mercoledì 24 ottobre 2018

Le recensioni di Serena: Quando tutto cambia di Abbi Glines


Ultima recensione per oggi, a parlarci di QUANDO TUTTO CAMBIA di Abbi Glines è la nostra Serena!

Titolo: Quando tutto cambia

Autore:Abbi Glines

Editore:Mondadori

Genere:New Adult

Data di pubblicazione: 10 luglio 2018

Prezzo: 16.90 € cartaceo, 8.99 € ebook


Sinossi

È una notte speciale per Vale e Crawford. La macchina che corre veloce, nell'aria il profumo delle serate estive, e negli occhi e nelle orecchie le immagini e le parole della giornata appena trascorsa. Sono giovani, belli, radiosi: hanno appena preso il diploma, davanti a loro le vacanze, ma soprattutto il progetto di una nuova vita, un nuovo inizio. Da assaporare insieme. Perché insieme loro due si sentono forti, invincibili, come solo ci si può sentire a diciott'anni, quando si è innamorati e in procinto di cominciare una nuova avventura. Poi, tutto a un tratto, una frenata improvvisa, il mondo che prende a girare, lo stridore delle ruote che travolgono ogni pensiero, e tutti i sogni inghiottiti dal buio. Passa un mese e niente è come Vale e Crawford si erano immaginati. Da quella notte terribile, infatti, lui è in coma. E lei trascorre ogni suo attimo in ospedale, in attesa di poter entrare nella sua stanza per leggergli qualcosa, sognando il momento in cui aprirà di nuovo gli occhi e tutti i loro progetti potranno riprendere da dove si sono interrotti. Un giorno, mentre aspetta di fargli visita, Vale conosce Slate, un ragazzo poco più grande di lei dagli occhi verdi e l'aria da spaccone, in ospedale per assistere lo zio malato. Tra i due inizia uno strano rapporto fatto di confidenze, prese in giro e caffè bollenti. Slate riesce in qualche modo ad alleviare il dolore di Vale, tanto che in lei, col passare dei giorni e pur tra i sensi di colpa, inizia a farsi spazio l'idea che forse sia possibile andare avanti con la propria vita, anche senza Crawford. Quel che ancora non sa è che il destino è pronto, dietro l'angolo, a cambiare ancora una volta le carte in tavola.

