mercoledì 21 novembre 2018

Review party: High wall di Alessandra Paoloni


Ultimo evento per oggi. Maria Rosa ha partecipato al review party dedicato a HIGH WALL di Alessandra Paoloni ed edito Delrai Edizioni.

Titolo: High Wall

Autore: Alessandra Paoloni

Editore: Delrai Edizioni

Data di pubblicazione: 14 novembre 2018

Prezzo: 2.99 € ebook


Sinossi

In questa raccolta si trattano Cose strane. Tre racconti gotici, dove la Morte e la Vita, il Reale e le Realtà, lo Spazio e il Tempo si mescolano, si fondono e il loro confine diventa labile per creare delle trame fugaci, ma ricche di interrogativi, che mettono l’uomo a confronto con se stesso, con la propria vita e le scelte che compie. High Wall simboleggia la riflessione sull’inspiegabile tra il rapporto dell’io con se stesso e con l’altro, dove il trapasso non è chiaro e la normalità sfugge alla comprensione, per scoprire che niente è come sembra. Membra con membra è l’emblema delle fragilità umane, dove mancanze, difetti e peccati definiscono le personalità le cui vite si intrecciano e i cui sentimenti si mescolano. Vendetta esprime l’eterno viaggio dell’anima verso il suo inevitabile punto di arrivo.
La sfida è leggerli e capire a fondo quanto ci appartenga ogni parola scritta che può esserci d’aiuto o spaventarci, ma di fatto rappresenta La Verità. Alessandra Paoloni torna a sorprenderci con la sua penna che parla all’anima del lettore, che trafigge il cuore dell’uomo.

Recensione

Il libro si compone di tre racconti divisi in Mente, Corpo e Anima.
High Wall è il racconto della Mente in cui Charlotte, rimasta orfana dei genitori e decisa a non parlare mai più, si trova costretta ad andare a vivere dagli zii nella grande High Wall, palazzo avito che nasconde anch'esso un grande dolore.
Nel racconto del Corpo, Membra con Membra vi è uno spirito che guarda la propria famiglia spogliata dell'apparenza, dove ognuno cerca a modo proprio di essere felice nel proprio dolore.
Nel terzo racconto Anima, Vendetta, un racconto all'interno del racconto trasporta una fanciulla nel terrore.
Leggere High Wall è stato come tornare ragazzina quando leggevo Poe. I racconti sono ambientati in epoca Vittoriana e mi hanno trasportato indietro nel tempo, alle inquietudini che sentivo allora.
Leggere questi racconti mi ha toccato particolarmente, avendo avuto un lutto importante da poco tempo, ( ed ho pianto come una fontana) ed è vero, si, che si parla di morte, ma sprofondando nei racconti  in realtà l'argomento principale potrebbe essere la speranza o l'amore, la vita.
La morte è l'argomento principale di tutti e tre i racconti, argomento di cui poco si parla , e a cui nessuno cerca di pensare, ma quello che comunque si nota è la vita di chi rimane e spera in qualcosa di meglio, che il dolore passi , che si sia fatto tutto il possibile per i propri cari, che la morte ci accompagna dal primo respiro, che ci potrebbe cogliere in qualsiasi momento, ma che si ha un percorso da affrontare nel miglior modo possibile.
Scritti in modo meraviglioso, i racconti ti trasportano in un altra dimensione, scavandoti dentro , tra paure e speranze, lasciando un inquietudine di fondo che si trascina nel tempo, e diventa un modo per pensare a cosa fare per migliorare la nostra vita.
 Complimenti Alessandra sei riuscita a toccare delle corde nascoste con maestria!!!




Nessun commento:

Posta un commento