giovedì 4 aprile 2019

Review Party: Odiarsi a Hollywood di Sonia Gimor


La nostra Viola ha letto un romanzo in super anteprima per il blog. Si tratta di Odiarsi a Hollywood di Sonia Gimor per Gilgamesh edizioni in uscita lunedi. Portate pazienza e intanto leggete cosa ne pensa una disaster!

Titolo: Odiarsi a Hollywood

Autore: Sonia Gimor

Edizione: Gilgamesh edizioni

Genere: Chick lit

Data di pubblicazione: 08 Aprile 2019


Sinossi

Qual è la formula perfetta per un telefilm di successo?
Assumete un regista famosissimo, scegliete un cast stellare e zoomate su due protagonisti con milioni di fan. Aggiungete una bella carrellata di pubblicità mirata e il trionfo sarà garantito!
E se i due protagonisti dovessero odiarsi?
Niente paura, a tutto c’è rimedio. Organizzate una bella panoramica su una finta relazione: prendete Abigail Wright e Nicolas Stevens, chiudeteli nell’ufficio del produttore, e convinceteli a fingere di essere innamorati anche nella vita reale. In questo caso utilizzate un grandangolo, vedrete che il telefilm supererà le vostre aspettative.
Sembra un’inquadratura rischiosa…
Forse. O forse potrebbe essere la migliore sceneggiatura della vostra vita. In fondo, odio e amore non sono forse due facce della stessa medaglia?




Recensione

Abigail Wright ha ventisei anni e dall’Oregon è volata ad Hollywood e in poco tempo è riuscita ad affermarsi nel mondo dello spettacolo diventando una delle attrici più richieste, capelli e occhi color del cioccolato, con un fisico che fa girare la testa. Ama moltissimo recitare ma non ama la vita mondana: alle feste, ai gala, agli abiti eleganti, al trucco e parrucco perfetto e allo stare al centro dell’attenzione dei più  preferisce di gran lunga stare comodamente a casa in pigiama a far le coccole al suo gatto mentre mangia un gelato.

Nicolas Stevens ha trentadue anni ed è uno degli attori più belli e bravi del momento, cavalca l’onda del successo ed è sempre sulle copertine di quante più riviste possibili. Ama stare al centro dell’attenzione, partecipa a quante più feste possibili così che il suo fascino possa mietere quante più vittime possibili e dargli modo di usare il dopo serata a fare ciò che gli piace di più oltre alla recitazione: il sesso.

Ora immaginatevi questi due attori caratterialmente agli opposti che vengono ingaggiati per una delle serie televisive più attese dal pubblico americano e che debbano lavorare fianco a fianco per un luuuuuuuuungo periodo.
Il loro primo incontro si svolgerà alla festa organizzata dal regista della serie e da subito mostreranno come si ritrovino a non piacersi a vicenda. Lei non piace a lui perché non cede alle sue avances e diciamo che lo rimette al suo posto, lui non piace a lei perché troppo pieno di se e convinto che tutto debba girare intorno a lui.
Per sedare i loro battibecchi inizialmente vengono invitati a far finta di andare d’amore e d’accordo sul set, ma quando i due professionisti mancheranno alla richiesta perché troppo impegnati a punzecchiarsi, i rispettivi manager li porteranno ad accettare un accordo in cui dovranno fingere non solo d’andare d’accordo ma di essere anche innamorati (per intenderci niente più serate da assaggio e fuga  per Nicolas), per far pubblicità alla serie e non farla precipitare ancora prima che inizi. Ed ecco un piccolo assaggio dei loro battibecchi:

«Basta fare i bambini, tutti e due» sopraggiunge John, avvicinandosi. «Ricordate? Sul set niente battibecchi» ci tiene a precisare.
«Ha cominciato lei» mi giustifico, ma subito mi rendo conto di sembrare un bambino idiota.
«Io? Sul serio? Ma cos’hai, dieci anni?» risponde inviperita.
«Ragazzi, per cortesia» ci ammonisce di nuovo e nessuno dei due si azzarda a parlare ancora.
«Siete professionisti, ricordatevelo sempre. Ora, se siete usciti dall’asilo e siete tornati nel mondo dei grandi, direi di cominciare.»

Coniglietta pulciosa e Troglodita, così hanno scelto il soprannome una per l’altro, dovranno passare del tempo assieme, magari uscire qualche sera a cena il tutto a favor di paparazzi.
La frequentazione forzata porterà i due a conoscersi e per Abigail sarà facile scovare sotto la strafottenza di Nicolas quel lato di sé che non mostra mai a nessuno, a capire quando è disposto a mostrarsi e finire con l’apprezzare quel Nicolas che solo lei ha avuto la fortuna di intravedere. Nicolas aprendosi con Abigail, ottiene un minimo  di fiducia da parte di lei e poco alla volta anche Abigail inizierà a confidarsi  parlandogli di sè, a dargli accesso nella parte privata della sua vita e a capire prima di lui che forse qualcosa tra loro potrebbe anche nascere oltre alla finzione. E diciamocelo pure che dovendosi baciare sia sul set che al di fuori non sarà mica tanto facile gestire le emozioni contrastanti che provano. La fiducia va conquistata in base a come ci si comporta con l’altro, e se Nicolas impara a fidarsi quasi da subito di Abigail, non si può certo dire che lei riesca a fare altrettanto da subito dato che nel corso della narrazione neanche Nicolas ha le idee ben chiare su ciò che vuole.
Chissà cosa succederà  ad Hollywood...

Odiarsi a Hollywood è divertente, i dialoghi e i battibecchi sono realistici, la storia è lineare, i protagonisti si alternano nella narrazione e il loro comportamento è in evoluzione durante tutto lo svolgimento della storia rivelando a poco a poco anche ciò che nascondono.

Disastri, buona lettura!


Book Trailer


Nessun commento:

Posta un commento