Recensione

Dopo molti anni dall’ultima pubblicazione in Italia della stimatissima autrice Abbi Glines, abbiamo finalmente avuto il piacere di poter leggere altro di suo pugno, questa volta si tratta di uno stand-alone dai toni molto più drammatici di quelli con cui la abbiamo conosciuta ed amata nelle serie precedenti.
Personalmente, ho letto ed adorato sia la "The Vincent Boys series", sia la "Rosemary Beach series", di conseguenza, appena hanno annunciato questa nuova uscita non stavo più nella pelle ed ho iniziato a contare i giorni che mancavano al lieto evento.
Prima di leggerlo sono rimasta subito colpita dal titolo, dalla cover con i suoi colori così di impatto e anche dal numero di pagine non troppo esagerate spesso presupposto di un libro scorrevole, veloce  e rilassante. Purtroppo però, le mie previsioni non sono state del tutto realizzate, il giudizio che ho di quest’opera non è completamente positivo, ci sono stati alcuni aspetti davvero piacevoli, ma anche altri davvero negativi, quindi la mia opinione si è divisa a metà. Ci sono stati momenti in cui mi sembrava che il libro ingranasse, altri invece che, come in un altalena incerta, piombavo al suolo.
Vado subito a spiegarvi con più precisione le mie impressioni.
La protagonista di "Quando tutto cambia" è Vale Mckinley, una bellissima ragazza di 18 anni, mora con due enormi occhi azzurri e un futuro radioso all’orizzonte.Vale è fidanzata da quando aveva appena 6 anni con Crawford,un ragazzo che non le ha mai fatto mancare nulla e che ama alla follia: bello, gentile e sempre sicuro delle sue decisioni. Insieme,come hanno sempre fatto tutto, hanno pianificato il loro avvenire, andranno allo stesso college, si realizzeranno e successivamente formeranno la loro famiglia come sognano di fare fin da quando erano piccoli.
Purtroppo però lo sappiamo non si possono fare i conti senza l’oste, e proprio quando il loro destino sembrava già completamente delineato all’orizzonte un evento improvviso e doloroso arriverà per infrangere i loro progetti, la realtà che finora sembrava un sogno si trasformerà in un incubo da cui è impossibile fuggire: mentre felici e spensierati programmano la loro estate, cantando le loro canzoni preferite, un incidente automobilistico manda in mille pezzi il loro equilibrio. Crawford entra in coma e Vale non può che rimanere impotente davanti a questo tragico evento.
Ritroviamo Vale all’ospedale, ormai da più di un mese non abbandona mai il capezzale del suo unico amore, passa le giornate tra quei corridoi nella speranza di rivedere la vita scorrere nei suoi occhi, ogni giorno si occupa di lui, gli parla e legge libri per cercare di mandargli degli stimoli. Ha deciso di mettere la sua vita in stand-by, non può andare avanti senza il suo eterno sostegno, deve essere presente nel momento in cui riprenderà conoscenza.
Proprio tra quei corridoi incontra Slate Allen: cappelli lunghi mori e occhi verdi pazzeschi, al primo sguardo Vale ne è irritata: lui attacca bottone ma lei è infastidita dalla consapevolezza di quel ragazzo di essere bello ed attraente, sempre pronto a mettersi al centro dell’attenzione e a fare lo spaccone. Tuttavia dentro di sé non può fare a meno di notare i suoi stupendi bicipiti tatuati, la voce magnetica e la camminata strascicata. Non che le interessi: lei rimarrà sempre fedele a Crawford, l’unica sua ragione di vita, colui che c’è sempre stato in ogni frangente importante di cui lei abbia memoria.
Successivamente Vale scopre che Slate è amico di uno dei suoi 4 fratelli, Knox, sono compagni di confraternita e da bravo fratello maggiore la mette subito in guardia sulla reputazione da dongiovanni di Slate.
Anche lui come lei passa le giornate in ospedale per prendersi cura dello zio, malato terminale di cancro e giorno dopo giorno, chiacchierata dopo chiacchierata,caffè dopo caffè, Vale e Slate iniziano ad essere amici, a confidarsi e cercarsi come non hanno mai fatto prima. Lei è sempre stata un tipo introverso, lui non ha mai avuto amiche femmine, ma tra loro in modo naturale e spontaneo inizia a crearsi un legame nuovo e particolare di fiducia e confidenza reciproca.
L’inzio del college si avvicina ma lei non vuole abbandonare il letto di Crawford,non può accettare di continuare a vivere come se niente fosse, non può vivere esperienze che aveva desiderato da sempre condividere con Crawford.I suoi genitori e i suoi fratelli non la lasciano sola, la sostengono e la amano sopra ad ogni cosa ma sono preoccupati del suo volere mettere in pausa la sua esistenza, alla fine la convincono che lo stesso Crawford non avrebbe voluto questo per lei, avrebbe voluto la sua felicità. Fino a ora è stata egoista a mettere tutti da parte, è giusto che continui a vivere anche per Crawford stesso. Quando finalmente lui tornerà, Vale sarà pronta ad accoglierlo  e mostrargli che si è fatta forza pensando al loro amore e ai loro desideri futuri.
Al college inizia una nuova vita per Vale, completamente diversa e emozionante, aiutata da nuove amicizie, dal sostegno di Knox e anche dall’ormai onnipresente Slate. Tra alti e bassi, allontanamenti  e avvicinamenti, scontri e riappacificazioni Slate e Vale si uniscono sempre di più: quella che sembrava una semplice amicizia nasconde sentimenti molto più  profondi.Vale inizia a pensare che andare avanti senza Crawford non sia così sbagliato, lui forse non si risveglierà mai ed è giusto che lei insegua la sua serenità e provi a costruirsi un nuovo avvenire conservando dei bei ricordi ma cercando di costruirsene di nuovi.
Inzia a domandarsi quale sia il vero amore, quello stabile, sicuro e forte nella sua tranquillità come ha sempre pensato, oppure quello incerto ma portatore di battiti ed emozioni come quello che ha conosciuto con Slate?
Però, proprio quando l’epilogo sembra ormai già stato scritto, tutto cambia, la situazione viene stravolta completamente, le sicurezze e le impressioni che il lettore si era piano piano costruito vengono distrutte per metterlo davanti ad un nuovo scenario sconvolgente, improvviso e spiazzante.
Vale è buona, gentile, vivace ed autentica, con il distacco forzato da Crawford, colui che era la sua ancora si sente persa, confusa ed in colpa per la possibilità di poter andare avanti quando lui si trova invece bloccato in un limbo.
Slate è si un ragazzo che ama passare ogni notte con una ragazza diversa, ma è sempre stato schietto e sincero sulle sue intenzioni.Vale sarà la prima che riuscirà a vedere al di là delle apparenze, riuscirà a scorgere la sua vera natura. Slate nasconde dietro l’aria scanzonata un cuore enorme, una bontà d’animo grandissima, è un ragazzo che è affezionato allo zio D, colui che dopo la morte dei genitori lo ha cresciuto, intrattiene i bambini malati dell’ospedale e non si è mai tirato indietro neppure per sostituirla nella veglia in camera di Crawford. La famiglia di Vale non per niente inizia a considerarlo un membro del gruppo e si aiutano reciprocamente nell’affrontare quei tristi momenti di malattia.
 Il personaggio di Vale avrà una grande evoluzione durante la narrazione: all’inizio è molto fragile ed indecisa, poi matura, si prende le sue responsabilità e decisioni importanti. Diviene consapevole della necessità di imparare a camminare da sola, torna a vivere, si accorge che forse la sua storia con Crawford non era così perfetta ma una pura illusione, lei con lui non era pienamente se stessa, gli faceva decidere tutto pur di compiacerlo, era succube delle sue scelte pur di renderlo felice ed orgoglioso si lasciava schiacciare dal suo volere. Ora lontana dall’universo che aveva sempre vissuto, capisce cosa vuole realmente, Slate l’accompagna nel suo cammino, la consiglia, la sostiene, la fa sentire se stessa, accettata ed amata per quello che è, la fa ridere e sentire unica.
Per Slate Vale è diversa da tutte, è speciale, ama la sua delicatezza e la sua innocenza, si capiscono e si sentono vicini nel dolore.

