giovedì 6 settembre 2018

Le recensioni di Serena: "Dirty Games" di Valentina Facchini


Chiudiamo la giornata con Serena. Ci parlerà di DIRTY GAMES di Valentina Facchini.

Titolo: Dirty Games

Autore: Valentina Facchini

Editore: Self publishing

Genere:Erotic Romance

Data di pubblicazione: 11 Luglio 2018

Prezzo: € 0,99 ebook


Sinossi

Il mio nome è Alathea Davis, ho ventisei anni e sono una prostituta. Potrei definirmi una “escort”, ma la sostanza non cambierebbe: mi vendo per vivere. Lui mi ha costretto a scegliere tra la mia libertà e il mio corpo, e io ho accettato la sfida. Ha deciso di addestrarmi, ma non mi piegherà al suo volere, non riuscirà a cambiarmi.
È un gioco senza esclusioni di colpi, il nostro.
Solo uno di noi vincerà.
E non sarà lui.
Il mio nome è Sebastian Reeve, sono egocentrico, lunatico e mi annoio facilmente. Mi definiscono un uomo viziato, e hanno ragione: ottengo sempre ciò che voglio. Quando ho sentito la sua voce, ho capito che doveva essere mia. Lei sembra leggermi dentro, mi porta al limite e mi disorienta. Non mi sono comportato da galantuomo, le ho tessuto una trappola e lei ci è caduta, ma non me ne pento.
È un gioco senza esclusioni di colpi, il nostro.
Solo uno di noi vincerà.
E non sarà lei.


Recensione

Secondo voi esiste solo una forma d’amore, oppure è un sentimento talmente sfaccettato e sconfinato da non poter essere definito?
La cosa certa è che il romanzo di cui vi parlerò oggi è la dimostrazione palese che l’amore può mettere radici anche in un terreno arido, che i sentimenti sono il punto debole perfino dei più forti, che anche gli uomini dall’animo sterile in realtà hanno un cuore.


Il protagonista di Dirty Games è appunto un angelo nero, un ragazzo dallo spirito oscuro e negativo  che troverà, però, pane per i suoi denti in una leonessa travestita da gazzella, una donna che diventerà la sua ossessione, il suo tormento, un bisogno primario impossibile da ignorare.
Il cacciatore di questa storia è Sebastian Reeve. La sua preda Alathea Davis.

Ma saranno veramente questi i loro ruoli?
E' tutto molto più complicato di così, questo è un  erotic romance molto particolare. Il sesso è solo un mezzo per scavare nella più profonda psicologia dei personaggi, e non solo, infonde dubbi, pensieri e riflessioni al lettore stesso che non può che seguire il vorticante fluire di mille considerazioni a cui non aveva sicuramente mai dato adito.

Alathea è una bellissima ragazza di 26 anni, per mantenersi lavora in un diner, ma certo il lavoro da cameriera non è la sua massima aspirazione. Il suo sogno è diventare un’attrice. Da anni cerca di sfondare nel mondo del cinema, purtroppo senza successo. Ha avuto un infanzia complicata, cresciuta da una madre drogata e poco affidabile, sempre affiancata da un uomo diverso, non si facevano scrupoli prima di consumare i loro luridi amplessi di fronte al suo sguardo innocente. La vita l’ha fatta crescere troppo in fretta, le ha negato le più piccole gioie, un po’ a fatica ma sulle proprie gambe è sempre riuscita a stare in piedi e superare tutto. 

Non ha mai incontrato un compagno per cui valesse la pena mettersi in gioco, l’unica priorità è sempre stata sostenersi e cercare di migliorare la sua situazione precaria,anche se con scarsi risultati. Vive infatti in un misero appartamento, ha un esiguo stipendio, trascina le sue giornate apatiche senza interesse e la sua esistenza non ha un solo lato positivo.
Tutto cambia quando incontra Sebastian Reeve, capelli lunghi biondi, occhi azzurri freddi come il mare artico in cui è facile perdersi ma anche congelarsi, affascinante, maestoso ma dallo sguardo pericoloso. Bastano poche battute e tra di loro si innesca una vera guerra.

<La partita è appena cominciata,sei pronta a giocare? Non vedo l’ora di vederti combattere…> mi mormorò all’orecchio. Solo io potevo aver udito quello che mi aveva appena sussurato, e solo io potevo percepire i brividi che le sue parole mi avevano lasciato”.

Lui non è un uomo qualunque: è ultra ricco, proprietario di un’agenzia di moda e spettacolo, la più famosa di New York. E' spregevole, viziato, dice tutto ciò che gli passa per la testa, fa’ e prende ciò che vuole e lo getta quando non ne ha più bisogno. E' egocentrico, cattivo e meschino pur di realizzare i suoi piani ed ora il suo obiettivo è proprio Alathea. Non la vuole solo fisicamente, la rivendica come sua proprietà, diventa un tormento, deve averla e qualsiasi mezzo è lecito. Le tende una trappola a cui non può sfuggire o rischierebbe la galera: è obbligata a diventare una delle sue escort. 
Si, perché l’agenzia è in realtà una copertura per un complesso più vasto; dirige infatti un "bordello"di lusso per uomini facoltosi: Althea per ben 2 anni sarà in suo possesso. Dopo averla addestrata potrà soddisfare le voglie sfrenate di viscidi ricconi e al tempo stesso avere una vita da signora  con tutti i comfort più desiderabili. Lei è troppo orgogliosa, non è certo disposta a vendere il suo corpo e la sua libertà per imboccare una strada così semplice, volente o nolente, però, deve soccombere ma solo apparentemente.
Il desiderio più grande di Sebastian è proprio quello di piegarla al suo volere, renderla una pedina nella sue mani, succhiarne più linfa vitale possibile.
Lei non vuole cambiare e spezzarsi per lui, lui esige la sua obbedienza. 

