lunedì 1 ottobre 2018

Le recensioni di Viola e Maria Rosa: SteamBros Investigations - l'armonia dell'imperfetto di Alastor Maverick & L.A. Mely

Vi proponiamo ora una doppia recensione per uno Steampunk che ha incuriosito due delle nostre disaster! Viola e Maria Rosa ci parlano di STEAMBROS INVESTIGATIONS - L'ARMONIA DELL'IMPERFETTO di Alastor Maverick e L.A.Mely ed edito DZ Edizioni.

Titolo: SteamBros Investigations L’armonia dell’imperfetto

Autore: Alastor Maverick e L.A.Mely

Editore: DZ Edizioni

Genere: Giallo investigativo vecchio stile in chiave Steampunk

Data di pubblicazione: 15 Febbraio 2107

Prezzo: 14,90 € cartaceo, 2,99 € ebook


Sinossi

Il mondo è dominato dalla meraviglia dei motori a vapore e delle macchine elettriche. La gloria e il lusso appartengono ai ricchi e ai potenti che lasciano le classi meno abbienti a vivere nella miseria. In questo miasma di fumo e carbone emergono le menti più brillanti, siano esse volte al crimine o alla giustizia. Nicholas e Melinda Hoyt sono due investigatori privati, schierati al servizio della giustizia, fondatori dell'agenzia "Hoyt Brothers Investigations". Quando un apparente caso di suicidio porta a galla frammenti del loro passato, solo una grande dose di fortuna, intelligenza e vapore potrà far emergere la verità e salvargli la vita.

Recensione Viola

Melanie e Nicholas Hoyt sono fratelli. Cresciuti in una famiglia di umili origini, sono stati affidati allo zio dopo che i genitori si sono separati in malo modo.
Mel e Nick sono cresciuti studiando nella biblioteca dove lo zio era direttore sviluppando entrambi una spiccata intelligenza e la predispozione a svelare piccoli misteri e a portarli, una volta compiuta la maggiore età, ad intraprendere il mestiere di investigatori privati mettendo sempre più spesso il bastone tra le ruote all'agente Morris, il cui acume non spicca a confronto dei fratelli Hoyt.
Ma lasciate che vi presenti i nostri protagonisti utilizzando le parole degli autori:

Melinda
Aveva un modo di vestire più maschile che da donzella.
Era sempre stata paffuta ed evitava di portare bustini, corpetti e lunghe sottane traendo in inganno gli sguardi superficiali.
La sua lunga e curata treccia era l'unico eclatante segno del suo essere femmina.
Era una ragazza riflessiva una grande osservatrice.
La sua allenata fovea poteva cogliere piccolissime imperfezioni anche solo con uno sguardo distratto. 

Nicholas ,invece, era un matematico.
A differenza della sorella, che faceva di logica e coerenza la sua ragione d'esistere, lui calcolava le probabilità, confrontava quelle che all'apparenza erano mere coincidenze ed era in grado di trarne un risultato certo.
Vedendoli agire insieme era chiaro a tutti che fossero due anelli portanti della medesima fondamentale, perfetta catena.
Lei inquadrava, osservava, scriveva sul suo taccuino e lui faceva combaciare i pezzi in un risultato tale da non lasciare scappatoie.

Si troveranno ad indagare sull'apparente suicidio di lord Bamminton ma il colpo d'occhio e i pochi indizi portano sia Mel che Nick a pensare che sia un omicidio mascherato dalla mano dell'assassino a suicidio.
Cominciano così a girare sul loro sidecar a vapore costruito dalle abili mani di Nicholas per Londra andando a porre domande alla vedova Bamminton e a chiunque possa dar loro delle risposte per capire gli ultimi momenti di vita del lord ucciso alla propria scrivania facendo così cadere subito l'ipotesi di suicidio. Il mistero si infittisce quando anche un altro membro della città e amico di Bamminton verrà rinvenuto cadavere sul posto di lavoro.
L'acume dei due porterà a galla una verità scomoda per molti e riusciranno a smascherare il colpevole degli omicidi ottenendo anche l'appoggio dell'antagonista di sempre.

