Le recensioni di Jessica: "Wedding Disaster" di Kat Sherman


"Wedding Disaster" di Kat Sherman è l'ultima lettura di Jessica e ce ne parla oggi. Come ha trovato la lettura? Scopriamolo!

Titolo: Wedding Disaster

Autore: Kat Sherman

Edizione: self publishing

Prezzo: 0,99 e-book

Genere: romanzo rosa


Sinossi

Una commedia romantica, ironica e sensuale
Un’inaspettata storia d’amore che è una catastrofe

Jason Clark non sa cosa significhi la parola sacrificio: è bellissimo, ribelle e sfacciatamente ricco. Organizzare feste epiche è il suo pane quotidiano e vive senza alcuna regola. Quando la sua efficientissima gemella, rinomata wedding planner, lo sfida affibbiandogli la gestione di un importante matrimonio, Jason è convinto di poter finalmente dimostrare a tutti di non essere solo un modello di intimo tutto muscoli e inaffidabilità. Dopotutto è facile: si tratta solo di organizzare un mega party per quattrocento invitati, e chi è più qualificato per la missione del re delle feste selvagge?

Holly Thorne è a un passo dalle nozze: sposerà l’uomo scelto con cura e il destino non le spezzerà più il cuore. La ricetta giusta per la serenità assicurata è proprio pianificare, impegnarsi sul lavoro e contrastare gli imprevisti. Perciò, quando al posto della famosa Matilda Clark, si presenta all’appuntamento una specie di divinità dagli occhi grigioverdi e con idee a dir poco assurde, il buonsenso le ordina subito di tirarsi indietro. Ma trovare un rimpiazzo a breve sarebbe impossibile e giudicare le apparenze è scorretto. E poi, questo Jason è sempre un Clark, gemello di una nota perfezionista, cosa mai potrebbe andare storto?




Recensione

Potrei dirvi che ho scelto questo romanzo per la cover intrigante o per la trama promettente, ma sarebbe una bugia bella e buona. La verità è che ho aperto il Kindle, mortalmente annoiata, e ho iniziato a scorrere i titoli nello store, finché uno non è balzato ai miei occhi. L’autrice ha inserito “disaster” nel titolo ed è stato come se mi avesse chiamata. Ho impiegato circa tre secondi a fare clic e la parola “disastro” ha assunto un nuovo significato.

Immaginate un modello di intimo festaiolo e spericolato che organizza il matrimonio di una logopedista con problemi d’ansia: è un po’ come inserire gommose a forma di orsetto e salsa piccante (no, la scelta non è casuale) in un frullatore e accenderlo, senza prima aver messo il coperchio sopra.

Ma facciamo un passo indietro...

Jason è bellissimo e consapevole di esserlo, non ha un grammo di modestia e il suo unico obiettivo nella vita è il divertimento sfrenato: cerca il brivido, l’emozione, qualcosa che lo faccia sentire vivo. Si è sempre disinteressato degli affari di famiglia, finché un giorno la sua gemella lo sfida a dimostrare di essere capace di combinare qualcosa di buono, organizzando uno dei matrimoni affidati alla sua agenzia. Gli lascia un faldone di tre chili con tutte le indicazioni per l’evento perfetto e Jason se ne libera all’istante, convintissimo di non averne alcun bisogno. Così si presenta alla sposa nella sua villa di lusso, invece che in ufficio, offrendole pupazzi a forma di unicorno e confetti alla marijuana.

Holly è una filantropa che ha vinto un importante premio, perché oltre a lavorare come logopedista, passa il suo tempo libero facendo volontariato in una clinica per i bisognosi. Vive con le sue migliori amiche, in attesa di sposare Victor, un avvocato di successo che si è trasferito a Chicago per ottenere una promozione. Il matrimonio è fissato il 7 settembre: il wedding planner improvvisato avrà a malapena tre mesi per organizzare l’evento perfetto. E credetemi, non c’è mai stato niente di più esilarante del vederlo arrancare e combinare un disastro dopo l’altro.

Esiste poi anche un aspetto più dolce, tenero che mi ha fatta commuovere: oltre alle mille risate, c’è stata anche qualche lacrima. Ma la chiave è proprio questa: mi sono emozionata e non mi capitava da tempo. È venuta persino meno la mia naturale predisposizione alla correzione. Ho letto e basta, trovando perfetto ogni passaggio, mai scontato, mai banale.

E poi ho apprezzato molto i personaggi secondari, così magistralmente costruiti da sembrare autentici, l’ambientazione newyorkese, lo stile fresco e privo di inutili fronzoli, l’alternanza dei due POV. Insomma Kat ha superato ogni mia aspettativa e non vedo l’ora di scoprire la sua prossima opera.

Anche perché Jason è entrato a pieno diritto nella lista dei miei fidanzati librosi e i miei standard sono piuttosto alti come sapete.

Se cercate una storia frizzante, divertente e inaspettatamente dolce, Wedding Disaster è il romanzo che fa per voi. Leggetelo e non ve ne pentirete.


Commenti