Nessuno inizialmente crede che siano solo amici, ma loro non se ne curano, si completano a vicenda. Lui la farà sentire importante e fondamentale non più una bambolina da lasciare su un piedistallo; lei sonderà al di là della superficialità apparente di Slate. Questi due protagonisti durante il loro percorso si sviluppano, crescono ed ampliano, però avrei preferito che il loro mutamento fosse più la causa di un’interazione reciproca, invece l’ho percepito singolarmente quasi come se il rapporto di cui parlano fosse in realtà solo una parvenza e non realmente così solido, come se spesso ognuno andasse per la sua strada.
Abbi Glines si riconferma una maestra nel new adult, il linguaggio usato è perfetto semplice, coinvolgente e frizzante, gli argomenti sono originali e accattivanti; costruisce un colpo di scena centrale che ribalta la situazione in modo imprevedibile, dividendo così il romance in due parti distinte, e questo a mio avviso è stato uno dei cambi di rotta migliori di tutti i tempi. Mi ha però ingolosito per poi lasciarmi a bocca asciutta, la prima parte infatti rimane un po’ superficiale poi nella seconda, dove inserisce pure il pov maschile è stata molto più riflessiva ed introspettiva per questo pensavo erroneamente che il libro si stesse sviluppando finalmente, ma ho constatato che in realtà la seconda parte è troppo breve, poco delineata, fino ad arrivare al finale, aspettato trepidante fin dall’inizio e liquidato invece con due parole in croce, lasciandomi li insoddisfatta dal languore.
Sicuramente un aspetto davvero bello di questa storia è stato il fatto che al contrario dei suoi libri precedenti, nei quali la passione e l’intimità spesso facevano da padroni, qui ho notato che l’autrice ha tentato di distaccarsi dall’aspetto puramente fisico, il feeling mentale tra Vale e Slate è molto più rilevante, però avendo delineato personaggi profondi e sensibili mi sarei aspettata molto più coinvolgimento, cosa che non è accaduta. I temi trattati dalla Glines sono seri e toccanti: amore, malattia e famiglia ma personalmente non è risicata ad arrivarmi nel profondo.
La scrittrice ci descrive la vita con i suoi dolori e le sue deviazioni, ci insegna che è necessario cambiare nel tempo ed adattarsi ai mutamenti, servono a crescere, a conoscerci ed  a esplorare la nostra vera natura; non sempre sono positivi questi stravolgimenti, ma bisogna avere il coraggio di rischiare, di cercare la nostra strada, non sarà facile ma sicuramente serve per concretizzare la nostra personalità e dare sfogo all'interiorità.
Le faccio i complimenti per il modo in cui si snoda la trama, per le idee ed il linguaggio, ma poteva sicuramente calcare più la mano sul pathos e il sentimentalismo soprattutto con temi così delicati, questa pecca l’ho percepita non tanto nel rapporto di Vale e Slate con gli altri personaggi, tra cui ci sono passaggi emozionanti ad esempio con lo zio o i fratelli, ma tra loro: è come se molto spesso avesse lasciato delle cose non dette  dando per scontato molte situazioni, conclusione compresa.
Il libro parla di scelte, del passaggio cruciale tra adolescenza ed età adulta, di imprevisti da superare e nuovi sogni da ricreare, usa uno stile fresco ed immediato nonostante la drammaticità. Ho apprezzato e amato anche ciò che potrebbe non piacere, cioè il cambio di situazione repentino, la particolarità che a me non è del tutto andata giù è che in alcuni passaggi, capisco in non voler diventare melodrammatica, ma un po’ di lacrime e tormento sarebbero stati l’ingrediente mancante per rendere il quadro completo, la storia ai miei occhi ha perso profondità elemento per me fondamentale.
Non posso categoricamente sconsigliare questo romanzo ma le mie riserve sono state numerose, se amate la freschezza delle  storie tipiche new adult e cercate una  scrittura trascinante dovete leggerlo, ma attenzione non aspettatevi strette al cuore o pensieri tormentati.


                                 

Nessun commento:

Posta un commento