martedì 2 ottobre 2018

Le recensioni di Serena: Drive di Kate Stewart


Chiudiamo con Serena che ci parla di DRIVE, contemporary romance di Kate Stewart, edito Triskell Edizioni.

Titolo: Drive

Autore: Kate Stewart

Editore: Triskell Edizioni

Genere: Contemporaneo

Data di pubblicazione: 16 Luglio 2018

Prezzo: € 6.99


Sinossi

La musica… il più grande bibliotecario del cuore.
La durata media di una canzone è tre minuti e mezzo; quei tre minuti e mezzo potrebbero portare a un lento battito di ciglia, a uno sguardo sul passato o a catapultare l’anima in una nostalgia che fa a pezzi il cuore.
All’apice della mia carriera, avevo la vita che volevo, quella che avevo sempre immaginato. Avevo trovato il mio tempo, il mio ritmo. Poi ho ricevuto una telefonata che mi ha lasciato stonata.

Sapete, le mie canzoni preferite trovavano il modo di suonare in contemporanea. Ero innamorata dei ritmi di un uomo e delle parole di un altro. Ma quando si trattava della colonna sonora di una vita, come si poteva scegliere una canzone preferita? Quindi, per cancellare ogni dubbio, ho buttato via il mio biglietto di prima classe e ho deciso di fare un gita in auto, concentrata sullo specchietto retrovisore.
Due giorni.
Una playlist.
E la lunga strada verso casa, verso l’uomo che mi stava aspettando.

Recensione

Quando si è tristi cerchiamo il nostro stesso dolore tra le parole di una canzone. Quando siamo felici esprimiamo la nostra allegria cantando. Quando vogliamo sfogarci, ascoltare brani è un ottima valvola per allentare la tensione.
La musica ha una forza invisibile ma prorompente, può essere una passione, un rimedio, un’arte, un mestiere. Può legare persone, unire attimi, può essere il filo conduttore di tutti i ricordi di una vita. Ha il potere di saturare il passato di emozioni indimenticabili.

Nel romanzo di cui andrò a parlarvi oggi la musica è proprio la protagonista principale. Silenziosa ma devastante sarà il collante della vita di tre persone, tre personaggi che daranno vita a un triangolo amoroso complesso e veramente toccante: loro sono Stella, Reid e Nate.

L’autrice per tutto il libro non rivelerà mai chi sarà la scelta di Stella, solo alla fine di tutto il percorso verremo a conoscenza della sua decisione, anche se poi in fin dei conti, a mio parere, non si può parlare di un vero e proprio "love triangle" perché sicuramente dentro di voi fin dall’inizio sarete consapevoli di chi sia l’uomo per il quale batte incessantemente il suo cuore. Vi posso pero assicurare che l’esito non sarà  per nulla scontato, anche se ipotizzabile. La scrittrice è stata abilissima nell’insinuare dubbi e incertezze nel lettore che non avrà mai la certezza di poter affermare al 100% quale sarà l’agognata conclusione.

Drive è molto particolare poiché è costruito al contrario. Partendo dalla fine a ritroso, percorreremo gli eventi che hanno condotto alla situazione attuale. Stella racconterà il passato che l’ha portata ad essere la donna che è oggi.
Nell’incipit incontriamo subito una Stella venticinquenne, una donna affermata nel suo lavoro di giornalista sportiva, sicura e indipendente. Proprio all’apice del suo successo, quando uno dei suoi podcast su una star del rap sta attirando milioni di persone online ,riceve una telefonata che sconvolgerà il suo equilibrio: Lexi la sua migliore amica la informa che sta partecipando al matrimonio del suo ex, ma di chi starà parlando? Reid oppure Nate?

Scossa da infiniti turbamenti Stella decide di non prendere l’aereo che avrebbe dovuto condurla a casa dal marito ,ma intraprendere un viaggio di ritorno di 48 ore in macchina,da sola con i suoi pensieri e in compagnia della colonna sonora della sua vita. Ascoltando le canzoni che hanno segnato la sua esistenza, che adesso come aghi appuntiti tornano a pizzicare ferite ancora dolorose, rivivremo con lei gli ultimi 5 anni e affronteremo la messa in discussione di tutto ciò che ha costruito finora, aiutata come sempre dalla musica, sua perpetua compagna,f onte di equilibrio naturale, calmante per la sua irruenza e scaverà nella sua interiorità per trovare la verità. Ma chi è che la sta aspettando a casa? Nate o Reid? Lo scoprirete solo ben dopo 600 pagine!

