mercoledì 10 luglio 2019

Le recensioni di Viola: "Borrowing Blue" di Lucy Lennox


La nostra Viola ha scoperto di avere il cuore Triskell... poteva perdere l'occasione di leggere "Borrowing Blue" di Lucy Lennox uscito a metà giugno? NO! ecco cosa ne pensa.


Titolo: Borrowing Blue

Autore: Lucy Lennox

Serie: Made Marian Vol. 1

Edizione: Triskell Edizioni

Genere: QLGBT Contemporaneo

Data di uscita: 17 Giugno

Prezzo: €4,49



Sinossi

Blue: Quando il mio ex entra nel bar del resort con il suo nuovo marito sottobraccio, voglio solo provargli che me ne sono fatto una ragione e che ho già voltato pagina. Grazie a Dio, lo sconosciuto sexy seduto accanto a me è più che disposto a condividere un paio di baci in nome della vendetta. Il tutto diventa persino più interessante quando quei baci roventi portano a una notte di ardente passione. L’unico problema? A quanto pare il fratello dello sconosciuto sposerà mia sorella questo fine settimana.

Tristan: Ho una sola regola: nessuna avventura con gli ospiti del resort della mia azienda vinicola. Ovviamente l’unica eccezione che faccio si rivela essere il fratello della futura moglie di mio fratello. Ora siamo costretti a frequentarci per un’intera settimana di preparativi nuziali, e non c’è modo di spegnere la passione che brucia tra di noi. Quindi ok, facciamo un patto: una settimana. Una settimana per goderci uno il corpo dell’altro e non pensarci più. Una volta che la sposa e lo sposo diranno il loro sì e noi diventeremo parenti, tra noi sarà tutto finito. Giusto?




Recensione

Cari disastri, siamo qui riuniti oggi a celebrare il libro "Borrowing Blue".
Immaginate con me lo scenario: siamo in un azienda vinicola al cui interno, oltre alla possibilità di degustare dei magnifici vini, si possa contare anche sulla presenza di un buon ristorante, di stanze in cui poter pernottare, la possibilità di fare scampagnate in mezzo al verde e persino celebrare matrimoni.

Alzi la mano chi non è mai stato a un matrimonio... okay, ora tenga la mano alzata solo chi ha avuto il dispiacere d' incontrare il proprio ex al sopra citato matrimonio? Beh è quel che deve affrontare il nostro protagonista Blue Marian.

Blue ha capelli biondo fragola e occhi azzurro cielo, è sulla trentina, lavora come grafico ma ha la passione per la scultura e sa che l'incontro con l'ex avverrà al matrimonio di sua sorella Simone. Il matrimonio non arriva in un bel momento: Blue si recherà alla location dopo una settimana intensa di lavoro, a cui possiamo aggiungere lo stress per l'imminente volo oltreoceano per cominciare un nuovo lavoro a Londra... e ovviamente, sapere che Jeremy, l'ex sopra menzionato, oltre ad essere invitato si è pure portato un accompagnatore e se lo sbaciucchia proprio davanti ai suoi occhi nel risto pub dell'azienda vinicola, non rende perfetto il suo momento.

Blue se ne sta seduto allo sgabello del risto pub, è alla terza birra quando un uomo gli si siede accanto: scambiare due chiacchiere sembra d'obbligo! Da due chiacchiere, si ritrova con il vuotare il sacco, raccontargli della presenza del suo ex e scopre che il suo interlocutore ha appena divorziato da una donna. Cosa può succedere ancora? Essere preso dall'altro per la nuca con fare deciso e ricevere il bacio più bello della sua vita nonostante fosse un bacio per mandare un chiaro segnale a qualcun altro nella sala, rimanerci un pelo di stucco perchè un etero lo ha baciato dannatamente bene e non capirci più di tanto anche grazie al livello alcolico raggiunto con birra e shottini.

Tristan Alexander è moro con occhi grigi, anche lui sulla trentina, ex avvocato e proprietario dell'azienda e, per non farci mancare nulla, è il fratello, che si definisce bisessuale, dello sposo..
Peccato che Blue e Trev scoprano di essere quasi imparentati dopo lo scambio di saliva e un altro tipo di scambio...

Beh, far finta di stare insieme aiuterebbe Blue a non mostrare all'ex che la separazione dopo tre anni di relazione è ancora una tortura per lui, mentre per Trev è il modo migliore per capire chi è e cosa vuole dalla vita. Se all'inizio la messa in scena serve ad entrambi, in ben pochi giorni si riscoprono in sintonia, ad aver piacere a stare insieme all'altro ma se la famiglia Marian è di mentalità più aperta con i propri figli (tra naturali e adottati sono una gran bel numero di fratelli) che trovano irrilevante il sesso della persona che li rende felici, lo stesso non si può dire della famiglia Alexander che, tramite madre e fratello, dimostrano di essere omofobi. Due mondi opposti dove i Marian hanno scelto di adottare ragazzi o bambini che hanno subito violenza mentre gli Alexander hanno sempre avuto il paraocchi e non vedono di buon grado gli omosessuali. Ma se anche questa specie di relazione nata per necessità dei due protagonisti sembra evolversi in qualcosa di molto più profondo, un passato ingombrante e l'imminente partenza di Blue rendono tutto dannatamente complicato.

Cosa succederà quando arriverà la domenica del matrimonio? Oh, state sicure che non ve lo immaginate proprio..

Questo primo volume della serie è scritto a POV alterni tra i due protagonisti, conosciamo entrambe le loro famiglie e approfondiamo soprattutto alcuni dei personaggi dei prossimi volumi della serie e l'autrice lancia qualche indizio che possa suggerire chi troveremo dopo Blue.

Penso che i messaggi che si vogliano far arrivare al lettore siano di accettare e rispettare il prossimo per come è: bello o brutto, alto o basso, etero o omosessuale. Di seguire i propri sogni e passioni, e non permettere a nessuno di soffocarli, di non farci credere di non essere abbastanza. Sarò onesta.. sono andata a sbirciare il protagonista del secondo volume e devo ammettere che, per quanto sia una curiosona del numero uno anche per il prossimo fratello Marian, non vedo l'ora che arrivi quello dedicato al cantante Country.


Nessun commento:

Posta un commento