giovedì 28 giugno 2018

SPEAKING WITH... CHRISTINA LAUREN!





Cari Disasters, bentornati nel mio salotto virtuale, anzi, nel mio bel portico che si affaccia sul mare, il posto perfetto per incontrare le nostre autrici del cuore davanti a uno Spritz. L'ospite di oggi è Christina Lauren, un nome che non ha certamente bisogno di presentazioni... e che vedremo presto anche sul grande schermo!

J: Benvenute su Libri e altri disastri. Christina Lauren: un nome per due magnifiche autrici. Vi piacerebbe raccontarci qualcosa di voi? 
Ciao! Le persone ci dicono continuamente che non sapevano fossimo due. Christina e Lauren, migliori amiche e coautrici. Ci siamo incontrate mentre scrivevamo fan fiction nel 2009 e abbiamo iniziato a scrivere insieme da allora.

J: Devo confessarlo, il mio primo amore è stato decisamente Bennett Ryan. È ispirato a qualcuno che conoscete? Come è nata l’idea della serie?
Bennett non è basato su nessuno nello specifico, ma condivide alcuni dei suoi tratti migliori con Lo (Lauren). Sono entrambi molto ambiziosi, fortemente organizzati e sanno come ottenere le cose. L’idea per la storia era molto semplice: Bennett pensa di essere migliore e più intelligente di tutti. Poi arriva questa donna che non è solo bella e una sorta di tutto ciò che ha sempre voluto, ma anche – quando lui permette a sé stesso di ammetterlo – sua eguale, se non migliore. Metteteli nella stessa stanza e guardate i fuochi d’artificio.

J: Cosa avete in comune con i vostri personaggi? Non posso chiedervi qual è il vostro preferito, perciò la mia domanda è: qual è stato il più difficile da scrivere per voi?
Ci sono piccolo pezzetti di noi nella maggior parte dei nostri personaggi. Bennett condivide l’ambizione di Lo, Hanna condivide la stupidità di Christina, mentre Sara condivide un'altra parte di Christina – il suo lato prottettivo. Harlow ha il fuoco di Lo e la sua lealtà. Tutti avrebbero bisogno di una Harlow/Lo nelle loro vite.
Christina: Finn è stato difficile per me all’inizio. Lui pensa un sacco, ma non dice molto e ho lottato durante la prima metà del libro per trovare la sua voce. Un giorno Lo ha riso dicendo che era proprio come mio marito, e così finalmente i pezzi hanno trovato il loro posto.
Lo: La parte più difficile da scrivere è sempre quella su cui stiamo lavorando al momento. Haha. Penso che le eccezioni siano state Bennett, Will e Luke – quei tre sono sempre stati facili da catturare, dalla prima pagina.

J: Normalmente vi avrei chiesto quale dei vostri libri vi sarebbe piaciuto veder diventare un film, ma abbiamo appena saputo da Leggereditore che “Sotto lo stesso tetto” è il nuovo progetto del regista Andy Fickman e che voi adatterete il romanzo: come vi sentite a riguardo? Potete darci qualche anticipazione?
Stiamo scrivendo una bozza della sceneggiatura adesso e siamo così eccitate! Lavorare con Andy e Betsy e Jean e Jenna è stato in assoluto il massimo divertimento. Sono sempre disponibili a condividere i loro pensieri e le loro esperienze e non vedono l’ora che questa storia prenda vita, proprio come noi. Sembra magico.

J: Vi va di dire qualcosa ai vostri lettori italiani?

Wow, semplicemente GRAZIE. Diciamo davvero. Grazie per la lettura, le recensioni, il supporto. Siamo incredibilmente grate di poter scrivere queste storie.

J: Grazie per il vostro tempo e la vostra gentilezza.
Grazie a voi per questo spazio!

Nessun commento:

Posta un commento