Le recensioni di Serena: "La luna nell'oceano" di Benedetta Cipriano


Lo scorso mese Benedetta Cipriano ha pubblicato LA LUNA DELL'OCEANO, Serena lo ha letto e ce ne parla oggi.


Titolo: La luna nell’oceano

Autore: Benedetta Cipriano

Editore: self publishing

Prezzo: 2,99 €

Genere: contemporary romance

Data di pubblicazione: 8 dicembre 2018



Sinossi

Il mio nome è Lua e significa luna.
I miei occhi però non sono luminosi quanto quello spicchio perfetto che ogni notte tinge d’oro l’oscurità. Il mio sguardo è ormai spento e la mia mente è come la seconda parte di un romanzo mai concluso.
La mia vita è stata soffiata via, come le foglie con il vento gelido invernale.
Sono distrutta, come un puzzle di cui si sono persi i pezzi. Sono un frammento di un vetro rotto, sono divenuta la malinconia di un tramonto rosso e stanco.
Sono spezzata, eppure combatto, eppure resto in piedi. Eppure ce la faccio.
Ho perso il mio cuore nell’oceano e ho lasciato che i miei ricordi si confondessero tra le sfumature di una conchiglia.
Sono dolore che si mescola alla schiuma delle onde.
Sono il rimpianto che si riempie di salsedine e il ricordo di un’estate volata via troppo in fretta.
Sono pioggia, sono fango, sono un vuoto destinato a non riempirsi mai.
Lui si chiama Maverick e ha gli occhi più blu degli abissi, ma io non posso specchiarmici, perché quegli occhi sono azzurri, sono profondi, sono come il ghiaccio che attanaglia il mio cuore ogni volta che osservo l’oceano.
Lui è la bellezza, la ribellione, la sensualità, la passione, ma è anche ciò da cui devo stare lontana.

Il mio nome è Maverick e sono un ribelle. Ribelle come le onde che cavalco ogni giorno e libero quanto la mia tavola da surf.
Vivo su una spiaggia in prossimità dell’oceano e lascio che sia il vento dolce californiano a portare via con sé tutti i brutti ricordi.
Sono cresciuto senza una meta e ho lasciato che le onde fossero casa mia.
Sulla mia tavola da surf è inciso il mio nome e l’inchiostro da cui è macchiata la mia pelle mi ricorda ciò che ero, lasciando che io scelga di essere ogni giorno ciò che sono.
Lei si chiama Lua ed è bellissima. I suoi occhi sono un campo minato e il suo cuore una bomba pronta a esplodere.
Non mi guarda, ma io la osservo.
Non mi tocca, ma io lo faccio.
Mi sfugge, ma io la prenderò, perché quel cuore celato dietro una barriera di cristallo sente ancora il bisogno di tornare a battere.
Sono Maverick, sono un combattente e lei è la mia piccola luna da conquistare.
E io lo so, sarà mia.




Recensione

Qualche giorno fa, per staccare un po’ la spina, ho deciso di concedermi una pausa, gustandomi una lettura che fin dalla sua pubblicazione mi aveva attirato come una calamita; però mentre le pagine scorrevano veloci sotto i miei occhi, non ho potuto evitare di pensare che questo romanzo necessitava assolutamente una recensione perché è stato una vera scoperta, un libro che merita il suo spazio e soprattutto un posticino tra le mie recensioni.
Purtroppo però non avevo fatto i conti con la sua difficoltà, con le mie stesse mani mi sono messa in una brutta situazione, credetemi… e non perché non ci sia nulla da dire ma forse proprio per il contrario, non potrò dirvi moltissimo perché potrei rivelarvi troppo rovinando l’effetto sorpresa, cercherò comunque di stuzzicare la vostra curiosità e trasmettervi anche solo un pizzico delle sconfinate emozioni che ancora porto dentro me.

Preparatevi a un romance molto più che intenso, struggente fin dentro le ossa, profondo e sentito, una vera fonte catartica da cui rinascere con una nuova consapevolezza, una lettura che vi scuoterà con mille brividi e blandirà la vostra sofferenza con carezze delicate di romanticismo e passione infuocata.
La luna nell’oceano vi farà riflettere e vi farà sentire meno soli davanti alla vastità del mondo perché è in grado di risvegliare sentimenti differenti ed intensi sulla base dei trascorsi e del carattere del lettore.
Questa è la storia della Luna e del suo Oceano, di Lua e Maverick, lei un astro spento in un cielo buio, lui la potenza indomita del moto eterno delle onde.

