Review Party: "javier" di Debora C. Tepes


Buongiorno Disastri! La giornata di oggi sarà totalmente all'insegna dei review party!! Iniziamo con Yaya e il libro di Debora C. Tepes, uscito il 16 maggio in self Publishing.


Titolo: Javier

Autore: Debora C. Tepes 


Editore: Self Publishing

Genere: Mafia Romance

Data di pubblicazione: 16 Maggio 2018

Prezzo: 2,99 € ebook


Sinossi


Vi starete chiedendo chi sono.
Sono un uomo disposto a tutto. Mi hanno voluto per la mia ferocia, mi hanno scelto per la mia imperturbabilità, e mi hanno trovato. Ora ho una missione da portare a termine e, costi quel che costi, non lascerò che il mio sangue macchi questa terra infetta.
Sono una macchina da guerra: le armi con cui mi difendo, le vite con cui gioco e la violenza con cui combatto mi rendono l’uomo che da dodici mesi guardo allo specchio. Qualcuno potrebbe definirmi il peggiore dei bastardi, e avrebbe ragione.
Nessuno mi fermerà.
Nessuno potrà impedirmi di raggiungere il mio obiettivo, neanche lei.
Il suo sguardo è letale, il suo sorriso è pericoloso, la sua rabbia è devastante. Lei è proibita, ma io possiederò il suo corpo, soggiogherò la sua mente e risucchierò la sua anima. Mi nutrirò di lei come il peggiore dei predatori.
Se proverà a opporsi, la distruggerò.
Nessuno dovrà scoprire chi sono.
Soprattutto lei.




Recensione


Mi nutrirò di lei come il peggiore dei predatori.Se proverà a opporsi, la distruggerò.


Javier e Yamile sono due mondi opposti, che si intrecciano senza via d’uscita, cosa succede però quando odio e amore entrano in collisione? Quando vendetta e passione si scontrano?
Javier è un uomo duro, forgiato nel dolore e nella solitudine, agente della DEA sotto copertura. Ha una missione: smantellare il clan dei Solano, mandanti dell’uccisione dei suoi genitori ed è pronto a tutto per portare a termine la sua vendetta, ma non aveva messo in conto l’attrazione per la figlia del padrino.

Yamile è una giovane ragazza, reclusa nella sua stessa casa, controllata a vista dal padre e dai fratelli, prigioniera da dieci anni, dal giorno in cui il clan rivale uccise la madre: viene considerata un trofeo, non è coinvolta negli affari di famiglia.
Tutto cambia quando i nostri protagonisti si incontrano per la prima volta: saranno fuochi d’artificio, amore, odio, passione, adrenalina, paura.

Tra imprevisti e colpi di scena, l’uno diventerà un punto di riferimento per l’altro, ma Javier non è disposto a rinunciare alla sua missione e, per mantenere la sua copertura, si ritroverà ad allontanare colei che dopo tanto tempo è riuscita a scalfire la sua corazza, rubandogli il cuore.

Libro intenso, coinvolgente, ben strutturato, dove tutto è calibrato alla perfezione, non mancano i colpi di scena e la passione tra i due protagonisti che, anche se appartenenti a due mondi diversi, in realtà sono molto simili, hanno molto in comune, come il dolore della perdita, l’infelicità che ne deriva, la tristezza, e la voglia di andare avanti.

Unico punto dolente per me è il finale, mi sarei aspettata un qualcosa di diverso, perché dopo le tribolazioni che hanno vissuto l’autrice non avrebbe dovuto lasciarci con il punto interrogativo.


Commenti