martedì 31 luglio 2018

Le recensioni di Stefania: "C'era una volta... ma anche no!" di Amanda Foley e Simona Friio

 

Per la serie a volte ritornato… oggi la nostra Stefania, dopo più di un mese di silenzio, torna e ci parla del sequel di Una m@il di troppo, C’ERA UNA VOLTA… MA ANCHE NO! del duo Amanda Foley e Simona Friio.

Titolo: C'era una volta... ma anche no!

Autore: Amanda Foley e Simona Friio

Editore: Self publishing

Genere: Commedia romantica

Data di pubblicazione: 3 luglio 2018

Prezzo: 0.99 € ebook


Sinossi

Esiste il detto: quando il gatto non c’è i topi ballano, ed è quello che succede in un B&B alle porte di Milano. Zia Bice lascia alle nipoti, Silvia e Ambra, il casolare in cui tuttora vive, libere di farne ciò che vogliono tranne venderlo. Silvia, fresca sposa del bel Chris, avvia con entusiasmo l’attività di B&B, ma lascia tutto nelle mani della sorella per godersi la luna di miele con il suo principe azzurro, volando a Bora Bora. Per affiancarla ci sarà Mosè, fratello di Chris, in crisi dopo aver perso il lavoro, e in perenne conflitto con il mondo oltre che con se stesso. Ma cosa succede se si mettono insieme due schizzati, ognuno con le proprie paturnie esistenziali, due esseri che più diversi non si può? Potrebbe essere il caos o il preludio a una guerra. O forse non tutto il male viene per nuocere...

Recensione

“C’era una volta, nel giorno delle nozze della sorella, una giovane che aveva dato fondo al proprio conto corrente pur di indossare l’abito dei suoi sogni… Quella ragazza si chiamava Amanda.”

Nel precedente romance abbiamo visto Silvia e Chris innamorarsi e convolare a nozze. Quel giorno Ambra, sorella di Silvia, ha l’onore, o per meglio dire la disgrazia, di conoscere Mosè, fratello di Chris. Un incontro che da subito fa capire che tra loro non corre buon sangue. Lo scambio di battute è al vetriolo, acidità alle stelle e nessuna intenzione di rapportarsi civilmente.
Purtroppo per loro, l’incontro non sarà isolato. Complice il viaggio di nozze dei neo sposini, si ritrovano a dover respirare ancora la stessa aria. Il B&B appena avviato non può rimanere senza supervisione e così Ambra e Mosè si trovano di nuovo a doversi sopportare.

La convivenza, memore del vecchio scontro, non inizia proprio bene, diciamo così! La coppia ci delizia con i loro battibecchi, ogni giorno succede qualcosa che li mette ancora più contro ma, c'è un ma, via via che i giorni passano in entrambi scatta la consapevolezza che in fondo c’è del sentimento. 

Ambra è una donna dolce e genuina ma molto sbadata, dove c’è lei c’è un guaio ad attendervi. È una calamita per le disavventure, svampita e non sempre dalla sua bocca escono fuori le parole corrette. Insomma, con lei la risata è assicurata!
Mosè, è scontroso, il lotta con se stesso. Non gli va mai bene niente e quando capisce che per lui Ambra non è solo un impiccio qualcuno si mette in mezzo la gelosia lo acceca. Da pacato e sereno si trova a combattere per farsi notare dalla dolce Ambra.
Tra scene esilaranti, situazioni imbarazzanti, animali di ogni genere da accudire e la fantastica zia Bice non c’è un attimo di tranquillità al B&B!

C’era una volta… ma anche no! è una commedia frizzante. Semplice nel complesso e per questo lo eleggo a lettura estiva senza pensarci due volte. Mi sono divertita molto a leggere di Ambra e Mosè. Non sapevo di chi prendere le parti e alla fine sono rimasta nel mezzo ad osservare i vari dissapori, ad osservare l’avvicinamento. Più di tutto a capire meglio entrambi. Ambra non farebbe mai male ad una mosca, è troppo buona ma questo non vuol dire che subisce. Ah no, lei è una pestifera! Mosè invece ha seri problemi con se stesso. Combatte una guerra interiore che gli impedisce di lasciarsi andare e quando dovrebbe tacere parla anche troppo. Non si limita ad urlare, no, lui è capace di buttarti giù con due parole.
Nonostante mi sia piaciuto, se metto a confronto questo scritto con il precedente, ci sono delle differenze che mi fanno storcere un po’ il naso. La storia di Silvia e Chris, per me, era più spontanea e nonostante la brevità completa, mentre qui ho avuto l’impressione di leggere qualcosa di forzato e frettoloso. I dialoghi sono divertenti ma solo questo non basta e da questa coppia mi aspettavo di più.
Alla prossima!


Nessun commento:

Posta un commento