lunedì 22 luglio 2019

Le anteprime di Viola: Un ultimo appuntamento al buio di Erin Brady


Prima di lasciarvi ai vostri programmi serali, vi proponiamo la recensione a "Un ultimo appuntamento al buio" di Erin Brady. Viola ha letto in anteprima il titolo Triskell Edizioni uscito oggi e ce ne parla immediatamente.

Titolo: Un ultimo appuntamento al buio

Autrice: Erin Brady

Editore: Triskell Edizioni

Genere: Contemporaneo

Data di pubblicazione: 22 Luglio 2019

collana: romance

Prezzo Ebook: € 4,99


Sinossi

Sarah Jenkins ha appena compiuto trent’anni e invece di un weekend per sole donne in un’isola tropicale o la borsa firmata che voleva da mesi, la sua migliore amica Amy le ha regalato un’iscrizione di sei mesi a un servizio di incontri online, SoulMates4Everafter. Tramite la brochure patinata con coppie perfette che cavalcano al tramonto e le centinaia di testimonianze sulla loro pagina web, il sito promette di trovare a Sarah la sua anima gemella all’interno del proprio database paradisiaco. Nonostante lo scetticismo, Sarah decide di provare. Dopotutto, chi non risica non rosica. Ma quando ha problemi a creare il suo profilo online e sta per rinunciare alla sua ricerca ancora prima di cominciare, trova l’aiuto divino di Gabriel, un improbabile angelo custode del supporto tecnico dell’azienda. Con il suo aiuto, Sarah si ritrova a farsi strada nell’imprevedibile mondo degli appuntamenti al buio. Incontrerà l’uomo dei suoi sogni o cadrà dal settimo cielo?

Recensione

La sinossi di questo libro parla chiaro: quante donne si sono trovate alla soglia dei trent'anni ancora single, con una carriera che rallenta la possibilità di trovare l'amore che renderebbe "perfetta" la propria vita?

Beh Sarah ha appena compiuto gli anni e al posto di ricevere un ben più gradito regalo è stata iscritta in un sito di incontri che promette miracoli dalla sua migliore amica, ovviamente sposata con prole. Per di più non sa descriversi rispettando il minimo e massimo dei caratteri e, quando dopo 2 tentativi falliti miseramente, riesce a trovare una mezza chiave per raccontarsi, il sito si blocca del tutto mantenendo la parziale descrizione scritta fino a quel momento con un piccolissimo problema da risolvere. Una parola scritta in modo sbagliato e l'urgenza di porre rimedio la portano a chiamare l'assistenza e trovare nella voce dell'uomo dietro la cornetta il suo angelo custode.

Alla fine Sarah ha bisogno del parere di un uomo e quale miglior giudizio di un estraneo per lo più pagato per aiutare gli iscritti? Di Gabriel sa ben poco ma proprio per questo comincia a chiedere il suo aiuto anche quando i papabili pretendenti si fanno avanti, entrando in sintonia con lui tanto da scambiarsi regolarmente telefonate quotidiane sui rispettivi numeri privati per evitare di fargli perdere il lavoro. Il pretendente n°1 lo indica proprio Gabriel ma lasciate che vi dica che un appuntamento del genere non se lo aspetterebbe nessuno. Anzi si sa che tramite un computer si può scrivere quello che vuole ma la realtà poi spesso si rivela non essere proprio come ce se lo immaginava... A onor del vero anche nella vita reale, non solo tramite computer.

Una telefonata alla migliore amica, una a Gabriel, un appuntamento al buio dopo l'altro fino a voler rinunciare alla ricerca e un bip che annuncia un'ultima mail e un ultimo pretendente. Scoprire che potrebbe essere perfetto e scontrarsi con chi l'ha aiutata fin'ora senza capirne il motivo.
Riuscirà Sarah a trovare l'amore? Quello vero che ti fa battere il cuore a mille solo all'idea di vederlo?

Un ultimo appuntamento al buio descrive la vita di una donna qualsiasi, potrei benissimo essere anche io quella donna, con la voglia di innamorarsi ma essere velatamente cieca quando lo si ha di fronte agli occhi o dall'altra parte della cornetta. Anche Gabriel ci mette del suo ovvio. Finchè non correrà il rischio di perderla in toto avrà paura di fare quel passo avanti.
È una lettura frizzante divertente a tratti tragicomica visto che i suoi appuntamenti sono tutti da scoprire... uno meglio dell'altro... forse... o forse no...




Nessun commento:

Posta un commento