mercoledì 13 novembre 2019

Le recensioni di Viola: McFarland's farm di Cardeno C.


In attesa della pubblicazione del secondo volume della serie Hope di Cardeno C., oggi Viola ci parla di McFarland's farm sempre edito Triskell Edizioni.

Titolo: McFarland’s farm (edizione italiana)

Serie: Hope#1

Autore: Cardeno C.

Editore: Triskell Edizioni

Genere: Contemporaneo

Data di pubblicazione: 24 agosto

Collana: Rainbow

Prezzo: €3.99


Sinossi

Storie emozionanti. Solidi legami. Amore eterno.
Il ricco e attraente Lucas Reika vive la sua vita come una festa, passando da un bar e da un uomo all’altro. Facendosi beffe della richiesta di iniziare a guadagnarsi da vivere da parte del padre, proprietario di numerosi ristoranti, seduce invece un cuoco molto apprezzato del loro locale di punta. Ciò spinge il genitore a dargli un ultimatum: può perdere l’accesso al denaro di famiglia o andare a vivere nel bel mezzo del nulla insieme a un uomo per cui prova segretamente un profondo desiderio.
Jared McFarland, uomo riservato e gran lavoratore, ama la sua fattoria ai margini di Hope, in Arizona, ma vorrebbe avere qualcuno da cui tornare a casa alla fine delle sue giornate. Per fare un favore a un amico accetta di ospitare l’uomo per cui ha una cotta da molto tempo. Ma quando Lucas invade il suo cuore oltre che i suoi spazi, deve decidere quanto di se stesso è disposto a rischiare, e se può offrirgli abbastanza da farlo rimanere lì dopo la fine del castigo del padre.

Recensione

Oggi vi parlo del primo volume della serie Hope di Cardeno, serie ambientata a Hope, cittadina di tremila anime dove tutti bene o male si conoscono.
Jared McFarland ha un'azienda agricola in cui coltiva frutta e verdura bio con passione, dedizione e sacrificio.
Jared è quasi due metri d'uomo capelli rossi, barba incolta e occhi grigio-verdi e indossa anche quelle camicie a quadri per cui io sbavo al solo nominarle. 
Alla fattoria è da solo, la sua routine è sempre la stessa finché la telefonata della sua ex moglie e ora migliore amica Susan non stravolge il suo equilibrio.

Susan ha bisogno che Jared aiuti il suo fratellastro Lucas a mettere la testa a posto; ha vent'anni, è viziato, cambia uomo spesso e volentieri ed è il numero uno a far casini fino a quando ne fa uno troppo grosso a spese del padre.
I due si sono già incontrati tramite Susan, entrambi hanno avuto un'attrazione per l'altro mai confessata a gesti o ad alta voce quindi il loro interagire sembra uno scontro tra Davide e Golia perchè per quanto alto e massiccio sia Jared, Lucas è più piccolo sia d'età che di stazza ma ha la lingua tagliente e l'empasse tra i due ha tempi brevi. Lucas fa i capricci e Jared non si fa scrupoli a "raddrizzarlo".
Riusciranno a tenere nascosta la reciproca attrazione nonostante siano obbligati a stare sotto lo stesso tetto?

In questo primo capitolo della serie la storia è racchiusa in poco più di un centinaio di pagine e si legge tranquillamente in un paio d'ore. Lo stile e il modo di far interagire i personaggi è sempre lineare e spesso ironico, con quella punta di imbarazzo che ti fa apprezzare i protagonisti anche se da fuori sembrano essere degli orsi - la scena in cucina con un Jared che balbetta è stata fantastica. Mi sarebbe piaciuto fosse ampliata la storia delle due prime settimane alla fattoria piuttosto che saltarle e arrivare al dunque. Ma è il mio punto di vista e gusto personale.
Lucas e il suo modo di difendersi lo rendono inizialmente poco simpatico ma una volta capito che è una maschera, non si può non sorridere di lui. Ora non mi resta che andare a leggere il secondo libro della serie.



Nessun commento:

Posta un commento