giovedì 17 ottobre 2019

Le recensioni di Yaya: "Quando ero una farfalla" di Elisabetta R. Brizzi


Avete già letto "Quando ero una farfalla" di Elisabetta R. Brizzi? Se la risposta è no, la nostra Yaya vi darà un motivo in più per non perdere altro tempo. Seguiteci e scoprirete cosa ne pensa del romanzo edito Hope Edizioni.

Titolo: Quando ero una farfalla

Autore: Elisabetta R. Brizzi

Edizione: Hope Edizioni

Prezzo: € 3.00

Genere: romanzo rosa

Data di pubblicazione: 04 ottobre 2019


Sinossi

Quando Alessandro, giovane promessa del mondo della musica, muore improvvisamente in un incidente stradale, le vite di Eleonora e Andrea sembrano spezzarsi in pezzi piccolissimi. Se per Eleonora, la tragedia segna la fine della sua storia d’amore, per Andrea, quell’evento determina la perdita di un fratello. Il dolore monta, la sofferenza soffoca, ma il tempo, dicono, aggiusta tutto. Per Eleonora giunge infatti il momento di tentare una nuova vita, di cedere a una nuova speranza e, forse, di lasciare che un paio di penetranti occhi azzurri sconvolgano il suo precario equilibrio.
È la mossa del destino che tanto aspettava? O forse no? Per quanto tempo un segreto può rimanere tale? L’amore, la perdita, la riconciliazione con se stessi.
Eleonora e Andrea, alla fine di tutto, dovranno rispondere a queste domande, perché i sentimenti, quelli veri, non sempre si possono cancellare o dimenticare. Quelli, prima o poi, tornano a galleggiare nel cuore.




Recensione

Non so se vi è mai capitato di guardare il cielo durante un corteo funebre, di assistere al suo mutamento. E' strano come un giorno di sole possa diventare tetro e buio, è come se anche il cielo e ciò che ci circonda assorba la nostra sofferenza.

Io purtroppo l'ho visto, tante volte ci ho fatto caso, e in una circostanza in particolare ho visto quel mutamento. Quel cielo è stato l’unica cosa che mi ha permesso di rimanere con i piedi per terra, è stato quel qualcosa a cui mi sono aggrappata perché mi sentivo in colpa, perchè ero spettatrice di un dolore troppo grande da sopportare, ma soprattutto ero una sorella che non ha avuto il coraggio di piangere, di urlare e imprecare per far uscir fuori quel dolore che nessuno dovrebbe mai provare, in quel momento il mio unico amico era il cielo nero, gonfio di nuvole. E' come se tutto si fosse concentrato lì in alto, come se tutto il mio dolore fosse arrivato fin lassù.

Leggere alcuni libri per me è davvero difficile, come è difficile tirare fuori questa recensione, esprimere quello che provo durante una lettura soprattutto quando l'ho sentita incisa sulla pelle, nel cuore, nell'anima. Per me non è mai semplice. Ecco lo ammetto questo libro mi ha distrutto, ma da masochista quale sono l'ho letto tutto d'un fiato, versandoci fiumi di lacrime e lasciandoci parte di me stessa.

Andrea e Alessandro sono fratelli, due metà di una stessa mela divisi in due corpi ma con una sola anima; amici prima di fratelli, confidenti, il loro rapporto è bellissimo. Sono sempre presenti l'uno per l'altro, li ho invidiati tantissimo ma non chiedetemi il perché non posso dirvelo. Quello che posso dirvi però è che ho amato questi due giovani uomini davvero tantissimo, sono diventati parte di me dalla prima all'ultima pagina.

Andrea è il fratello maggiore, ermetico, introverso, attraente, fa il medico adora suo fratello Alessandro, che è il suo esatto opposto solare, divertente, estroverso è un artista, ama cantare, e ama suo fratello, lo considera il suo eroe, il loro rapporto vi conquisterà ne sono sicura, così come è successo a me.

Probabilmente da un certo punto in poi della storia vi ritroverete ad odiare Andrea, e lo farete perché alcune volte è più semplice non vedere, non capire, non accettare alcune situazioni. Forse condannerete le sue scelte, i suoi sentimenti, ma io no, io non sono riuscita a farlo, non sono riuscita a condannarlo perché l’errore che commetterà gli costerà così tanto alla fine sarete voi a soffrire insieme a lui.

