venerdì 2 agosto 2019

Le Recensioni di Viola: "Persi e ritrovati" di Lucy Lennox & Sloane Kennedy


Esce domani il secondo volume della serie Twist of Fate di Lucy Lennox & Sloane Kennedy e nell'attesa Viola ci parla di "Persi e ritrovati" edito Triskell Edizioni.

Titolo: Persi e ritrovati

Serie: Twist of Fate Vol. 1

Autore: Lucy Lennox & Sloane Kennedy

Edizione: Triskell Edizioni

Genere: Contemporaneo

Data di pubblicazione: 16 febbraio 2019

Prezzo: 4,49 €


Sinossi

Aveva promesso di non lasciarmi mai. Ma, quando avevo avuto più bisogno di lui, è stato esattamente ciò che ha fatto…

Dalle due delle autrici più vendute, Sloane Kennedy e Lucy Lennox, arriva un’emozionante nuova serie, dove uno scherzo del destino può cambiare ogni cosa…

Aveva promesso di non lasciarmi mai. Ma, quando avevo avuto più bisogno di lui, è stato esattamente ciò che ha fatto…
La guida escursionistica Xander Reed ha passato quindici anni a cercare di dimenticare la notte in cui, nel momento più difficile della sua vita, si era rivolto al suo migliore amico, solo per scoprire che il ragazzino che gli aveva promesso di stare sempre dalla sua parte gli stava voltando le spalle. Tremila chilometri e quindici anni dopo, si è costruito una nuova vita in un luogo tranquillo ai piedi delle Montagne Rocciose. Dovrebbe essere abbastanza per togliersi dalla mente il ricordo di Bennett Crawford, ma le vecchie ferite sono dure a rimarginarsi e, quando Bennett riappare all’improvviso in quanto membro della spedizione che lui dovrebbe capeggiare, le cicatrici si riaprono.

Avevo sempre e solo desiderato proteggere Xander da altri dolori. Non avevo mai pensato che dovesse essere difeso proprio da me…

Bennett Crawford ha dovuto affrontare una scelta impossibile la notte in cui il suo migliore amico gli ha chiesto aiuto. E ha preso quella sbagliata.
In qualità di unico erede di una delle famiglie più abbienti del New England, avrebbe dovuto avere il mondo ai suoi piedi, ma perdere il suo migliore amico alla giovane età di quattordici anni ha cambiato tutto. E benché Bennett sia riuscito a nascondersi dietro una maschera di contentezza e abbia preso posto accanto al padre alla guida dell’azienda di famiglia, dentro di sé sta cercando quella parte che è andata persa la notte in cui Xander Reed è uscito dalla sua vita. L’unica ancora di salvezza di Bennett è il suo lavoro con un gruppo di ragazzini di città e, quando gli viene data la possibilità di mostrare loro che esiste un mondo molto più vasto ad attenderli là fuori, se hanno il coraggio di farsi avanti, la sfrutta.
Ma quando scende dal pullman, per una settimana che avrebbe dovuto essere di solo divertimento e avventura, viene catapultato nel passato non appena scopre che la loro guida altri non è che il ragazzino che ha lasciato andare così tanti anni prima. Solo che il ragazzo insicuro e dall’animo dolce che conosceva non esiste più e, al suo posto, c’è un uomo amareggiato e ombroso che non è interessato a offrire seconde possibilità.

Le persone se ne vanno. Adesso lo so, e nulla di ciò che Bennett ha da dirmi cambierà qualcosa…

Tutto ciò che Bennett desidera è mostrare a Xander che la loro amicizia era solo l’inizio. Ma quando questi si rifiuta di ascoltarlo, si rende conto che dovrà giocare sporco.
Perché ora che lo ha ritrovato, non lo lascerà andare una seconda volta…

