lunedì 2 luglio 2018

Le recensioni di Serena: "Nonostante tutto" di Silvia Gaiart


La seconda recensione di questo primo lunedì di Luglio è a cura di Serena che gioca in casa! Ha letto e recensito il nuovo libro della nostra Silvia Gaiart, pubblicato in self publishing a fine aprile... scopriamo cosa ne pensa!


Titolo:
Nonostante Tutto

Autore: Silvia Gaiart

Editore: Self Publishing

Genere: New Adult

Data di pubblicazione: 26 Aprile 2018

Prezzo: 1,99 ebook, 8,49 cartaceo


Sinossi

Ci sono momenti che rimangono impressi nella tua mente e nel tuo cuore. Attimi di felicità che ti travolgono la vita all’improvviso. A volte bastano un parco, un’altalena, un paio di occhi verdi e un sorriso luminoso.
Ed è proprio quello che succede a Fabian, da bambino, in una mattina d‘estate. Incontra Michela, una ragazzina estroversa, spigliata, sorridente: l’esatto contrario di lui.
Sì, perché Fabian ha la tristezza e la malinconia negli occhi, dopo aver lasciato il suo paese, la Colombia. Non è facile dover vivere in un paese straniero, ma è proprio quando ha bisogno di sentirsi più amato e voluto che la incontra. La vita non sarà più la stessa per nessuno dei due.
Passano gli anni e quello che nasce tra Fabian e Michela è sempre più intenso. Sono legati nel profondo da un’amicizia che va oltre le differenze, le paure, i problemi e il mondo intorno a loro.
Ci saranno ostacoli che si presenteranno sul loro cammino, mettendo a dura prova tutte le loro certezze e quell’amore che li lega da sempre.
Sapranno credere a quel nonostante tutto che si sono promessi? Sapranno tenere saldo quel filo rosso che li unisce da una vita?
Un’amicizia che profuma d’amore, due cuori in un’anima sola.




