lunedì 14 gennaio 2019

Review party: L'uomo dei sogni di Estelle Hunt


Siete pronte per L'uomo dei sogni? Serena ha letto in anteprima il romanzo di Estelle Hunt online da oggi e ce ne parla in questa prima giornata del review party organizzato.

Titolo: L'uomo dei sogni

Autore: Estelle Hunt

Editore: Self Publishing

Genere: contemporary romance

Data di pubblicazione: 14 gennaio 2019


Sinossi

Quanto fa male sotterrare un sogno con le proprie mani?
Manuel vive alla giornata. Ha tagliato i ponti con il passato e seppellito ogni ambizione. Non ha una casa, non cerca una relazione stabile, non ha progetti per il domani.
Linda ha rinunciato a tutto, pur di rimanere accanto alla famiglia e sostenerla in un momento di difficoltà. Tuttavia, quanto potrà resistere, a soli venticinque anni, costretta in una vita di sacrifici?
L’incontro con Manuel risveglierà il suo cuore intorpidito, alimentando fantasie e timori, ma un ostacolo insormontabile si erge tra loro: è Giulia, la bellissima, effervescente e indomabile sorella minore di Linda. Mille incomprensioni le dividono e non potrebbero essere più diverse, ma per una volta hanno poggiato gli occhi sul medesimo obiettivo: lui.
Cosa succederà se una donna che ha perso la speranza, un uomo disilluso, una passione dirompente si ritrovano in un luogo sospeso nel tempo dove anche i sogni più nascosti possono avverarsi?

Recensione

Fin da quando siamo piccole, noi donne, spesso fantastichiamo sul principe azzurro, su quali siano le sue caratteristiche perfette e immaginiamo, da inguaribili  romantiche quali siamo, la nostra magica storia d’amore. Crescendo capita però che tutto ciò che avevamo immaginato si scontri con la dura realtà, obbligandoci a ricrederci e a fare i conti con la concretezza, con la vita quotidiana e tutti i suoi drammi.

Linda, la protagonista dell’ultimo romanzo di Estelle Hunt, fa parte proprio di questa categoria.
Lei, rappresenta quelle ragazze che purtroppo nella loro esistenza non hanno conosciuto la spensieratezza, la gioia e neppure una minima soddisfazione e per questo come un frutto ormai maturo si lasciano marcire, tarpando le ali ad ogni più piccola loro aspirazione.
Lei è una ragazza di venticinque anni che vive soffocata dalla apatia e dalla routine di giornate sempre uguali passate a lavorare nel forno di famiglia che manda avanti dopo che improvvisamente il padre cinque anni prima è venuto a mancare, lasciandola sola ad occuparsi di una madre caduta in depressione e di una sorella al tempo troppo piccola. Da quel momento in poi, aiutata solo dai dolci consigli della nonna, Linda si è  fatta carico di tutte le responsabilità, si è  lasciata schiacciare dai doveri mandando in fumo tutti i suoi sogni, sotterrandoli in un luogo remoto per vivere una vita non adatta alla sua età, priva di amicizie, di ragazzi da frequentare e di svago. Si sente vuota, mancante di affetto, sciatta, fredda ed inerme, ma al tempo stesso non riesce a trovare l’input per reagire.

Questo finché non incontra  Manuel.
Ma come ormai Linda ha imparato nulla è  facile da raggiungere, soprattutto se in mezzo si mette una procace ragazza dalla fiammeggiante chioma rossa, Giulia, la sorellina diciottenne ormai cresciuta e diventata egoista, superficiale e soprattutto, al contrario di lei, disinibita.
Cosa può succedere adesso che le due sorelle hanno puntato il loro radar sullo stesso uomo? Manuel in tutto questo che ruolo avrà?