Recensione

Xander e Bennet si sono conosciuti in un pomeriggio al parco giochi da bambini. Xander era triste per qualcosa e Bennet gli si è avvicinato per consolarlo e da quel momento per alcuni anni sono rimasti inseparabili. Erano la spalla uno dell'altro quando a turno avevano i loro momenti no. Due famiglie alle spalle di ceto diametralmente opposte ma che per il bene dei figli hanno provato a essere amiche, finchè una sera tutto è cambiato. Qualche avvisaglia di comportamento diverso da parte di Bennet durante il primo anno di liceo ma Xander credeva nel legame col suo migliore amico e mai avrebbe pensato che nel momento in cui lui avesse in assoluto più bisogno di lui, Bennet finisse col voltargli le spalle. Trasferito in Colorado ha continuato gli studi e ora Xander lavora come guida freelance per escursioni organizzate. Tutto si sarebbe immaginato tranne di esser la guida di un gruppo di adolescenti accompagnati da Bennet. Riconoscerlo con ogni fibra del suo essere nonostante siano passati quindici anni da quella famosa sera, aver covato rabbia e odio per come quello che riteneva essere il suo migliore amico lo avesse abbandonato e ritrovarselo davanti sorridente in compagnia di qualcun altro quando per tutto questo tempo lui ha dovuto imparare che stava meglio da solo.

"Stavo bene da solo.
Sapevo come stare da solo.
Stare solo non mi aveva mai deluso."

Ed è con questo pensiero in testa che Xander reagisce a Bennet quando lo riconosce e prova a parlargli bloccandolo ancor prima che l'altro riuscisse a dire due parole, negandogli la possibilità in maniera netta di dare quella spiegazione che per quindici anni Bennet invece avrebbe potuto e voluto dargli. Sarebbe stata una settimana davvero intensa per tutti, ma il rancore è troppo.
Non voler ascoltare perchè avrebbe fatto di nuovo male, non volerlo accanto ma non poter far meno di pensare a come sarebbero andate le cose se quella fatidica sera fosse andata in maniera differente, essere consapevole di avere una cicatrice invisibile che non si è mai rimarginata e dover passare una settimana intera con la persona che te l'ha procurata.
Più di tutto, dover far buon viso a cattivo gioco quando invece vorresti prendere la tua attrezzatura e sparire nel bosco per l'intera settimana lontano da tutto e tutti.

Bennet non si sarebbe mai immaginato che la guida che li avrebbe accompagnati per il giro dei cinque laghi potesse essere il suo migliore amico e men che meno avere finalmente l'opportunità di spiegargli perchè in quella sera del passato lui si fosse comportato come un estraneo nei suoi confronti, potergli finalmente chiedere scusa per il suo comportamento ed essere bloccato sul nascere senza alcun tipo possibilità di rimediare.

Bennet ha dovuto fare una scelta tanto tempo fa e pensava che quella sarebbe stata l'unica da prendere pur di avere Xander vicino ma è solo col passare del tempo, il DOVER affiancare il padre a capo della ditta di famiglia ma il VOLER con la sua fondazione aiutare i ragazzini lo hanno portato a ritrovare l'unica persona che per lui era importante. E ci proverà a spiegarsi, proverà a far capire a Xander quello che è successo ma rispetterà i tempi dell'altro, aspetterà che lui sia pronto ad ascoltarlo, aspetterà finchè non saranno disposti ad affrontare di nuovo insieme il passato. Riusciranno a spiegarsi?

Avevo adocchiato da un po questo libro, l'istinto mi diceva di sceglierlo ancora prima di leggere la sinossi per intero e ho fatto bene a sceglierlo. Le autrici ci presentano i personaggi a POV alternati e ce li fanno conoscere capitolo dopo capitolo mescolando il presente con i sentimenti contrastanti di Xander perchè, per quanto abbia covato rancore, il sentimento e il legame che lo lega a Bennet è rimasto. Ci viene raccontato il loro passato, il come si son conosciuti e il come fossero entrati in simbiosi nonostante tutte le loro diversità, saper riconoscere le emozioni dell'altro in pochi secondi, saper di aver un legame raro e finire col disintegrarlo per ... non sarò io a dirvelo.

Questo libro da la possibilità di ricucire qualcosa che si è rotto.
Darà ad entrambi il modo di riscoprirsi e di capire quello che davvero vogliono per il loro futuro.
L'essere disposti a lasciare tutto per l'altro, affrontare gli ostacoli mano nella mano e desiderare qualcosa che li renda felici di proseguire il cammino insieme.
Questo è il primo libro di una serie,e non vedo l'ora di scoprire ciò che si nasconde nei prossimi volumi. Non mi resta che rimanere in attesa di tornare nel Colorado, ai piedi delle montagne rocciose e di viaggiare ancora per quei magnifici paesaggi descritti così bene da riuscire persino ad immaginare di essere li per davvero o magari nella grande mela chissà..


A domani con la recensione in anteprima di Sani e Salvi.

Nessun commento:

Posta un commento