Recensione

Dopo più di un mese dall’uscita di "Nonostante tutto" di Silvia Gaiart, sono qui per parlarvi della mia opinione sulla seconda opera di questa giovane autrice self.
Michela e Fabian sono i protagonisti di questo dolcissimo New Adult dalle sfumature young, tutto il racconto ruota intorno all’amicizia ormai quasi decennale di questi due giovani ragazzi.
La storia è ambientata a Milano durante il loro ultimo anno di scuola superiore. Nena e Cari, così si chiamano reciprocamente Michi e Fabi, frequentano la stessa classe e sono amici da una vita, insieme a Serena, Andrea, Lorenzo, Seba e tutta la loro schiera di compagni vivranno le esperienze tipiche degli anni a cavallo tra adolescenza ed età adulta.
Tutto iniziò quando un giorno al parco sulla altalena all'età di 10 anni gli occhi tristi e malinconici di Fabian si persero nelle profondità di quelli verdi e luminosi di Michela: lui soffriva per la lontananza dalla sua terra, la Colombia, con i genitori aveva lasciato la patria in cerca di una vita migliore; in questa nuova dimensione però si sentiva perso, diverso, nostalgico. Gli mancavano l’amata nonna e lo zio a cui era legatissimo, però bastò uno sguardo in una giornata d’ estate, di quella bambina così spigliata e socievole che cambiò tutto per sempre e in modo inevitabile.
“Sprigionava una luce accecante intorno a lei.Una luce che trasmetteva calma e serenità. Mi spiazzava”
Da quel momento in poi nulla fu più come prima, la loro amicizia crebbe di giorno in giorno sempre più tenace, finché li ritroviamo appunto all’inizio del romanzo ormai diciottenni alle prese con il loro legame irrimediabilmente indissolubile.
Ora Fabi e Michi sono cresciuti ma la loro routine non è cambiata, come dal primo attimo si cercano costantemente, si aiutano, confidano, sostengono, passano le giornate con gli amici oppure appartati nel loro angolo segreto. La casetta sull’albero al parco, qui saremo spettatori dei loro momenti più tristi, dolci e sentimentali che porteranno alla luce la loro interiorità in modo chiaro e profondo.
La loro amicizia ha superato tantissimi ostacoli, non è stata intaccata dal passere del tempo, dalle diversità reciproche, dagli eventi, dalla sofferenza e dai numerosi drammi che hanno incrociato sul loro cammino, anzi si è rafforzata, solidificata, è cresciuta fino a divenire indispensabile. Nulla ha scalfito quel legame nato in modo così naturale ma meraviglioso, niente è riuscito a deteriorarlo, hanno sempre affrontato insieme i problemi, le paure, il dolore. Hanno vissuto fianco a fianco ogni esperienza e condiviso le gioie. Purtroppo ora le loro certezze vacilleranno sotto i duri colpi inferti dalle circostanze, si troveranno impreparati di fronte allo sconvolgimento che sentono nell'anima, non riusciranno a gestire le emozioni confuse che palpitano nel loro cuore, rischiando però così di recidere quel sentimento per loro sconosciuto, ma divenuto talmente potente che non può essere più contenuto.
“Ho un tuffo al cuore. Capita spesso ultimamente con lui. Sono tuffi spettacolari, improvvisi e che mozzano il fiato. Non capisco cosa siano ma mi fanno stare bene.”
Sapranno superare insieme quest ennesima prova oppure li porterà ad allontanarsi sempre di più?Capiranno che la loro amicizia è sbocciata in una nuova forma molto più forte e matura? Cederanno al richiamo dell’amore?
In più a tutti questi mille dubbi che agitano le loro anime si aggiungerà lo scompiglio creato dall’arrivo del nuovo compagno di classe, il misterioso ed enigmatico Alessandro che subito punta i suoi occhi azzurri e magnetici su Michi. Lei saprà resistere al richiamo dell’attrazione improvvisa e proibita verso il bel ragazzo sconosciuto? Oppure capitolerà? E Fabi verrà a questo punto allo scoperto?
Curiose??? Mi dispiace ma qui devo fermarmi, il libro merita di essere letto, avrete così modo di districare voi stesse questa intricata matassa di situazioni e sentimenti incerti.