Manuel è un uomo di trent'anni che da tre anni ormai è  fuggito da quella che era la sua vita e adesso nulla ricorda più il ragazzo che era una volta. Vive alla giornata, si arrangia con lavori umili per sbarcare il lunario, non aspira ad una relazione stabile ma si diverte quando capita.
Manuel rimane ammaliato inspiegabilmente da Linda, impara a conoscere questa ragazza sempre chiusa, che conserva ogni emozione in se stessa, che attacca prima di venire colpita, che ha sacrificato tutto per il bene della famiglia, che ha seppellito i suoi bisogni sotto cumuli di tristezza e rancore e ha lasciato sbiadite con il tempo tutti i suoi progetti.

Manuel abbatte quel muro di ostinazione che da anni si trascina dietro perché riesce a guardare al di là dell’apparenza. Linda tuttavia non è di certo un tipetto semplice da capire, lo confonde, prima sembra arrabbiata con lui, poi spaventata, lo evita, lo offende.
Gradualmente l’alchimia tra loro nasce silenziosa come una tenue fiammella,  per poi divampare in un incendio bollente.
Manuel e Linda però  dovranno  fare i conti con mille sofferenze, insicurezze, vecchie ferite ancora aperte, visioni distorte, ostacoli e sacrifici.Chi la spunterà?

Carissimi lettori, non posso che invitarvi a leggere questo romanzo che come uno scrigno zeppo di mille ricchezze vi svelerà tutte le meraviglie custodite gelosamente al suo interno.
L’autrice grazie alla sua bravura nell’utilizzare una scrittura sempre incalzante, incisiva e ricca ma al tempo stesso coinvolgente, corposa e trascinante riduce il cuore a brandelli per poi lentamente con  dedizione, parola dopo parola, ricucirlo insieme lasciandovi cicatrici eterne in ricordo di sentimenti che non svaniranno mai.
Lo stile della Hunt, che avevo già avuto il piacere di conoscere in precedenza, è essenziale ma curato, moderno e ricco di immagini vivide,con un linguaggio sempre completo e minuzioso che delinea non solo l’ambiente circostante ma anche tutti i personaggi, E' impossibile non immaginarsi il paesino di poche anime nel quale è  collocata la vicenda, con le sue stradine, i suoi negozietti caratteristici e il bar crocchio di pettegolezzi; e come non essere incuriositi dall’introverso Luigi, dalla strafottente Giulia oppure dalla misteriosa Sofia.

Quello che mi ha colpito è che, oltre che narrare una storia d’amore, affronta tutto ciò che ognuno di noi incontra sulla propria strada. Parla infatti di vita vera, di sogni da realizzare, di legami famigliari e dei suoi attriti interi, di crescita individuale e di coppia, di aspirazioni lavorative e di sacrifici professionali.
La storia tocca più tappe del percorso che ogni uomo si trova a dover vivere: il coraggio di rischiare per ciò a cui si tiene, il perdono, la voglia di ricominciare, di sperare ed infine di fidarsi.
Leggere quest’ultima opera di Estelle Hunt mi ha portato a comprende molte cose. E'  una storia  reale che fa sognare proprio perché fa capire che le cose belle possono accadere a tutti e spesso ciò che rende la vita una favola degna di essere vissuta sono proprio le più semplici sfaccettature: non è  mai troppo tardi per cercare il proprio destino, possiede certo un suo disegno, ma la scelta su quale bivio imboccare aspetta sempre a noi. Possiamo rimanere paralizzati dalla paura ma dobbiamo avere il coraggio di rischiare, altrimenti si vive una vita a metà. Anche in amore non si possono usare mezze misure perché l'amore vero è  anche patimento, è  timore di perdere la nostra fonte di gioia, è tormento, gelosia e insicurezza ma è anche l’unica cosa per cui valga la pena di lottare.

Se non avete ancora conosciuto Estelle, non posso che consigliarvi di farlo al più presto, scrive storie originali ma veritiere in cui è facile  rispecchiarsi.



Non perdetevi le recensioni dei blog partecipanti.


Nessun commento:

Posta un commento