto in eredità da Clara, una donna importante del suo passato e con la quale aveva un rapporto molto intimo e particolare, una proprietà con un faro  e condizione essenziale del lascito deve occuparsi dei lavori di ristrutturazione insieme all'architetto che vive nella proprietà e che ha assistito Clara nell'ultimo periodo della sua malattia.

L'architetto è in realtà una donna, Amoret  Reed, che ha sempre vissuto nella proprietà essendo la figlia del guardiano del faro. Pur rendendosi di conto di complicare in maniera drastica la sua vita, Sevan accetta la direzione dei lavori e si trasferisce nella casa adiacente al faro, insieme ad Amoret,  spinto anche dall'attrazione e dai sentimenti particolari che dal primissimo istante avverte nei suoi confronti.  Anche Amoret è decisamente coinvolta, ma abbandonata senza spiegazioni una sera all'arrivo di Rebecca, dopo un chiarimento e un avvicinamento particolarmente intenso e sentito, inizia tra loro un periodo difficile, reso ancora più complicato da uno strano dono di Amoret  cui tutto il paese crede fermamente e che rende invece Sevan scettico e diffidente.

Sevan è un uomo ombroso e complicato, con un carattere scontroso e poco incline alla tenerezza e ai sentimenti d'amore. Con un passato sofferto e doloroso, con frequenti attacchi di panico e una pericolosa dipendenza, non riesce a legarsi e a provare sentimenti forti e duraturi nei confronti di nessuno, per questo dedica tutta la sua vita e le sue energie al lavoro.
L'incontro con Amoret mette in discussione tutte le sue priorità e le sue scelte di vita.
Ma sarà capace di fare la scelta giusta e di concedersi la tranquillità che deriva dall'amore ricambiato, di rinunciare alla vita a cui si è volutamente consacrato e soprattutto quando il destino sarà contro di lui sarà così forte da superare ogni avversità?

Amoret è una donna forte e determinata con un carattere solare e aperto. Chiamata da tutti la bambina del faro per la sua appartenenza al luogo e al mare ha in sé una forza d'animo che la aiuterà dal primissimo momento a capire e ad amare Sevan nonostante tutti i suoi spigoli e la sua irrequietezza.  Pur provando un sentimento molto forte, Amoret è restia a lasciarsi andare e ad accettare di essere causa di rottura tra Sevan e Rebecca, e cosa ancora più importante non è disposta a scendere a nessun tipo di compromesso per averlo nella sua vita.

Tanto ho amato il personaggio di Amoret  all'inizio, tanto ho provato avversione per quello di Sevan.
Ma andando avanti e prestando particolare attenzione ai dettagli, ai segreti svelati, allo svelarsi del suo passato e del suo essere ho cominciato ad apprezzarlo, ad comprendere  le sue paure, le sue insicurezze, le sue fragilità, il suo essere così crudo eppur così vero, così umano e imperfetto.

E' un libro quindi cui a parer mio va dedicata un'attenzione particolare per non fermarsi all'apparenza e alle prime impressioni e come spesso accade nella vita nel non farsi influenzare dalle maschere che spesso si indossano per proteggersi e tutelarsi .
Consigliato per chi ama le storie complicate e i romanzi diversi e difficili da definire e inquadrare in uno stereotipo ben definito.


Nessun commento:

Posta un commento