Ecco che veniamo catapultati ad Austin quando Stella aveva appena 20 anni e vive con sua sorella Paige. Il suo sogno è diventare una scrittrice in campo musicale, è ossessionata dai concerti, dalle esibizioni Live di band emergenti e da tutto ciò che gravità intorno alla musica la quale è per lei una seconda aria, un rifugio, uno sfogo, la sua energia.
Ad Austin conosce il migliore amico di sua sorella, Reid, che fin dal primo sguardo scatena in lei pura elettricità. Reid ha 25 anni e lavora in una tavola calda, ma è anche il bellissimo batterista capellone dagli occhi nocciola tendenti al verde di una garage band, i Dead Sergeants, che sta cercando da anni di affermarsi nel panorama musicale. Inizialmente sembrano non sopportarsi per niente, i loro caratteri cozzano in modo stridente, lei sempre loquace e curiosa gli pone mille domande a cui lui  non vuole rispondere. E' un uomo di poche parole e lei invece cerca di cavargliele fuori. Reid è presuntuoso, scortese, schivo, riservato ed ombroso e cerca in tutti i modi di schivare l’espansività della sorellina di Peige.
Reid Crowne è un uomo convinto di non potersi più permettere di sognare, dopo averlo fatto la vita lo ha messo in ginocchio. Adesso è disilluso, non ha più la possibilità di credere in nulla. Non potrete che amare questo ragazzaccio tatuato, vittima di un infanzia infelice, che si sente soffocare da questioni irrisolte, da una situazione economica disastrosa e da incubi che oscurano i suoi sogni e i suoi piccoli successi. Non crede ad  un avvenire felice, non crede nel suo talento e non crede nell’amore.

“La vera bellezza di Reid non aveva colpito quando lo avevo incontrato per la prima volta. Ero stata troppo infuriata con il genere maschile per accorgermene. Certo era sexy, in quel modo un po’trasandato, da ribelle rabbioso. Ma sotto la superficie di ostilità che c’era tra noi due, la mia curiosità stava crescendo. Avevamo vissuto sul sedile posteriore dell’auto di Paige durante l’ultima settimana, a litigare, a ridere e chiacchierare. Ogni volta che parlava mi sentivo sempre più vicina, più coinvolta, più innamorata…solo più.”

Dall’altro lato della medaglia abbiamo Nate Butler, un uomo di 26 anni, biondo ramato, occhi azzurri magnetici ed incantatori, sexy e un po’ strafottente, sicuro di sé e dei suoi obiettivi. Nate è il giovane redattore di "Austin Speak" la rivista alla quale Stella si rivolge per iniziare la sua gavetta. Vuole essere assunta e farsi le ossa per intraprendere il cammino che ha sempre desiderato. Nate dopo un colloquio veramente spassoso e singolare decide di darle una possibilità e darle l’opportunità di provare. Anche con Nate fin dalla prima occhiata in Stella si risveglia qualcosa di indefinito ma tentatore e prepotente. Nate da subito non nasconde le sue serie intenzioni, ha visto in lei una preziosa rarità, è disposto ad aspettarla e venerarla fedelmente. Stella è stordita dalla sua bellezza, lui è perfetto, divertente, intelligente, stupendo, protettivo e passioanle. Diventerà il suo porto sicuro, il suo paradiso concreto ed onesto, un’oasi per la sua gioia.

“Mi ero innamorata della promessa nei suoi occhi, della sua voce e del conforto di essere me stessa senza essere giudicata. Il suo amore era incondizionato,anche se doveva ancora pronunciare le parole. Era un dato di fatto. Stare con Nate era la relazione più naturale che avessi mai avuto. Mi aveva tolto il respiro e faceva del suo meglio per rubare il resto,e stava funzionando.” 

Ma per chi batte veramente il cuore di Stella? Può davvero amare due uomini così diversi e agli antipodi? Accetterà le convinzioni di Reid e rinuncerà a un amore così infuocato e vivo per abbandonarsi ad un altro tipo di amore ugualmente forte ma più concreto e stabile? Saprà decidersi?
Lascio a voi scoprire tutto ciò!

