giovedì 23 gennaio 2020

BookRoad: Uscite del 23 gennaio 2020



Escono oggi quattro nuovi titoli con BookRoad. Vi intriga qualche trama?

Titolo: Dystopia – Il destino dei mondi

Autore: Matteo Bagnus


Sinossi

Matthew Deuce sarebbe un ragazzo come tanti altri se non fosse per quelle strane voci che continuano a infestargli la mente. Suo padre Frank è il proprietario di un’importante ditta farmaceutica, la Sunrise, e lo ha sempre trattato come un pazzo. Matthew, però, ha deciso di ribellarsi e così Frank sperimenta su di lui l’installazione di una protesi robotica militare.
Poco prima di scontrarsi con suo padre, Matthew viene catapultato in un’altra dimensione, un universo alternativo ma molto simile al suo che lo metterà di fronte ad altre versioni di se stesso e che gli permetterà di imparare a controllare uno straordinario potere che non sapeva nemmeno di possedere.
Il viaggio di Matthew non servirà soltanto per impedire a Frank di estendere il proprio dominio su tutto l’universo ma anche come tappa essenziale per scoprire l’amore e per raggiungere quindi l’età adulta.


Titolo: Habemus Mortuus

Autore: Erik Facchetti


Sinossi

“La Morte ha deciso: appenderà la falce al chiodo per sempre.
Potrà il Mondo Di Sotto fare a meno di lei?”

Esse Effe e l’imprenditore Tommaso Baldi si ritrovano a viaggiare verso la dimora della Morte per convincerla a non gettare la scure. Nel loro viaggio a Mondo Di Sotto, si scontreranno con un vero e proprio paradosso: la vita nel mondo dei morti.
In questa versione dell’Aldilà così poco convenzionale, è possibile andare in un centro estetico per zombi, riabbracciare i parenti defunti, studiare Filosofia della morte, atterrare nell’aeromorto del Dipartimento di Mediazione Mortuaria o festeggiare il gran gala del 2 novembre in compagnia di Iginus Davies, maggior morto del conte Mezzabile.
Ma non finisce qui, perché il Mondo Di Sotto consente al neomorto di provare anche l’esperienza
più terrificante di tutte: incontrare la Morte in persona.


Titolo: Mentre dentro è autunno

Autore: Rossella Mastropaolo


Sinossi

Selene è un’adolescente alle prese con i problemi tipici di quell’età e con una situazione familiare tutt’altro che semplice. Dopo la morte del padre, il dolore complica il rapporto con sua madre, che smette di prendersi cura di lei e dei suoi fratelli minori.
Per fortuna, la ragazza può affrontare tutte queste avversità prima grazie all’amicizia di Giulio, che la aiuta a superare un periodo difficile e pieno di turbamenti, e poi con l’amore per Angelo, di cui Selene si innamora fin dal giorno del loro primo incontro.
La scrittura diventa la sua unica valvola di sfogo, vera e propria terapia per guarire il dolore dell’anima. È infatti soltanto nelle pagine del suo quaderno che Selene riesce a sentirsi veramente libera dai pesi e dalle responsabilità, dando forma al suo dolore e ai suoi sogni.


Titolo: L’anello di Caterina

Autore: Ludovica Saracino


Sinossi

Quando il telefono inizia a squillare, Caterina ancora non immagina i cambiamenti radicali che subirà la sua vita. Sono già diversi anni che vive a Londra e che ha deciso di mettere una pietra sul passato e su tutto ciò che l’ha spinta a scappare da Siena, come per esempio il difficile rapporto con la sua famiglia. Ma la morte improvvisa di nonna Maria la mette di fronte a una sola possibilità:
come unica erede, deve rientrare in Italia e partecipare alla lettura del testamento.
Il ritorno in patria, però, si rivela tutt’altro che una decisione felice: la morte della nonna, rinomata storica e grande studiosa della vita di Santa Caterina da Siena, ha attirato l’attenzione dell’intera comunità senese e di misteriose personalità accademiche interessate a un segreto di famiglia che la donna ha cercato di proteggere per tutta la vita.
Caterina lo sa bene: spesso la nonna le parlava di un misterioso anello scomparso appartenuto
proprio alla Santa, capace di incredibili miracoli e nascosto da secoli proprio nel centro medievale
di Siena. Ma quella che per lei è stata poco più di una favola della buonanotte, presto si trasforma in
una realtà fitta di insidie.

Nessun commento:

Posta un commento