venerdì 3 agosto 2018

Le recensioni di Viola: "Macana" di Aurora R. Corsini


Chiudiamo questo primo venerdi di agosto con Viola. Ha letto MACANA, Le luci dell'Eos #2, di Aurora R. Corsini, edito Triskell Edizioni. Vediamo come ha trovato la lettura!

Titolo: Macana

Serie: Le luci dell'Eos Vol. 2

Autore: Aurora R. Corsini

Edizione: Triskell Edizioni

Genere: Fantasy/Paranormal m/m

Data di pubblicazione: 24 luglio 2017

Prezzo: 4,49€ formato ebook


Sinossi

Combattere con l’Eos significa tutto per Javier. Da centinaia d’anni il vampiro ha rinchiuso il proprio cuore in una prigione e si è dedicato unicamente a proteggere i più deboli. Passa da un amante all’altro e, dietro la maschera sorniona che presenta al mondo, il suo animo grida di dolore.
Una notte, però, attratto dai suoi occhi limpidi, assapora per la seconda volta il sangue di un ragazzo ignaro. Quando Connell incrocia di nuovo la sua strada, alla disperata ricerca d’aiuto, Javier deve combattere contro se stesso, perché la promessa nascosta in quello sguardo è più spaventosa di qualsiasi nemico.
Mentre mostri crudeli strisciano nella notte e l’Eos lotta contro il tempo per salvare quante più vite possibile, un vampiro e un giovane umano devono decidere quanto sono disposti a rischiare per amare di nuovo.

Recensione

Bentrovati disastri, oggi vi parlo del seguito di Pardus di Aurora R. Corsini dal titolo Macana.
In questo secondo volume il protagonista è Javier, il vampiro un pò invadente con la battuta sempre pronta, che pattuglia al fianco di Mathias che abbiamo lasciato sorpreso del suo infrangere il suo "modus operandi" sul cibarsi sempre di un umano diverso quando non ha un lupo mannaro "sotto zanne"..
Già perchè non ha saputo resistere ad un morettino dagli occhi azzurri trovato in discoteca per ben due volte.
Come se non bastasse questo suo comportamento inspiegabile a dargli pensiero, lui e
gli altri membri dell'Eos si stanno riprendendo e riorganizzando dopo che i lupi mannari, capitanati da Walter, hanno provato ad eliminali attaccandoli in pieno giorno alla villa.
Si scopre che il branco sta cercando di allargarsi trasformando alcuni umani e sequestrandone altri.. In un giro di ricognizione Javier si trova a dover intervenire per difendere da un rapimento proprio lo stesso ragazzo del quale si è cibato per due volte consecutive, Connel, e a sentirsi in dovere di proteggerlo.

"Va protetto, Macana, il ragazzo porta l'anima riflessa negli occhi.
Va protetto dal sangue."

Connel ha ventotto anni è un avvocato che ha perso da poco sia lavoro che fidanzato e, come se non bastasse, il suo coinquilino e migliore amico è finito nelle mani dei lupi.
Javier faticherà in un primo momento a fargli capire che di lui si può fidare nonostante la sua natura e dopo che il ragazzo gli confermerà di poter riconoscere e descrivere uno dei suoi assalitori lo invita a seguirlo sia per poterlo far parlare con Nael, la vampira al comando dell'Eos, sia per proteggerlo nel caso i lupi volessero liberarsi di lui in qualche modo.
Javier è attratto da Connel ma qualcosa che ha vissuto secoli prima e lo fa soffrire tuttora lo blocca.. lo rende irascibile e tende a rispondere in malo modo quando Connel si avvicina troppo e soprattutto non riesce a gestire quel ragazzo all'apparenza indifeso ma che in un batter di ciglia diventa determinato, irascibile tanto quanto il vampiro e coraggioso quando richiesto soprattutto quando Nael gli propone di tornare nella discoteca vicino al vicolo in cui è stato aggredito per fare da esca per i nuovi lupi del seguito di Walter per trovare il loro nascondiglio ed eliminarli per far tornare l'ordine nella città.

" Continui ad essere terrorizzato dal tuo passato, Javier,
ma è giunto il tempo di lasciarlo andare.
Vivere significa aprirsi a nuove possibilità, persino per quelli come noi: precludersi qualsiasi contatto ti ucciderà dentro, prima o poi, annientando proprio quel sentimento che conservi così gelosamente.."

Episodi di gelosia, incomprensioni per le parole non dette e quelle dette giusto per ferire l'altro e quindi a portarsi a vicenda a non capirsi, la testardaggine di Javier ad impuntarsi per aver un appiglio a non mostrare le proprie debolezze e a non voler aprire il proprio cuore ad un Connel altrettanto cocciuto da voler mostrare al "suo" vampiro che invece di lui si può fidare e che gli può rivelare il suo tormento portano il lettore in un tira e molla dove ci si trova a sorridere per quanto siano ironici e realistici i loro battibecchi.

"Forse era anche per questo che si era consapevolmente avvolto in se stesso, col trascorrere del tempo, costruendo quella corazza di sorrisi, battute e nomignoli che impediva a chiunque di far breccia nel suo cuore spezzato."

In questo secondo capitolo della serie incrociamo spesso Mathias e Kane e l'autrice ci regala momenti del nostro leopardo mannaro in cui lo vediamo affrontare alcune delle sue paure (per chi non lo avesse capito adoro Kane) e ritroviamo una Nael sempre determinata a ripristinare l'ordine, sempre in prima fila a combattere ma anche una Nael diversa alla presenza di qualcuno per gli occhi di chi la conosce da secoli.

Connel riuscirà ad alleviare le sofferenze che Javier si trascina da secoli?
L'Eos riuscirà ad interferire e bloccare Walter e il suo gruppo di mannari?
Presa dalla smania di leggere ancora di questi personaggi ho scoperto anche "Tres", capitolo 1.5 della saga e l'ho sono letto in contemporanea con Macana seguendo le indicazioni suggerite al suo interno.
Ho scoperto anche il capitolo 2.5 dal nome Carino., ma mi toccherà supplicare l'autrice di finire editing del terzo il prima possibile proprio perchè intendo seguire le stesse indicazioni di Tres. ;-)

A differenza del primo capitolo della saga Macana è impostato in modo da creare dei salti temporali con la storia al presente che continua lineare a seguire il suo corso e alternando a salti nel passato di Javier e a mostraci come ha trascorso l'ultimo periodo della sua vita prima della sua trasformazione.
L'autrice ti fa affezionare a tutti i suoi personaggi e ciò mi rende ancora più difficile l'attesa del seguito ma mi fa apprezzare le sue abilità nelle caratterizzazioni dei personaggi donando loro sempre qualcosa che li renda più reali all'occhio del lettore.
Come ho amato Kane in tutte le sue sfaccettature in Pardus, ho trovato un altro posticino speciale per Javier ,i suoi soprannomi e i suoi muri cinquecentenari.
Attendo il prossimo capitolo sperando di trovare alcune risposte alle domande che mi sono balenate in testa ma che ovviamente devono rimanere inespresse salvo rischio spoiler.


Nessun commento:

Posta un commento