lunedì 29 aprile 2019

Review party: The Mister di E.L. James


Buongiorno Disastri! Oggi iniziamo con il Review Party organizzato per la nuova pubblicazione di E.L. James con Mondadori... dopo aver stravolto la letteratura, dopo aver sdoganato i dominatori, la mamma di Christian Grey e le sue Cinquanta Sfumature, torna con una nuova storia. Viola l'ha letta per noi, scopriamo cosa ne pensa! e ringraziamo Sara Marrano del blog "Il Club delle lettrici compulsive" per lo splendido banner realizzato :)


Titolo: The mister

Autore: E.L. James

Edizione: Mondadori

Data di uscita: 18 Aprile 2019

Prezzo: 9,99€ ebook


Sinossi

Londra, 2019. La vita è sempre stata facile per Maxim Trevelyan. Molto attraente, ricco, aristocratico, non ha mai dovuto lavorare e ha dormito da solo nel suo letto molto di rado. Ma un giorno, improvvisamente, tutto questo cambia quando una tragedia lo colpisce ed eredita il titolo nobiliare della sua famiglia: un'immensa ricchezza e tutta la responsabilità che ne deriva. E questo non è un ruolo per il quale Maxim è preparato e si deve sforzare per affrontarlo. Ma la sfida più grande sarà resistere al desiderio per una giovane donna enigmatica, giunta inaspettatamente a Londra, che porta con sé solo il suo passato, difficile e pericoloso. Sfuggente, bella e con un grande talento musicale, Alessia rappresenta per Maxim un mistero seducente e il suo desiderio per lei aumenta diventando presto una passione che non si spegne, mai provata prima. Ma chi è Alessia Demachi? Può Maxim proteggerla da ciò che la minaccia? E lei come reagirà quando scoprirà che anche lui le sta nascondendo dei segreti? Dal cuore di Londra, alla selvaggia Cornovaglia, fino alla cupa e temibile bellezza dei Balcani, The Mister è un viaggio in cui si alternano pericolo e desiderio, lasciando il lettore senza fiato fino all'ultima pagina.




Recensione

Maxim Trevelyan è alto, ha spalle larghe, capelli castano chiaro e occhi verdi. E' un ventottenne inglese, vive a Londra, e da poco ha perso il fratello maggiore a causa di un incidente.
Questa morte prematura ha portato Maxim a dover affrontare il lutto per la sua perdita e il cambiamento che essa ha provocato in un batter di ciglia, con un carico di responsabilità che mai avrebbe creduto sarebbe ricaduta su di lui. Già, perché ha appena ereditato il titolo di Conte di Trevethick poiché l'amato fratello era si sposato ma non ha lasciato figli.

A questo punto vi devo confidare una cosa.
Diciamo che nella sua presentazione iniziale, il suo stile di vita, non è minimamente paragonabile a ciò che compete ad un Lord. Fa saltuariamente il modello o il Dj ed è un grandissimo sciupa-femmine quindi, immaginatevi che bella batosta sapere che dovrà cambiare stile di vita, perché erediterà un titolo nobiliare e tutto ciò che era in possesso del fratello alla vita.
Quello che all'inizio mi ha lasciata basita è stato leggere di come ha consolato la sua migliore amica Caroline, nonché cognata, appena divenuta vedova...SECONDO VOI?


A questo punto ho interrotto la lettura, mi son voltata verso il marito e gli ho chiesto se sarebbe riuscito a fare la stessa cosa per consolare sua cognata qualora fosse successa una cosa simile (lunga vita a mio cognato!)
Alla risposta: "nella vita è tutto possibile anche ciò che non penseresti mai.. Di cosa ti stupisci la gente reale fa peggio", ho continuato a leggere anche se con molte riserve, forse troppe.
Ma andiamo avanti...

