martedì 6 marzo 2018

Le recensioni di Ilenia: "Più di così" di Samantha Young

Ben trovati Disastri! il nuovo lavoro mi prosciuga le energie, ho meno tempo per leggere ma una recensione per voi ce l'ho sempre... oggi vi voglio parlare dell'ultimo libro di Samantha Young, autrice che ho conosciuto e adorato con il romanzo "Sei bellissima stasera"... essendo questo libro il quarto volume della serie "On Dublin Street", non potevo non leggerlo!


Titolo: Più di così

Autore: Samantha Young

Editore: Mondadori

Data di pubblicazione: 3 febbraio 2018

Genere: contemporary romance

Prezzo: € 3.99



Sinossi

Hannah Nichols è follemente innamorata di Marco D'Alessandro da quando lui, a scuola, l'ha salvata da un gruppo di bulli. Marco è un ragazzo americano, schivo e taciturno, dal passato turbolento, finito in Scozia dagli zii per sfuggire alle brutte compagnie. Finalmente una sera, durante una festa, Marco cede al fascino di Hannah, ma subito dopo sparisce, lasciando la ragazza senza una spiegazione. Comincia così il tormento silenzioso di Hannah, che dovrà affrontare da sola prove per lei molto difficili, senza l'appoggio dei genitori e senza la persona più amata. Cinque anni dopo, però, Hannah e Marco s'incontrano casualmente a un matrimonio e riprendono a frequentarsi, ma il loro destino di felicità è nuovamente messo alla prova quando Marco...




Recensione

Dopo aver conosciuto Jocelyn e Braden in "Sei bellissima stasera", Johanna e Cameron in "Così come sei", Olivia e Nate in "E adesso ci sei tu", tocca ad Hannah... non è più una bambina, ma una giovane donna che cerca di realizzarsi, nonostante venga protetta e aiutata dalla famiglia e gli amici più cari.
Alzi la mano chi non ha mai ricevuto un appartamento come regalo di laurea? io ne alzo due e anche un piede!


Hannah ama il suo lavoro di insegnante, anche se deve convivere con la precarietà e uno stipendio misero. Si divide tra i suoi ragazzi adolescenti e quelli più vecchiotti a cui insegna alla sera. Adora avere a che fare con entrambe le scolaresche: i più giovani la spronano a essere severa ma aperta, disponibile al dialogo forte della poca differenza di età, mentre con gli altri deve essere anche un pochino psicologa, insegnare senza sminuire, senza svilire un adulto che lavora ma che non sa leggere.
tanto lavoro, il naso nascosto tra i libri soprattutto nei grandi classici, serate passate a fare da baby sitter ai mille figli degli amici, dei parenti, di quella famiglia ormai super allargata... ma l'amore? no, Hannah non ha tempo per l'amore, chiusa nella sua torre d'avorio.

al matrimonio di una collega, la nostra Hannah va in confusione: davanti ai suoi occhi compare Lui, Marco, la sua cotta del liceo. Definirlo solo così è riduttivo, perchè Marco è molto di più. Hannah lo ha amato dal primo momento, da quando l'ha salvata dai bulli della scuola, da quando si è fatto carico della sua sicurezza, da quando è stato il suo amico in silenzio, senza dire parole inutili. Ma Marco è anche il ragazzo che l'ha distrutta, soprattutto nell'anima. Marco è sempre stato il solo per Hannah e, trovarselo di fronte all'improvviso quando pensava che se ne fosse andato senza più guardarsi indietro, la sconvolge.

Marco non è mai stato un ragazzo solare, ha sempre dovuto lottare, farsi accettare. Quando pensi di essere sbagliato, di essere lo scarto della società, è difficile cambiare idea, anche quando ti imbatti in una ragazzina che sembra leggerti dentro, soprattutto quando ti nascondi nel tuo silenzio. Ed è proprio per questo che prende una decisione sbagliata, che distrugge ogni rapporto tra loro, ogni futuro. Scappa, torna in America per problemi personali, lasciando Hannah in una crisi, in condizioni... particolari, ma senza saperlo. Ma Marco è cresciuto, ha lottato per il suo futuro, per le cose che ama, per poter essere l'uomo di cui essere fiero. Ora che vede Hannah sa che è pronto a riprendere da dove avevano interrotto, peccato che lei non voglia nemmeno respirare la sua stessa aria.

Una sfida impossibile, ma Marco prova, riprova e ririprova, non le da tempo e spazio per dire no. Si insinua sotto pelle, in ogni respiro, in ogni gesto, ma Hannah non si fida, ha paura di soffrire ancora. E cosa nasconde Marco? perchè ogni quindici giorni sparisce per l'intero weekend?

Mi mancava questa serie, ho veramente amato i volumi precedenti.... MA.. eggià, ma... non so, Disastri, ho chiuso questo libro con un grande punto interrogativo dipinto sulla faccia.
Mi è piaciuto il modo di raccontare la storia di Hannah e Marco, i flashback della loro storia passata che anticipano il loro incontro nel presente, i sentimenti in rapida crescita, i dubbi, le paure. Ho adorato il coraggio di Marco, la forza del suo amore: raramente vediamo uomini lottare così tanto per la donna che amano. Cioè, parliamone. Conoscete un uomo che si intrufola al club del libro e sa di COSA SI STIA PARLANDO?! una rarità, una cosa che fa apprezzare ancora più il gesto.

Quindi, vi chiederete... dov'è il ma? cosa non ti ha convinto? Ebbene.. io capisco come ci si sente quando si viene feriti, quando vedi la tua fiducia fatta a brandelli, pezzettini così piccoli da poterli lanciare insieme ai coriandoli durante il carnevale. Ho sofferto dietro a ragazzi che non mi hanno apprezzato, per i quali avevo perso la testa e non ero corrisposta... come ogni altra adolescente insomma! Ma... figlia mia, Hannah... a un certo punto, che palle! più di metà libro a professare amore, ma lamentarsi di non fidarsi, di avere paura. Sì, no, forse, e poi si ricomincia. Si professa adulta, intelligente, con la testa sul collo ben funzionante... e poi è la regina dell'indecisione, fino al punto di stufare.

Se non tengo conto di quello che mi ha fatto storcere il naso, il romanzo sarebbe assolutamente consigliato... fresco, ironico, profondo, romantico. una perfetta lettura... Un libro da quattro piume, se non fosse per questo piiiiiiccolo grande Ma.


Nessun commento:

Posta un commento