Fabian per Michela è "Cari" cioè il suo tesoro, detto in lingua spagnola, mentre lei per lui è "Nena" ovvero la sua piccola bimba. Sono due personaggi delineati perfettamente e in modo davvero peculiare. Cari è un ragazzo fisicamente attraente, occhi scuri, dolci e profondi come il cioccolato, pelle mulatta, capelli neri sempre arruffati, come la maggior parte dei latini ha la musica nel sangue, adora ballare, ha una voce profonda con l'accento caratteristico straniero che lo rendono ancora più affascinante, ne è però completamente inconsapevole. Non se ne accorge e neppure gli interessano le attenzioni che l’altro sesso gli riserva, per lui esiste sola la sua migliore amica, rendendolo così ancora più interessante agli occhi degli altri. Ha un carattere che verrà fuori pian piano durante la narrazione, è timido, introverso e un po' schivo, ma al tempo stesso è un ragazzo brillante che sa cosa vuole dal suo futuro: il suo sogno è diventare un pediatra, è studioso, intelligente e molto sensibile.
Nena è l’ opposto di Cari, sia esteriormente che caratterialmente: castana, carnagione chiara, occhi verdi splendenti e allegri, estroversa e amichevole, un po' pasticciona e divertente, vive alla giornata e non sa ancora cosa le riservi il suo avvenire. Ma questo è tutta apparenza, Michi cela dietro la sua spensieratezza mille indecisioni e insicurezze che spesso la portano un po' a vivere nel suo mondo e a chiudersi.
“Sono una ragazza estroversa ed esuberante, ma dietro questa maschera si nasconde una ragazza insicura che ha paura di essere troppo poco e perdere chi ama.”
Loro sono due opposti ma complementari si incastrano alla perfezione, sono due metà dello stesso cuore, due persone ma con la stessa anima. Entrambi purtroppo sono cresciuti in situazioni familiari non rosee. Michela soffre terribilmente per l’abbandono immotivato del padre, sente un vuoto dentro enorme, un dolore che spesso non riesce a sopportare, solo Fabi è sempre riuscito a colmare questa lacuna insondabile. Per lei c è sempre stato in ogni momento, pronto a proteggerla da tutto e tutti e ad amarla come mai nessuno. Fabi al tempo stesso vive in un ambiente dove la felicità ormai è stata oscurata del tutto per colpa dei demoni che corrodono dall'interno suo padre, un uomo vile che trova conforto nell’alcol e di conseguenza diventa violento.Questi due giovani ragazzi sono sempre riusciti a trovare una speranza, ad avere il sorriso sulle labbra e a superare anche i momenti più bui perché la loro amicizia era più tenace e caparbia di tutto il resto. Tenendosi per mano hanno sfidato le avversità del mondo, ci sono sempre stai gli uni per gli altri, sempre in sintonia, connessi da un filo invisibile, si sono promessi che nonostante tutto staranno sempre insieme,nel cuore e nella mente hanno inciso il nome dell’ altro,il loro vincolo è inscindibile.Ora però dopo aver attraversato e conosciuto molteplici brutture è bastato un attimo per far vacillare tutto, hanno difficoltà a gestire un turbinio di sensazioni nuove e inaspettate, si sentono in balia delle mille emozioni.
“Che succede a quello che eravamo? Cos’è cambiato? Come posso far sciogliere questo groviglio che mi tormenta il petto,lo stomaco e il cuore?
Ho bisogno di te, ma tu non capisci. Non capisci che è di più. Di più di tutte le altre volte. In modo intenso, disperato, tormentato.”
Volendo essere puntigliosa ho riscontrato qualche piccolo refuso, che tuttavia non ha disturbato la mia lettura presa dai molteplici pensieri diversi di cui mi sono trovata in balia. Questo romanzo è stata davvero una piacevole sorpresa, si è sviluppata un’empatia con i personaggi sorprendente. La Gaiart con una scrittura semplice, pulita e diretta, è riuscita a scavare nel profondo dell’anima di questi due giovani adolescenti. Ho adorato il loro modo di rapportarsi così genuino, privo di malizia intriso d’ amore, pur trattando argomenti forti che hanno segnato queste fragili anime, la scrittrice non è mai inopportuna, ma anzi lo stile è toccante ed emozionante. Leggendo la storia di Michi e Fabi,è stato inevitabile trovarmi spesso con il sorriso sulle labbra, l’ansia alla bocca dello stomaco e la frustrazione a livelli impressionanti, l’autrice riesce a trasmettere sotto pelle i primi palpiti d’amore, quel lieve sfiorarsi fatto di mille significati, i primi baci, le carezze, le gioie e i dolori provocati dalle farfalle che si agitano nel petto. Nena e Cari si leggono dentro come un libro aperto, percepiscono ogni espressione,gesto o perplessità, hanno la chiave della loro anima, sono vittime di un bisogno disperato dell’ altro un tormento quasi che offusca tutto ciò che li circonda dettato da un sentimento che non possono più ignorare li ha fusi e plasmati insieme in modo ormai indivisibile.
Ho adorato la precisa menzione alle canzoni che fanno da colonna sonora al loro cammino e le frasi in lingua spagnola che hanno creato un clima di sentita veridicità.
Mi piacerebbe davvero molto poter avere l’occasione di leggere un sequel, sapere come se la stanno cavando nel mondo adulto questi due giovani guerrieri e magari anche un secondo volume sulla storia di tutto il gruppo di amici che hanno accompagnato in modo costante i loro amici più cari.Vi avverto spesso avrete voglia di urlare a Fabi e Michi di non fare i bambini e guardare in faccia la realtà, di non fuggire di fronte al loro sentimento, ma vi dico per certo che percorrere con loro la strada verso la maturità sarà un viaggio splendido.


Nessun commento:

Posta un commento