I fratelli Hoyt ti portano a viaggiare insieme a loro a bordo del loro sidecar in una Londra vittoriana perennemente grigia e ti invitano a volare con la fantasia per immaginarsi i mezzi d'osservazione e di ornamento in stile steampunk di Nicholas.Mi è piaciuta l'idea di omaggiare alcuni personaggi celebri del tempo inserendoli al momento giusto della narrazione ma non ve ne accenno neanche uno così ve li andate a scoprire da soli e chissà se Melinda e Nicholas daranno ascolto a lady Stella e all'ultima frase con cui la gitana li saluta dopo il loro incontro. E chissà se troveranno la giusta strada per risolvere l'enigma che da sempre li accompagna.

Se non conoscete il genere steampunk questo è il libro adatto per provare ad avvicinarcisi.
Aggiungo per ultima cosa che se siete amanti della cucina inglese beh.. Alla fine del libro avrete una gradita sorpresa...
Ora mi perdonerete ma devo salire sul sidecar insieme a Nick prima che Mel perda la pazienza e mi lasci a piedi nel prossimo episodio dei fratelli Hoyt ;-)





Recensione Maria Rosa

Melinda e Nicholas Hoyt vivono in una Londra ottocentesca grigia e fumosa di carbone.
Dopo che i genitori si separano, vengono allevati da un loro zio che li fa vivere nella biblioteca dove lavora.
Qui i ragazzi si istruiscono e apprendono molto di più che in una normale scuola, le loro menti si affinano e crescendo, decidono di diventare investigatori privati.
Così man mano che la loro notorietà come investigatori cresce, vengono chiamati ad investigare sempre più spesso su casi importanti, come sulla morte di Lord Bamminton,  presunto suicidio che il Capitano Morris cerca in tutti i modi di archiviare in fretta, e che suicidio non è...
E qui inizia la nostra storia... storia che porterà i nostri protagonisti a scoprire il vero colpevole e anche un indizio che porterà al prossimo libro.

I due ragazzi sono legatissimi tra loro e allo stesso tempo così diversi, Nick curato, seduttore affascinante e affabulatore , e Mel, ironica , completamente al di fuori delle regole sociali del tempo, vestita da uomo che con  uno sguardo intimidatorio fa le domande più scomode, lui empatico, lei asociale, ma entrambi brillanti nei ragionamenti e nel loro incastrarsi e equilibrarsi a vicenda.

Bravissimi gli autori ad ambientare perfettamente nell'Inghilterra di fine ottocento il libro, con una ricercatezza nei particolari storici e non. Encomiabile tutto quello che fa da contorno alla narrazione, la differenza sociali tra classi, le apparenze che nascondono la realtà, la modernità e la scienza che inizia a prendere piede in una società fatta di credenze e regole.
La lezione che Mel e Nick ci insegnano? Guardare sempre tutto accuratamente e non fermarsi mai alle apparenze

 "Inutile travestire un angelo da demone... per quanto tu possa incipriarlo e coprirlo di candide piume trasuderà sempre odore di zolfo"

e a non perdere mai la speranza.

Libro divertente e intrigante, i personaggi sono descritti accuratamente e i dialoghi frizzanti e arguti. L'ironia di Mel e Nick ci accompagna per tutto il libro, trovo abbia solo una piccola pecca... manca , a mio parere, la suspance che un “giallo “  dovrebbe avere, cosa che nel secondo libro invece c'è! ( ma di questo parleremo nella prossima recensione :D )
Interessantissima anche la parte finale dove gli autori ci danno le ricette di quello che mangiano i nostri protagonisti con anche i cenni storici, e la spiegazione di tutta una serie di citazioni che troviamo all'interno del libro.
Un'accuratezza esemplare!! Complimenti!!



Nessun commento:

Posta un commento