lunedì 22 luglio 2019

Le recensioni di Silva: "La villa delle rose" di Teresa Simon


Silva ci prende per mano e ci porta con se all'interno della Ville delle Rose, libro di Teresa Simon pubblicato da Newton Compton Editori... pronti per un nuovo viaggio?


Titolo: La Villa delle Rose

Autore: Teresa Simon

Editore: Newton Compton Editori

Data di pubblicazione: 30 maggio 2019

Prezzo: € 4,99


Sinossi

Anna è una maestra cioccolataia che ha ereditato la professione dalla sua famiglia, proprietaria da generazioni di una villa nel cuore di Dresda, famosa come la Villa delle Rose. La tenuta deve il suo nome a uno splendido roseto che Anna intende riportare al suo antico splendore. È proprio durante i lavori che viene disseppellito uno scrigno che contiene oggetti provenienti da epoche diverse. Anna si immerge immediatamente nella lettura di un vecchio diario, appartenuto a una donna di nome Emma vissuta cento anni prima proprio nella villa. È possibile che non l’abbia mai sentita nominare? Decisa a scoprire chi fosse quella misteriosa donna, Anna si tuffa in una ricerca che potrebbe portare alla luce segreti rimasti a lungo sepolti… Una volta riallacciato il legame con il passato, a emergere potrebbero essere intrighi, antichi tradimenti, passioni e persino crimini…

Recensione

Ho trovavo questo romanzo squisito nella sua semplicità dove questa caratteristica si esprime al massimo del suo significato. E' con semplicità che ci vengono raccontati alcuni aspetti del mestiere di cioccolataia, con la stessa viene descritto il percorso di Anna nelle storie di vita vissuta e sofferta delle sue antenate e contemporaneamente dentro se stessa.
Con semplicità e pacatezza la protagonista accetta che quelle donne possano aver fatto errori o compiuto grandi gesti e aver pagato per gli uni e per gli altri anche con soluzioni drastiche da cui non si torna indietro.
Proprio la dolce semplicità di questo romanzo ti porta dentro Villa delle rose ogni volta al fianco di una donna diversa che ha vissuto nei lunghi anni tra il 1913 e il 2013 quando Anna fa la loro conoscenza scoprendo che il passato nasconde un mistero di cui proprio lei è il vertice, lei è la persona che può risolverlo e, finalmente, riportare serenità a chi di quel passato, di quel mistero porta ancora le cicatrici.

Devo dire che le ricette  nelle pagine finali del libro ti fanno sentire ancora di più “dentro” al romanzo. Quasi si è certi che andando a Dresda si possono comprare dei buonissimi cioccolatini dalla cioccolataia Anna che, magari, ti inviterà nella sua stupenda Villa delle rose a bere un thè.
Consigliatissimo.


1 commento:

  1. Già la trama mi ha conquistata...adoro questo genere di storie. Me lo segno ;)

    RispondiElimina