Chi vincerà questa partita che è molto più di una semplice sfida?
Una lotta all’ ultimo sangue senza esclusione di colpi, ma ci sarà un vero vincitore o entrambi perderanno qualcosa?

Certo non avevano messo in conto che nel loro gioco fossero coinvolti i sentimenti. 


“Volevo conoscere il vero Sebastian , cosa si nascondeva dietro la burrasca che vedevo nei suoi occhi. Ma dovevo resistere. Non potevo cedere. Lui era sbagliato. Lui era contorto. Lui non era giusto per me.”

Questa è una storia d‘amore che è anche una battaglia, in cui sopravvive solo chi è coraggioso, chi è disposto a fare sacrifici, a barare e ad essere immorale,questa è una lotta contro se stessi,contro l’ altro e contro il mondo circostante.


Althea è una ragazza che ha percorso il suo cammino sempre da sola, non è mai scesa a compromessi, è solitaria, forte e tenace. Inizialmente potrebbe sembrare succube, in realtà sarà, secondo me, la più combattiva. Non si pone aspettative, non cerca di fare la crocerossina , non vuole guarirlo dai suoi disagi. 

Ribalterà tutto,vavrà il coltello dalla parte del manico,vil vero controllo nelle sue mani.
Ha sempre condotto una vita povera,vha cercato di realizzare i suoi sogni ma in realtà è nata regina, ha un indole battagliera, dentro si sente sporca, ma come ormai le brutture della vita le hanno insegnato è pronta ad indossare una maschera. Subisce proprio per non crollare, si piega per non spezzarsi ma a testa alta, con fierezza si fa inseguire ma poi lo spiazza, attacca e reagisce.
Odia Sebastian perché le fa desiderare cose illogiche, prive di senso, malate. perché in verità lei ha sempre voluto essere come lui. 
Lei è la donna perfetta per lui, gli tiene testa, lo respinge, non lo asseconda in nulla. In modo naturale i loro corpi e le loro menti sono una fusione bellissima, non tentano di cambiarsi, di migliorarsi, si apprezzano per quello che sono in modo vero e crudo. Spesso sembrano due animali selvaggi che si cercano, si resistono fino al limite e poi esplodono e si abbandonano al feeling surreale che li avvince. 

“Era cosi’ che mi sentivo con Sebastian:prima di lui vivevo nella luce,poi tutto era diventato buio.Ma non gli avrei mai permesso di far vincere le tenebre,mi sarei ripresa il mio sole.A ogni costo.”

Leggendo questo romanzo ho riscontrato parecchi lati positivi. Sicuramente primo fra tutti il tema originale. Poteva essere facile cadere nel ripetitivo o nell' emulazione dei soliti romanzi capostipiti di questo genere invece non è mai accaduto. Le scene intime descritte pur essendo spinte non sono mai volgari o viscide, i personaggi sia principali sia secondari sono delineati perfettamente, parecchi i colpi di scena e le ondate di novità, vi è attenzione ai particolari e le idee trattate sono innovative e peculiari.
Una lettura in cui nulla è scontato, è un continuo chiedersi: e ora? Cosa succederà?

E' un incessante odio e amore con i protagonisti, spesso avrei voluto urlargli contro e sfidarli ma poi l’autrice in modo sapiente permette al lettore di esaminare tutto ciò che passa per la loro testa, di entrare nella loro psicologia distorta, si percepisce il cuore impazzito, le mani fremere e la mente annebbiata , ci fa desiderare una passione così, in cui si passa sopra a tutto, fino a consumarsi e farsi male. Un amore disfunzionale,che fiorisce dove non dovrebbe, costantemente minacciato ma forse proprio per questo più vero e speciale.

La Facchini è riuscita a delineare un nuovo ideale di romanticismo, un sentimento che nasce, si in una situazione sbagliata, ma che non si può classificare come giusto o scorretto. Qui esiste solo ciò che si è e ciò che si prova, l’imporsi di due anime fragili che sbranano il mondo per non essere meno di nessuno, per avere sicurezza, controllo e autorità.
Dirty Games è un libro in cui prevalgono i pensieri e le sensazioni sui fatti e gli eventi, un’opera in cui si scatenano gelosie, misteri, segreti, rivendicazioni e macchinazioni in un crescendo che porterà ad un esplosione finale.
Ho veramente trovato stupendo il fondersi di queste due persone, fatte della stessa sostanza,  due vite che si adattano l’una all’altra ma non vi è mutamento, non c’è redenzione, l’immoralità rimane, sboccia un amore cucito a misura sulla loro pelle, un sentimento che sarebbe sbagliato per altri ma perfetto per la loro natura. Un legame in cui si dissetano di piccoli spiragli di luce, in cui si gustano ogni più piccola premura e se la fanno bastare,speciale appunto perché rara e sporadica. Un rapporto che nato nella menzogna, nel tormento e nel buio ha prevalso perché non ha tentato di abbattere l’oscurità ma l’ha inglobata in se’ rendendola perfino essenziale.




Nessun commento:

Posta un commento