mercoledì 14 novembre 2018

Le recensioni di Serena: Inconciliabili di Mariella Mogni


Ora tocca a Serena parlarci di una delle sue ultime letture (la ragazza legge come un treno!!). Scorrete la pagina e scoprite cosa ne pensa di INCONCILIABILI, contemporary romance di Mariella Mogni.

Titolo: Inconciliabili

Autore:Mariella Mogni

Editore:Self publishing

Genere:contemporary romance

Data di pubblicazione:29 Settembre 2018

Prezzo:0,99 euro


Sinossi

 «Avevo un sogno, ricordi? Sono venuto a realizzarlo. Ne avevo molti altri cui ho dovuto rinunciare, progetti che riguardavano anche te. Non ti permetterò di distruggere anche questo. Sono tornato per rimanere, dovrai fartene una ragione, affari tuoi se la mia presenza ti disturba.»

Che cosa accade quando la persona che non hai mai smesso di amare torna di prepotenza nella tua vita?
L’amore tra Beatrice e Davide è stato importante, sarebbero ancora insieme se un evento grave e imprevisto non li avesse allontanati.
Davide l’ha tradita, imbrogliata, le ha nascosto un terribile segreto ma Beatrice non è mai riuscita a liberarsi dai sentimenti che la legano al suo antico ragazzo. Delusa e amareggiata, ha messo da parte i propri sogni per occuparsi del negozio di famiglia, talmente chiusa in se stessa da avere rinunciato all’amore e perfino alle amicizie di un tempo. Beatrice sopravvive coltivando progetti di fuga che non realizzerà mai, oppressa da una madre nevrotica ed egoista.
Davide, invece, è andato avanti: ha girato il mondo perfezionandosi nella sua professione di chef ed è tornato nella città di origine per aprire un ristorante. È cambiato, più bello di prima, determinato e carismatico, molto diverso dal ragazzo tenero che Beatrice ha conosciuto.
Stretti in un groviglio di amore e odio, invasi dal rancore e pronti a rinfacciarsi reciprocamente l’epilogo della loro storia, Davide e Beatrice ingaggiano una sfida fatta di provocazioni e dispetti infantili. Inconciliabili, distanti, capaci di ferirsi con gli insulti più duri. Ma l’amore è un fuoco che cova sotto la cenere, e perfino due persone che il tempo ha trasformato in nemici sono costrette ad arrendersi alla forza dei sentimenti. Riprendere la loro storia da dove si era interrotta li obbligherà a portare a galla il passato e a rivivere quel brutto episodio che li ha segnati nel profondo. Un compito difficile per Beatrice che si è obbligata a cancellare tutto.
Ne sarà capace, riuscirà a tenere testa alla ferrea opposizione di sua madre che vuole allontanarla da Davide? Non resta che affidarsi alla potenza dell’amore.

