Le recensioni di Viola: Una promessa di Natale di K.C.Wells


Tocca ora a Viola parlarci di UNA PROMESSA DI NATALE, novella natalizia di K.C. Wells edito Quixote Traslations.

Titolo: Una promessa di Natale

Autore: K.C. Wells

Editore: Quixote Translations

Genere: Novella di Natale

Data di pubblicazione: 28 novembre 2018

Prezzo: € 2,99 ebook


Sinossi

L'ultima cosa che Micah Trant si aspetta di trovare in mezzo alla neve, sul ciglio della strada, è un uomo che è stato chiaramente picchiato, e quando scopre l’identità del malcapitato, capisce che è qualcosa di più di una semplice coincidenza. Come buoni samaritani, Micah e suo padre offrono ospitalità allo straniero, così che possa recuperare. Dopo tutto, è quasi il Giorno del Ringraziamento, e Greg non è in condizioni di viaggiare per ritornare a casa. Quell’offerta, però, non è una mossa del tutto altruistica: Micah vuole delle risposte, e non è l'unico.
Greg non riesce a credere a come siano andate le cose. Le probabilità che fosse proprio Micah a trovarlo erano praticamente inesistenti, ma accetta comunque la sua offerta. Man mano che i giorni diventano settimane, Greg impara a conoscere la famiglia di Micah e arriva a rendersi conto che, stare con loro per un Natale del Wyoming, potrebbe sul serio fornirgli le risposte che sta cercando.
Ma la magia delle vacanze regalerà anche qualcosa che Micah e Greg non si aspettavano proprio.

Recensione

In questo clima natalizio non potevo non farmi coinvolgere in una lettura che tratti questo periodo di festa. Una copertina con una casa immersa nella neve, una lettera intestata a qualcuno che non compare direttamente nella sinossi e una serie di foto di quelle che si scattavano e che, fortuna vuole, da qualche parte si scattano ancora nelle macchinette sono state per me una calamita. Sono stata catapultata nel Wyoming, a Wright , una cittadina di pochi abitanti con ben pochi negozi nel periodo antecedente il Ringraziamento, a percorrere una strada innevata con temperature pericolosamente sotto zero insieme a Micah Trant, un giovane pittore dal carattere gentile ed altruista, che non nasconde la sua omosessualità, intento a far rientro a casa e che si imbatte in quello che sembra una persona che ha subito una aggressione brutale. Micah non ci pensa un secondo e si ferma a soccorrere il ragazzo, a portarlo al più vicino ospedale e ad attendere che i medici lo informino di qualsiasi cosa anche se non ha un grado di parentela poiché lo sfortunato non ha con se documenti che lo identifichino. Quando il giovane si risveglia ore dopo rivela il suo nome e il motivo per il quale è a Wright. Ha promesso al padre, prima che quest’ultimo morisse, che avrebbe inviato per lui una lettera e ha scelto di consegnarla a mano senza sapere neanche cosa contenesse.  E sarà anche grazie al contenuto della lettera che la famiglia di Micah offrirà a Greg un tetto sopra la testa e assistenza durante tutto il periodo di guarigione e riabilitazione che sarà costretto ad affrontare.

Greg è un ragazzo timido, spesso insicuro, ha finito gli studi poco prima di partire dalla California per  assistere il padre morente, non ha ancora deciso cosa fare nel mondo del lavoro,  ha capito da poco di essere omosessuale e non ha avuto ancora il coraggio di fare coming out e ad oggi  non capisce per quale motivo la famiglia Trant sia così generosa con lui.
Alla fine per loro è uno sconosciuto, ma col passare dei giorni questa famiglia si rivela  speciale e senza pregiudizi, disposta ad accoglierlo a braccia aperte e a farlo sentire parte integrante della vita quotidiana. Ma sia Micah che Greg necessitano di risposte, hanno curiosità di sapere il contenuto di ciò che è stato scritto nella lettera ma a rispettare i tempi di chi ha le risposte.
Quello che non era previsto è la crescente attrazione che i due ragazzi cominciano a provare uno per l’altro e che cercano di nascondere  perché inconsapevoli della reazione ma soprattutto dell’orientamento sessuale uno  dell’altro. Ad aprire loro gli occhi ci penserà la sorella di Micah, con la sua lingua lunga e tagliente, qualche situazione ideale progettata ad hoc e la loro naturale attrazione. Il Natale si avvicina e anche la completa guarigione di Greg, e se per la famiglia Trant il Natale ha cambiato vita un paio di anni prima portando dolore, questo  Natale potrebbe  aggiungerne altro a Micah se Greg decidesse di tornare in California.
Chissà cosa accadrà...
La magia del natale porterà una luce nuova nella vita della famiglia Trant?

In questo libro si parla di accettazione, verso se stessi e verso la natura degli altri, e di uguaglianza tra esseri umani anche se con l’aggressione subita da uno dei protagonisti è chiaro che l’autrice voglia evidenziare quanto ancora le persone siano di mentalità chiusa nonostante siamo ormai nel 2019. E’ un libro romantico, con note leggermente piccanti. Ho adorato Micah per il suo essere dolce, premuroso e altruista,e per la sua intraprendenza e delicatezza nell’approcciarsi con un Greg non nel pieno delle sue forze. Mi sono ritrovata ad essere simile a Naomi, la sorella impertinente di Micah, e a trovarmi in pieno accordo con lei con il tempestar la casa di vischio e ad ammirare il coraggio, la forza d’animo e l’onestà del papà di Micah.
L’unica pecca da dover segnalare, e devo ammettere che è la prima volta che mi capita in uno dei libri tradotti di questa CE , è la presenza di refusi e un paio di parole tradotte forse non nel  modo corretto.



Commenti