Lua Morrison è una ragazza di 29 anni che, pur essendo giovanissima, ha già conosciuto la crudeltà della vita: da due anni soffre in silenzio dopo aver perso l’unica sua ragione di vita, è uno spettro dilaniato da infinite crepe e vive crogiolandosi in un dolore che non riesce ad affrontare e dal quale continua a scappare dopo che l’oceano, l’elemento che aveva sempre riconosciuto come linfa vitale le ha strappato non solo il sorriso sulle labbra ma meschinamente ha accoltellato il suo cuore senza pietà lasciandola inerme, esausta ,incapace di provare emozioni e di sentirsi completa.

Maverick Slater è un istruttore di surf che ha trasformato i dolori della sua esistenza in una forza inarrestabile, dopo una brutta infanzia e numerose delusioni armato di tavola da surf sfida le onde, combatte i suoi demoni per uscirne sempre vincente, intoccabile, invincibile dietro alla sua armatura di coraggio e voglia di vivere non si arrende e come un carro armato va dritto per la sua strada per ottenere ciò che vuole. Sulla pelle porta inciso in una catena magnifica di tatuaggi tutte le tappe più importanti del suo percorso per ricordarsi che ciò che non uccide, fortifica, che ciò che ti piega non può spezzarti. Maverick dal primo sguardo negli occhi cioccolato malinconici e persi di Lua ritrova il sapore dei sogni mai svaniti, ne riconosce la luce perfetta per illuminare il suo cielo e da quel momento non potrà più lasciarla andare.
Tra loro però pesa il silenzio di un segreto mai rivelato, un’omissione che potrebbe unirli indissolubilmente oppure dividerli per sempre. Può l’amore salvare da qualsiasi cosa oppure la sua vastità conosce dei limiti insuperabili? Maverick getterà la spugna davanti alla reticenza iniziale di Lua ad aprirsi o persevererà?
Lua potrà rinascere dalle ceneri più bella di una felice oppure il sangue che continua a sgorgare dalle sue ferite è inarrestabile?

L’autrice è stata una vera maestra nel raccontare non un dolore qualsiasi, ma un patimento capace di frantumare il cuore in mille frammenti di vetro, un trauma da cui è impossibile rialzarsi davvero ma il quale si può solo accettare e metabolizzare. La Cipriano con sentimento e dolcezza mi ha fatto vivere una situazione che pur non avendola mai provata è riuscita a scuotermi l’anima, a togliermi il respiro, a percepire il suo cuore pulsare tra quelle righe. Descrive infatti una sofferenza che arriva a scorre nelle vene ed è quasi impossibile lasciarla andare per paura di disintegrarsi in una miriade di cocci rotti.

La scrittrice descrive situazioni e personaggi in ogni minimo dettaglio, li delinea in maniera indimenticabile, non solo i protagonisti ma anche i personaggi secondari come ad esempio nonna Rida o l’amica Savannah, di cui spero vivamente che in futuro l’autrice deciderà di regalarci la storia delle sue vicende.
In questo contemporary romance c’è tutto ciò di cui si ha bisogno: l’attrazione da cardiopalma, la dolcezza di una friabile crostata e il calore umano costante, con una scrittura che parola dopo parola incide la sua melodia nel battito del cuore, uno stile frizzante, equilibrato e riflessivo e un linguaggio introspettivo ma mai noioso o ordinario. Benedetta ha creato un libro trascinante ed irripetibile sotto tutti i punti di vista.

La lettura di quest’opera è stata come aria fresca per i polmoni, ossigeno vitale ed indispensabile… adesso mi chiedo quando potrò avere un’altra "dose di Cipriano", mi ha lasciato veramente tanto e sono riuscita a trarne molti insegnamenti: ci illustra l’imprevedibilità della vita e come affrontare le sue sfide, parla dei ricordi che possono essere mortali ma al tempo stesso l’unico tramite con ciò che abbiamo perso, ci troverete l’importanza del legame tra genitori e figli, non solo quelli di sangue, la saggezza dei nonni e la complicità degli amici. Descrive la speranza, la rinascita e la necessità di esserci sempre per chi ti vuole bene, chi ti ama non ti abbandona, porta il peso dei tuoi dolori e ti aspetta in un angolo per sorreggerti nelle cadute perché si può cercare di fuggire dal proprio destino ma tornerà a mostrarci il conto finché non verrà saldato, per questo bisogna godere ogni giorno di ogni più piccola gioia concessa, la vita può essere certo devastante ma bisogna combattere per i propri sogni.
La luna nell‘oceano è un romanzo che lascia un sorriso sulle labbra, un calore costante nel petto e una luce splendente negli occhi, non vedo l’ora di farmi trascinare nuovamente come un granello di sabbia tra le onde sconfinate della vastità delle emozioni create dalla penna di Benedetta.


Commenti