martedì 4 dicembre 2018

Le recensioni di Ilenia: "Dribblato" di M.E. Carter


Un paio di mesi fa, Ilenia è incappata in uno sport romance autopubblicato in Italia da una autrice americana emergente... poteva lasciarselo scappare? scopriamo cosa ne pensa di DRIBBLATO di M.E. Carter.

Aggiungi didascalia

Titolo: Dribblato

Serie: Texas Mutiny #1

Autrice: M.E. Carter

Data di pubblicazione: settembre 2018

Prezzo: 0,99 euro



Sinossi

Dribblato: verbo intransitivo. Nel gioco del calcio, eseguire il dribbling. In senso figurativo e con uso transitivo significa eludere, scansare abilmente.
Come ad esempio, Daniel Zavaro e Quincy Watson.
Star emergente della città di Houston, Daniel ha trovato fama come capitano della sua squadra di calcio e in breve è diventato lo scapolo più ambito della città. Daniel ha tutto ciò che vuole – con l'eccezione di una persona speciale - ma gli sta bene così. Non vuole e non ha bisogno di complicazioni.
Quincy di complicazioni ne ha tante. Dopo un tragico accidente che stravolge la sua vita, si trova in breve tempo ad essere una madre single, allevando il nipote di cui non sapeva nulla. Tra l'imparare a fare da mamma, il suo lavoro a tempo pieno, e il dolore soffocante della perdita di sua sorella, ogni giorno è una lotta.
Quando le loro strade s’incrociano spesso e inaspettatamente, tra i due nasce un’amicizia inverosimile che continua ad evolvere.
I loro sentimenti cominciano a cambiare. I limiti vengono oltrepassati, e quello che succede li sorprende entrambi...
Prima che se ne accorgano – sono stati dribblati.




Recensione

Unite la mia passione per la lettura con quella per gli sport ed ecco spiegato l'amore per gli sport romance. Oddio, sia chiaro... sport da vedere comodamente sul divano mentre mangio due patatine! Ho iniziato la lettura di questo romanzo dopo che mi è stata consigliata da una persona che ammiro tanto. Ho portato avanti la lettura spinta dalla curiosità, ma... no, aspettate, facciamo prima un passo indietro!

La storia parla di Quincy: una chiamata stravolge completamente la sua vita, facendola diventare da donna dedita solo al lavoro a mamma single di una nipote di cui non conosceva l'esistenza. Una lite banale l'aveva portata ad allontanarsi dalla sua unica sorella, I sensi di colpa, l'inadeguatezza nel ruolo di madre e il dover relazionarsi con un neonato, portano Quincy a crollare nel momento e nel luogo meno adeguato. E' così che conosce Daniel. Mentre lei piange nel mezzo della corsia di un supermercato, a mezzanotte inoltrata, incapace di prendere decisioni fondamentali per il neonato tra le sue braccia, Daniel - da zio esperto - arriva in suo soccorso, come un principe sul cavallo bianco, ma in versione moderna.

Daniel, una volta scoperta la situazione di Quincy, si prodiga per aiutarla, che sia concretamente con gesti da vero cavaliere che in modo "Astratto", con tanti consigli utili. Poi, dopo aver passato del tempo su una panchina, si alzano e si salutano. Il destino li farà incontrare nuovamente, qualche tempo più tardi. Ora non c'è più il mix di sensazioni che mette in crisi Quincy... ora possono passare del tempo insieme, conoscersi e scoprire se l'attrazione che sentono, se la scossa che li attraversa a ogni tocco, è duratura. Daniel non è solo il cavaliere dalla brillante armatura, ma è il capitano della sua squadra di calcio e in breve è diventato lo scapolo più ambito della città. Daniel non vuole complicazioni e Quincy ha quella parola tatuata addosso. Eppure non riesce a stargli lontano.

Fama e e altre grave complicazioni si metteranno in mezzo tra Daniel e Quincy... quello che provano l'una per l'altro sarà sufficiente per risolvere i guai? non vi resta che leggere per scoprirlo!

Il vero problema di questo libro non è la storia che, anzi, è molto carina, si fa leggere, riesci ad immedesimarti nei personaggi... capisci il loro stato d'animo, vivi sulla tua pelle le loro storie... ma che fatica per arrivare alla fine... Il libro è come un vestito: sul manichino è bellissimo, costa pure il giusto... ma se addosso ti sta male, non fa per te! Se la copertina e la storia ci stanno, ma il testo è, purtroppo, pieno di errori (non ho le competenze per capire se siano imputabili solo al traduttore), questo libro non raggiungerà mai il cuore del lettore. Ahimè, non si parla di cinque o sei, ma veramente tanti tanti errori. Errori che portano via il tempo alla storia, devi rileggere intere frasi per capire bene il senso... errori che penalizzano il giudizio.
Sono curiosa di leggere il secondo capitolo di questa serie di sport romance: la traduzione è stata affidata a una persona che apprezzo, di cui ammiro profondamente il modo di lavorare, la sua precisione: in quel caso, potrò giudicare in modo più accurato anche lo stile dell'autrice! M.E. Carter, il nostro non è un addio, ma un arrivederci!


Nessun commento:

Posta un commento