domenica 24 febbraio 2019

Review party: Questo nostro amore sbagliato di Cora Brent


Noi disastri non ci fermiamo mai e anche di domenica vi lasciamo le nostre impressioni sui romanzi che tanto amiamo. Faith ha partecipato al review party dedicato a Questo nostro amore sbagliato di Cora Brent, primo capitolo della Fertry boys series, e ce ne parla in anteprima oggi.

Titolo: Questo nostro amore sbagliato

Serie:Gentry Boys #1

Autore: Cora Brent

Edizione: Newton Compton Editori

Genere: New Adult

Data di pubblicazione: 25 Febbraio 2019

Prezzo: € 4.99 ebook


Sinossi

Saylor McCann ha smesso di credere nell’amore. Dopo essersi finalmente lasciata alle spalle una relazione abusiva, è tornata in Arizona. Era sicura che l’ambiente stimolante di una città universitaria potesse farle bene. Quello che non si aspettava, invece, è di rivedere Cord Gentry, una vecchia conoscenza. Saylor ricorda bene i fratelli Gentry e il loro fascino selvaggio. Ma sa anche che averli intorno è come stare troppo vicino a una fiamma ardente: si rischia di bruciarsi. Dopo quello che ha passato, Cord non è decisamente il tipo di uomo con cui costruire una nuova vita. Ma lui sembra pensarla diversamente…
Cord sa di non essere un tipo facile, è vero. Ha sempre potuto contare solo sui propri fratelli, perché gli orrori vissuti durante la loro infanzia li hanno segnati. Ma adesso che ha rivisto Saylor desidera diventare un uomo migliore. Per lei.

Recensione

Care Disasters, avete mai perdonato un torto subito, o meglio, avete mai perdonato quella persona che vi ha fatto soffrire?
L’altro giorno, mi sono ritrovata con delle amiche ad affrontare questo tema delicato. Avevamo tutte motivazioni ed esperienze personali che ci hanno portato a risposte diverse. Personalmente ho chiuso rapporti che ritenevo importanti e duraturi senza mai essere tornata una sola volta sui miei passi, altre volte ho permesso alle mie emozioni di sopraffarmi e non sono riuscita a non domandarmi. E se... ? Se chi mi ha trattato da schifo fosse cambiato? Se mi fossi trovata io a fare quello che l’altro ha fatto a me, sarebbe cambiato qualcosa? Ma soprattutto, se dopo tanti anni mi ritrovassi davanti chi è stato la causa del mio dolore, cosa farei? Passerei oltre o gli darei la possibilità di redimersi?
Questo nostro amore sbagliato di Cora Brent, apre uno degli scenari che vi ho sopra citato, la redenzione.

Saylor McCann è una giovane donna in fuga. Sta scappando da un fidanzato brutale. Lasciare la California per rifugiarsi tra le braccia del cugino Brayden le sembra l’unica alternativa possibile, in quello che è uno dei momenti più bui di tutta la sua vita. Solo che a darle il benvenuto a Phoenix non sarà l’adorato cugino, bensì un fantasma o meglio un incubo, che ha le fattezze sexy di Cordero Gentry.
Cord e Saylor hanno dei trascorsi. Quattro anni prima Saylor aveva giurato di non volere avere mai più niente a che fare con i fratelli Gentry, avevano già fatto a pezzi  la sua autostima ed il suo orgoglio.
Adesso però la situazione è diversa. Cord sembra essere diverso.
Può un insensibile bastardo essersi trasformato in un uomo affascinante e a cui non si riesce a resistere?
Dal canto suo Cord sa di avere tanto da farsi perdonare, non riesce a smettere di pensare che per una ragazza come Saylor può valere la pena lottare e mettere in mostra un lato di sé , che per anni ha provato a nascondere al mondo intero.
Forse, per una volta, tutti possono uscirne vittoriosi, forse può essere vero che Amor vincit omnia..

Con mio profondo rammarico ammetto che questa storia non mi è piaciuta per niente.
Vi chiederete, perchè con rammarico? Perché è come avere un diamante grezzo tra le mani, che non diventerà mai splendente.
Le basi per un romanzo bellissimo c’erano tutte.
La storia non è il solito clichè, i personaggi hanno un potenziale inespresso e la scrittura dell’autrice è fluente e descrittiva come poche.
Purtroppo mi ritrovo a fare la maestrina e a dire a voi che mi leggete che il libro è parecchio carente nella storia, che si rivela accelerata e a tratti assurda.

Il titolo adatto piuttosto che Questo nostro amore sbagliato potrebbe essere benissimo Questo libro è tutto sbagliato.
Saylor è una di quelle protagoniste che stenta a piacerti. Ho letto i primi capitoli, quelli in cui mi sarei dovuta sentire profondamente vicino a questa ragazza in quanto donna, pensando "ma veramente?" "non ci posso credere" , e invece... La mia stima nei sui confronti è salita giusto di qualche tacca durante la lettura del capitolo prima che lasciasse la California, per poi ricadere drasticamente quando supera tutte le sue vicissitudini passate senza nemmeno un momento di vulnerabilità. Con questo non voglio dire che avrei voluto una protagonista emotivamente instabile ma trovo che l’autrice abbia sottovalutato un trauma che avrebbe dovuto far nascere empatie nel lettore, ma che al contrario è finita per rendere banale.
Cord è l’esempio perfetto di quello che io intendo per personaggio con potenziale estremo non sviluppato. Ha tutte le carte in regola, bello, sexy, duro ma vulnerabile, con un passato difficile che spiega il perché di parte dei suoi comportamenti discutibili, oltre che un rapporto simbiotico di amore con i suoi gemelli Chase e Creed.
Purtroppo la storia non gli rende giustizia, pur restando lui l’unica nota veramente meritevole di questo romanzo.

Un piccolo cenno è per i personaggi secondari, i fratelli di Cord, che saranno i protagonisti dei prossimi volumi, so che nei pilot è difficile farsi un’idea del carattere dei protagonisti dei libri successivi, ma di solito ti risultano talmente attraenti da incuriosirti al punto di non vedere l’ora che escano le loro storie. Ammetto di non essere per niente curiosa di sapere come si svolgerà la storia di questa famiglia..
Cora Brent ha una scrittura talmente descrittiva e particolareggiata da trascinarti con forza nelle scene, anche quando non ne avresti nessunissima voglia. Certe volte non basta saper scrivere bene, almeno secondo me.
Vi ho incuriosito al punto da volermi smentire o scrivermi che siete d’accordo con me?? Aspetto i vostri commenti, buona lettura.


Nessun commento:

Posta un commento