Recensione

"Inconciliabili" è la storia di Beatrice Blasi e di Davide Pagani: non vi rivelerò molto sulle loro vicende, in quanto già la trama fornita è veramente esaustiva. Posso però garantirvi che vale la pena di leggere con i vostri occhi questo romanzo in cui l’intreccio incalzante sempre chiaro e preciso che avvolge questi due ragazzi in una spirale emozionante non potrà che essere toccante.
Quindi forza, perdetevi in questo amore dai mille risvolti un po’ tristi, un po’ rabbiosi e spesso amari come un caffè espresso, ma anche struggenti, dolci ed intensi come puro cioccolato.
Tutto il libro è narrato dal pov di Bea, che in maniera riflessiva ed oculata ci espone le vicende in modo coinvolgente.
Beatrice ha quasi 29 anni, per stare vicino alla madre e lavorare nella loro cartolibreria ha abbandonato 11 anni prima il suo sogno di diventare infermiera. Insieme a quel desiderio ha dovuto dire addio al suo più grande amore: Davide, un legame nato nell’adolescenza, ma talmente forte da sopravvivere agli anni di lontananza, coperto però da uno strato di doloroso rancore.
Davide a causa di tragici ed inaspettati eventi che li avevano visti coinvolti aveva lasciato la città per inseguire le sue aspirazioni.
Adesso, Bibì, come la chiamava lui teneramente, si trova a dover affrontare i fantasmi di un passato che non aveva mai archiviato, antiche ferite tornano a bruciare, ricordi, rimpianti, dubbi e illusioni incombono su di lei e la schiacciano con prepotenza. Il suo turbamento è appunto scatenato dal ritorno di Davide, rivederlo scombussola la sua monotona esistenza. Lui non è più lo stesso,ora è un uomo fatto e finito, deciso ed energico nel portare avanti i suoi progetti e uno di questi è aprirsi un ristorante affianco al negozio di Beatrice.
Scontri, provocazioni, insulti e ripicche saranno all’ordine del giorno, incalzati dal caos che governa il loro cuore e da sentimenti contrastanti, cercheranno di gestire l’indomabile attrazione che ancora lì unisce.
Resistere ad una passione eterna e crescente diverrà impensabile, come potranno riconciliarsi dopo anni di odio e amore represso? Cosa è successo di così atroce da aver scisso inevitabilmente due anime destinate all’unione? E come prenderà i nuovi risvolti Rita, la madre di Bea, una donna incattivita dagli spettri di un perpetuo patimento?
Adesso se sono riuscita ad incuriosirvi almeno un po’, non vi resta che leggere e leggere.
Fin dall’inizio della lettura mi sono sentita risucchiata in questo romanzo di cui in primis mi hanno colpito l'approfondimento psicologico, la crescita dei personaggi e la scrittura moderna, fresca e scorrevole unita ad una stile giovanile ed irriverente.
Le vicende ci raccontano di due donne, Bea e Rita, certo diverse ma complementari sotto alcuni aspetti, due facce della stessa medaglia, madre e figlia corrose da un dolore inesauribile e private del piacere di vivere. L'autrice unisce in perfetta armonia emisferi opposti, facendone emergere differenze e contrasti ma anche la possibilità di contatto ed unione nel miscelarsi in un nuovo raro elemento.Tra queste pagine si intersecano età adulta e maturità, mare e collina, antico e moderno, passato e presente, odio e amore, aspetti contrastanti ma non per questo inconciliabili. Inconciliabile non è nulla perché se si vuole grazie a testa e cuore tutto può essere affrontato, è inutile vivere di ricordi ed amarezza, l’unica cosa davvero importante è andare avanti, certo a volte sbagliando e mostrando il peggio di noi accecati dal bisogno di preservarsi per paura di venire delusi e feriti,ma l’unica soluzione per non rimanere schiavi degli spettri di un tempo che non tornerà più, è concedersi una seconda possibilità, accettare i cambiamenti e reinventarsi un nuovo percorso.
Non è una semplice lettura di evasione,ma una piccola guida per la vita, si percepisce infatti che la scrittrice vi ha nascosto la sua interiorità più sentita, ha celato dietro alla quotidianità grandi verità toccando aspetti e situazioni che grazie a personaggi completi sotto tutti i punti di vista l’hanno aiutata a condividere e creare un legame con il cuore dei lettori, sempre trattando varie tematiche: amore, famiglia, amicizia, sogni, professione, rinascita e rapporto genitori e figli.
Attraverso l’uso di una perfetta alternanza tra dialoghi e descrizioni dettagliate la Mogni è stata bravissima a raccontarci ogni più piccola sfaccettatura, senza mai annoiare.Tutti i personaggi, principali e secondari sono delineati talmente alla perfezione che tracciare il profilo è semplicissimo. I protagonisti, non sono banali figure frutto della fantasia dell’ autrice, ma veri e propri portavoce di esperienze e spunti di riflessione.
Bea, è una ragazza che con i suoi mille tormenti è riuscita ad entrare nel mio cuore, desideroso quasi di poterla aiutare a lenire le sue sofferenze. Pur essendo una ragazza carina e dalla spiccata intelligenza si è lasciata morire piano piano, ingrigita da una vita subita in cui si è allontanata da amici e svaghi, passando le giornata a sognare in disparte con il naso affondato in una romantica lettura, soffocata in più dalla presenza opprimente di una madre egoista che l’ha trascinata nella sua isterica solitudine.
Sicuramente stupenda l’impressione che la storia potrebbe benissimo essersi verificata in quanto perfettamente ancorata alla realtà, ma tuttavia sorprendente grazie a colpi di scena ed ostacoli improvvisi che gli metteranno i bastoni tra le ruote verso il sorprendente epilogo.
Pur narrando aspetti semplici e quotidiani la penna di Mariella riesce con magia ad affascinare il lettore, che rimane intrappolato nel suo mondo avvinto da riflessioni profonde e trascinanti e valori imperituri.
Devo però avvisarvi che sarà inevitabile rimanere stregati da Davide, partito come un ragazzino torna invece come uomo carismatico, uno chef determinato, che sa quello che vuole e uno dei suoi obiettivi è proprio riprendersi l’unica donna che abbia mai scombussolato i battiti del suo cuore, pronto ad avere pace solo tra le braccia della sua Bibì, ora passiva e inerme nel suo universo.
Il lettore subisce il fascino del primo amore mai dimenticato,adesso in contrasto però con i loro pensieri, due adulti disillusi, provati e privati di vitalità.
In questo romance si fondono il malessere schiacciante di una giovane donna alla deriva, con la verve frizzante di battibecchi e con un alchimia scoppiettante nei loro intimi tete à tete. Le scene passionali sono trascinanti ma naturali, conseguenza di un meraviglioso feeling che va oltre quello fisico.
Bibì sconfitta dal presente e da una madre opprimente e Davide, invece positivo ed ottimista potranno conciliare le loro divergenti visioni e superare insieme l’ombra del loro ingombrante passato?
Tra i capitoli di Mariella Mogni si apprende che l’amore non segue mai una logica definita, non può essere contrastato con ragione e volontà, ma vincerà sempre superando difficoltà e profondi dolori, a volte le avversità della vita porteranno a sentirsi schiacciati dal peso di eventi a cui si cercherà di ribellarsi anche irrazionalmente, tuttavia il tempo e la forza dell’amore renderanno possibile la speranza in un futuro migliore.
"Inconciliabili" quindi non è solo una lettura di svago, ma l’esplorazione attraverso i drammi e le gioie di tutte le fasi della vita: infanzia, adolescenza, età adulta e vecchiaia si uniscono divinamente amore fisico e mentale con la passione per la cucina in cui miscela perfettamente i suoi ingredienti: attrazione, sensazioni ed emozioni.
Saprà stupire il vostro palato da lettrici esigenti? Con me c’è riuscita in pieno!



Nessun commento:

Posta un commento