Estella Emerson è una protagonista descritta in modo davvero concreto e realistico con le numerose sfaccettature della mente umana, un’indomita ragazza mora dai cupi occhi grigi. È texicana (metà texana e metà messicana), ha un enorme famiglia confusionaria, è coraggiosa, forte e impulsiva. Cerca di non buttarsi mai giù e afferrare ciò che desidera in modo ottimista, vive le passioni in maniera  molto emotiva. Fin da piccola è sempre stata ribelle e turbolenta, ha un carattere impetuoso che la porta a lasciarsi andare fino all’eccesso come un’eruzione incessante. Segue i suoi sogni, vive, soffre e sente tutto con trasporto, non per nulla Reid la chiama appunto "granata".

“Sapevo che la vita non era così lineare e semplice come pensavo fosse, ma speravo di non mettermi mai in ginocchio. E se mai l’avessi fatto, mi auguravo di essere abbastanza forte da riprendermi.”

Lo stile della Stewart è scorrevole, emozionante e diretto. Utilizza parole semplici ma profonde, essenziali ma che segnano fin nel profondo. Non usa artifici inutili in una storia in cui non c’è necessità, ciò che lascia parlare sono il cuore e le emozioni, non c’è bisigno di altro.
Al principio mi sono un po’ spaventata per il numero eccessivo di pagine, avevo paura che fosse un inutile "allungamento di brodo", invece vi assicuro che le divorerete e ne vorrete perfino di più. Si arriva a metà tranquillamente in un soffio, poi nel punto clou ho sperato tanto non si affossasse e trascinasse in modo noioso e per fortuna ha continuato a ingranare le marce e ha proseguito in salita fino alla fine, trascinandomi in un vortice nel quale l’unico interesse era scoprire se e con chi troverà pace l’inquieta Stella.
Il titolo riesce a racchiudere in un’unica parola l’essenza di tutto il loro universo, drive significa infatti guidare ,appunto il viaggio che intraprende, ma significa anche molto altro: spingere, muovere, infiggere e condurre, impulso e comando. Tutti verbi e sostantivi fondamentali nel mondo di Stella, un mondo in cui ciò che la guida sono le sue amate canzoni che sono per lei un promemoria, un mantra, un ricordo oppure un consiglio di vita. È un libro in cui grazie anche alle canzoni che introducono ogni capitolo in modo significativo, si riesce ad entrare perfettamente nella sua atmosfera, un libro interattivo in cui immergersi completamente.

"Drive" ci raccontata la musica vista da più prospettive, il mondo di chi la crea, chi la ascolta, chi ne fa una professione, chi la usa come una medicina, chi come Stella la prende da guida.

Questo bellissimo romanzo è intenso,denso e toccante riesce a toccare le corde del cuore con le sue intricate vicende, ci parla d'amore, ben due storie con i due uomini che hanno marchiato la sua vita fino ad arrivare al presente, alla donna che è diventata oggi anche grazie a loro e a quello che ha passato.

Entrambi la faranno crescere, diventare consapevole delle sue capacità, dei suoi progetti anche se per strada i dolori e le perdite non mancheranno, la segneranno, la faranno però raggiungere l’indipendenza, il successo e l’affermazione. Quindi non è una semplice storia d’amore, ma quella di una ragazza che si realizza e cambia, un romanzo di formazione, presa di coscienza  e di consapevolezza, che dipinge sogni, sacrifici e rinunce.
L’amore è descritto come è realmente, fatto anche di delusioni, sofferenze, patti con sé stessi, perdite e dolore, infligge sofferenza a te e agli altri per scelte inevitabili. Stella stessa cade, si rialza ,ferita ma più forte di prima, è una guerriera che lotta per l’amore, per Reid così ombroso e spezzato e per Nate così virile ed elegante. Per affermarsi lotta anche contro se stessa, riflette per trovare la felicità ,per cercare di trovare un equilibrio tra due fuochi che la bruciano, combatte  per rimanere a galla tra le buche accidentate sul percorso.
Stella dovrà pensare a se stessa, dovrà leggere nel suo cuore, spesso potrà sembrarvi un racconto triste tuttavia tutto porterà al traguardo della sua favola rock. Troverà il suo punto fermo, ma chi sarà il lui a cui fin dalle prime righe si sta rivolgendo? Certo entrambi le ruberanno il cuore ma chi saprà impossessarsi dell’ anima?

Sono sicura di avervi almeno un  po’ incuriosito, quindi salite in macchina, allacciate la cintura,  accendete la radio e partite con Stella!



Nessun commento:

Posta un commento