Alcuni errori sono così grandi che forse non possono esser perdonati, sono errori che nessuno dovrebbe commettere, e sono sicura che è quello che penserete nel corso della lettura, ma vi chiedo solo una cosa, aspettate, leggete la storia, cercate di guardare con gli occhi e il cuore del personaggio e ricordatevi che quando vi ritroverete o troverete di fronte all'amore niente sarà scontato, niente è così come sembra, l'amore non è mai banale, non è mai bianco o nero.
E perché l'amore quando arriva, arriva e travolge tutte le certezze che si hanno. Alessandro è riuscito a trovare quell'amore in Eleonora, sono bellissimi insieme davvero, sembrano perfetti l’uno per l’altra, sembrano i pezzi di un puzzle che solo se stanno insieme si possono incastrare correttamente.
Ma cosa succederà quando anche Andrea si accorgerà di provare dei sentimenti per lei? Per l'unica donna che forse non dovrebbe mai guardare?

Assisterete al suo conflitto interiore al suo allontanamento dalle persone che ama per non ferirle e per non distruggere il suo rapporto con Alessandro.
Ma fino a quando sarà in grado di riuscirci? E soprattutto ci riuscirà?

Tra passato e presente, tra emozioni contrastanti, tantissimo dolore preparatevi a leggere un libro che  mi ha fatto riflettere, imprecare, odiare la vita se è possibile, ma che ancora una volta mi ha fatto scoprire come l'amore sia davvero l'unica verità a cui aggrapparsi in ogni circostanza e soprattutto come sia  in grado di curare anche il più profondo dei dolori, anche se non sempre basta, e se leggerete il libro scoprirete anche il perchè.

Mi chiedo, chi ha fratelli sa quanto è fortunato?
Spero di si, spero che tutte/i voi lo sappiate e spero anche che nonostante i litigi, i battibecchi, gli scontri abbiate sempre la voglia e la capacità di chiarirvi, di abbracciarvi e soprattutto di vivervi. Fatelo perché la vita è breve, la vita ci sorprende sempre, e non sempre in positivo, ma anzi ho provato sulla mia pelle che, per quanto meravigliosa possa essere, alla fine è in grado anche di ferirci, perciò siate presenti per chi amate, fatelo per voi e soprattutto per tutti quelli che vorrebbero ancora farlo e non hanno più quella possibilità.

Non mi resta che augurarvi buona lettura, vi lascio con questa canzone che è There You'll be, tratta dal film Pearl Harbour, che mi ha fatto compagnia nel corso dell’intera lettura, una canzone adatta per me e Andrea.
Grazie Elisabetta per questa storia meravigliosa.


Quando ripenso a questi tempi
When I think back on these times

E i sogni che abbiamo lasciato alle spalle

And the dreams we left behind


Sarò felice perché sono stato benedetto per averti nella mia vita

I'll be glad 'cause I was blessed to get to have you in my life
Quando guardo indietro in questi giorni
When I look back on these days


Guarderò e vedrò la tua faccia

I'll look and see your face


Eri lì per me

You were right there for me
Nei miei sogni ti vedrò sempre librarti nel cielo
In my dreams I'll always see you soaring by the sky


Nel mio cuore ci sarà sempre un posto per te

In my heart there'll always be a place for you


Per tutta la mia vita

For all my life

Terrò una parte di te con me

I'll keep a part of you with me


E ovunque io sia lì sarai

And everywhere I am there you'll be

E ovunque io sia lì sarai

And everywhere I am there you'll be
Bene, mi hai mostrato come ci si sente
Well you showed me how it feels


Per sentire il cielo alla mia portata

To feel the sky within my reach

E ricorderò sempre tutta la forza che mi hai dato

And I always will remember all the strength you gave to me


Il tuo amore mi ha fatto superare

Your love made me make it through

Oh, ti devo così tanto

Oh I owe so much to you


Eri lì per me

You were right there for me
Nei miei sogni ti vedrò sempre volare sopra il cielo
In my dreams I'll always see you soar above the sky


Nel mio cuore ci sarà sempre un posto per te

In my heart there'll always be a place for you

Per tutta la mia vita

For all my life

Terrò

I'll keep…


1 commento:

  1. Grazie a te per questa recensione che mi ha fatto commuovere :)

    RispondiElimina