venerdì 13 settembre 2019

Le recensioni di Vale: L'unica cosa che conta di Cora Brent


Siamo arrivate al terzo capitolo delle Gentry Boys series e Valentina non poteva farsi scappare l'occasione di leggerlo. Ecco la sua recensione per "L'unica cosa che conta" di Cora Brent, edito Newton Compton Editori.

Titolo: L'unica cosa che conta

Autore: Cora Brent

Editore: Newton Compton Editori

In uscita il: 31 luglio 2019

Prezzo: € 3,99

Serie: Gentry Boys Series #3


Sinossi

La vita di Stephanie è fatta di soldi, scommesse e fogli paga. Ha dovuto badare a se stessa da quando era bambina, senza nessuno a coprirle le spalle, e si è sempre sentita padrona della sua vita. Almeno fino a quando una delusione non le ha fatto crollare il mondo addosso, rendendola spaventata all'idea di potersi fidare di nuovo di chiunque altro. 
Chase Gentry non avrebbe mai potuto immaginare di perdere la testa per una come Stephanie. È scostante, fredda e, diversamente da tutte le donne con cui sia mai stato, non cerca di attirare la sua attenzione. Il problema è che non riesce a togliersela dalla testa. Innamorarsi di lei potrebbe essere una scommessa molto rischiosa.

Recensione

Ciao a tutti disastri, oggi sono qui per parlarvi del libro L’unica cosa che conta, terzo capitolo della serie Gentry Boys,con il protagonista più fragile dei fratelli, ovvero Chase Gentry. Lui è il più piccolo dei gemelli, considerato da Cord e Creed il più tenero e indifeso, ma non perde il fascino che è caratteristica principale dei fratelli Gentry.
Bello come il sole, occhi azzurri e fisico scolpito non perde l’occasione di passare da una ragazza all’altra con molta facilità, proprio per questo nessuna gli resiste a parte una ragazza di nome Stephanie.

All'apparenza fredda come il ghiaccio, una bella Frozen, ma con il trascorrere del tempo e l’avvicinamento al nostro Chase riuscirà a sciogliersi perfino lei. Lui ha come unico obbiettivo riuscire a conquistarla ma lei è una ragazza che nella vita ne ha passate tante, come ad esempio ha visto lentamente lo sgretolarsi della sua famiglia e ha difficoltà a fidarsi di un ragazzo come Chase. Tra i due ragazzi l’antagonismo è durato molto poco fin quando una sera, al matrimonio del fratello Cord, è riuscita a scoppiare la passione tra di loro. Da li in poi sono riusciti a diventare uno la dipendenza dell’altra, questa è una cosa che non mi è piaciuta molto di questo libro perché non c’è stato un momento di conoscenza bensì ci sono stati più momenti di passione che altro poiché i nostri protagonisti, avendo avuto entrambi un passato difficile, sarebbe stato bello leggere più su ciò.

Premessa che non c’è nulla di male nel leggere storie basate sul sesso, anzi se non c’è si sente che manca qualcosa nella storia, ma quando ci sono i presupposti e  temi importanti che potevano essere approfonditi meglio, come la dipendenza dagli antidolorifici di Chase e l’abuso di Stephanie, a parer mio avrei dato più importanza a quelli invece che alla passione irrefrenabile dei nostri protagonisti. Una cosa bella che l’autrice ha saputo far  rimanere  in tutti e tre i libri è il legame tra fratelli, loro ci sono sempre uno per l’altro nei momenti del bisogno e anche in questo libro lo vedremo.

Cora Brent ci ha saputo fare con i suoi libri scrivendoli da entrambi i punti di vista dei protagonisti, facendo ciò è riuscita a far immergermi completamente nei loro pensieri e a capire cosa pensavano,  cosa che si dovrebbe avere in tutti i libri.
L'unica cosa che conta è stata una bella lettura estiva che consiglio.


Nessun commento:

Posta un commento