Alessia Demachi ha ventitré anni, lunghi capelli castani, occhi grandi color del cioccolato e un fisico minuto. È scappata dal suo paese di origine cercando fortuna a Londra, ma la realtà che si trova davanti è davvero diversa da ciò che si aspettava. Scappa dall'Albania con un sogno e invece si sente braccata ovunque vada dopo esser scappata anche dagli uomini che volevano "guadagnare con quel bel corpicino". Alessia scappa con solo le cose che ha addosso, senza documenti, e trova rifugio da un'amica della madre che, oltre a darle un tetto, le trova dei lavori come donna delle pulizie.
Alessia finisce così col sostituire la vecchia domestica di Maxim, ovviamente all'insaputa di quest'ultimo. Tre giorni alla settimana si presenta a sistemare il marasma che lascia in giro il "signore" dell'appartamento. E dei tre appartamenti in cui va a lavorare, quello di Maxim è il suo preferito solo perché ha un bellissimo pianoforte che la attira come una calamita. Ha sempre avuto la passione per la musica e ha cercato di portarla avanti anche nel suo paese natio ma qualcuno non era molto contento dell’attenzione che lei otteneva quando era intenta a suonare.

La routine per Alessia è sempre la stessa: il lunedì, il mercoledì e il venerdì va nell'appartamento di Maxim. Al suo ingresso deve inserire il codice per sbloccare l'allarme e poi può cominciare a lavorare. E se una mattina il bip che la accoglie non suona indicando la presenza del proprietario in casa? Se vagando per la casa lo trovasse a chiappe all’aria mentre dorme?Oh sì, sì!!!
Fantastichiamo sulle sue belle chiappe!!


Al primo incontro tra i due, oltre al canonico imbarazzo, si manifesta anche parte del carattere di Alessia. E' silenziosa, tiene lo sguardo fisso a terra per l’imbarazzo, risponde a monosillabi e spesso con un “sì, signore” - “no signore”, cosa che se fosse finita in casa di Christian Grey, prima di Anastasia, le cinquanta sfumature ce le saremmo sognate! Scusate, sto perdendo il filo. Dicevamo...
Da questo primo incontro, Maxim resta molto colpito dalla domestica tanto che sembra aver preso una tranvata sulla testa e cambia modus operandi. Se prima si crogiolava nel passare le serate a cercar rifugio in mezzo alle gambe di qualche fortunata, per poi non vedere l’ora di liberarsene onde evitare di doverci dormire accanto, ora si ritrova sempre solo a soddisfare gli impulsi (diciamo che approfondisce la conoscenza della sua mano!) e a cercar di attirare l’attenzione della propria domestica e sperando che lei si accorga dell’attrazione che lui prova per lei.
Ovvio che siano attratti uno dall'altra, ma per ovvie ragioni lui non dica che ha appena ereditato un titolo e parecchie proprietà, e lei per ovvi motivi non dica di essere in Inghilterra illegalmente e con quale motivazione sia riuscita ad arrivarci. Questi segreti non li fermeranno nell'avvicinarsi uno all'altra ma è quando finalmente riusciranno a scambiarsi il primo bacio che cominceranno le difficoltà. Cosa succederà quando tutti i loro segreti verranno a galla?

Piccola premessa, ho scelto di leggere questo libro con una domanda ben precisa in testa: Cosa si sarà studiata la James questa volta? Avevo un sacco di aspettative ma appena iniziato ho avuto subito i primi dubbi sulla mia scelta. Esempio, Maxim con una giovane donzella tira fuori dal cassetto manette e foulard di seta, ed io a pensare "eh no, anche qui?", poi Alessia si morde il labbro superiore ed io "ma dai, Anastasia quello sotto e Alessia quello sopra" quindi, per evitare di rovinarmi tutto il resto a suon di similitudini, ho deciso di scindere le cose. Facendo finta che non lo abbia scritto la “mamma di Christian”, ho continuato a sfogliare le pagine tanto da trovarmi coinvolta nella storia in crescendo. Già, perché la James ha creato il giusto mistero, l’antagonista ideale anche in questa storia, e ha giustamente giustificato le tradizioni della famiglia Demachi portando il lettore alla conoscenza degli usi delle famiglie tradizionali Albanesi (non tutte ma alcune si). Alcune cose è costernante apprenderle perché si pensa che nel 2019 alcune cose siano ormai obsolete, ma il detto dice "paese che vai, usanze che trovi", e niente è più vero di così.

La lettura è fluida e scorrevole, quello che non ho ben chiaro è stata la scelta di assegnare la prima persona al pov di Maxim mentre ad Alessia la terza persona, cosa che comunque non ha dato difficoltà di comprensione al testo.
Concludo dicendo e sottolineando una cosa importante. Affrontate la lettura dimenticandovi delle Cinquanta sfumature e dare modo a Mister Maxim di accompagnarvi nella sua storia.


Nessun commento:

Posta un commento