Le recensioni di Stefania: "Amore, libri e piccole follie" di Monica Brizzi

Care le mie Disaster oggi vi parlo di un romanzo rosa uscito da poco: Amore, libri e piccole follie di Monica Brizzi.

Titolo: Amore, libri e piccole follie

Autore: Monica Brizzi

Editore: Self publishing

Genere:

Data di pubblicazione: 5 febbraio 2018

Prezzo: 1.99 € ebook


Sinossi

Che succede se nella vita di un'eccentrica ventisettenne che lavora a maglia e legge autori russi entra un nerd appassionato di Harry Potter, Star Wars e Il Trono di Spade?
Angelica lavora in una libreria da otto anni, è single da tre e si veste come un albero di Natale. Sebbene gli amici cerchino di farle conoscere qualche ragazzo, lei sembra non trovare nessuno che le interessi davvero. Tutto cambia durante una festa, quando, caduta in una siepe, attaccata dai tafani e tormentata dall'ortica, viene aiutata da Manuele, un nerd tutt'altro che capace di corteggiare una donna. Lui, ingegnere che lavora come commesso in un negozio di elettronica, ci mette un po' a partire, ma quando lo fa tra i due nasce una piccola magia e Angelica entra in un mondo fatto di scacchi, film e telefilm che le fa dimenticare di avere una famiglia strampalata. Tutto fila liscio per un po', ma in una fredda serata invernale Angelica vede qualcosa che non dovrebbe vedere e la magia tra lei e Manuele sembra dissolversi nella nebbia della città…
Estrosa e stramba lei, nerd e timido lui. Due mondi all’apparenza diversi che si fondono alla perfezione. O no?
(Seconda pubblicazione. Il romanzo era stato precedentemente pubblicato da Delos Digital con il titolo Il mio supereroe)



Recensione


Premetto che non avevo letto la versione pubblicata con la casa editrice quindi per me la storia è una novità!
Avevo già avuto modo di leggere questa autrice trovandola molto profonda, precisa e coinvolgente. Questa volta invece si è dedicata ad un genere più spensierato.

Angelica, detta Cali, ha un gusto eccentrico per quanto riguarda l’abbigliamento. Non si può dire che si fa notare. E questo è quello che la mette in crisi ogni volta con Maura che invece la vuole vestita più da donna di classe con un che di sensuale, cioè sempre e solo nero e magari qualche scollatura o spacco ben studiato per accalappiare gli uomini. Eh si, ormai da quando è finita la sua ultima relazione, l’amica fa di tutto per farle trovare un nuovo fidanzato.
Lavora in una libreria da otto anni e vive in un monolocale insieme alla sua gatta Puzzola. Ha un rapporto un po’ inusuale con la sua famiglia. La madre dopo la separazione dal marito si è trasferita in Inghilterra e hanno mantenuto un rapporto stretto mentre il padre si è ricostruito una vita e accollato i figli della nuova moglie, i troll o corvi, come li chiama affettuosamente Cali!
Le sue serate ideali comprendono lavorare a maglia o un buon libro, preferibilmente russo, e le coccole della sua gatta ma non la sera in cui incontra Manuele, un ingegnere nerd fino al midollo.
Il marito di Maura compie gli anni e lei con il vestito scelto da Maura stessa è una delle invitate alla festa. Quando è ora di alzare le tende e ritornare nel suo nido inciampa in una radice e si ritrova dentro una siepe. Il caso vuole che sia proprio Manuele a trovarla.

Mi immobilizzo e spalanco gli occhi. "Non dirmi che c’è qualcuno lì fuori che sta assistendo a tutto questo." "Se vuoi non te lo dico." "Ok, non dirmelo." "Mentre non te lo dico, ti lascio lì dentro o ti do una mano?" chiede la voce giovanile.

Come inizio non c’è male!! Angelica e le figuracce 0 a 1.
E nonostante le gambe piene di orticaria Manuele la trova lo stesso uno schianto.
Manuele però da buon nerd impacciato si perde in chiacchiere e se di solito le donne scappano Cali resta ad ascoltare i suoi discorsi su un Platano Picchiatore che si trova tra lei e la sua auto.
Da questo momento e dall’ingresso in libreria di Manuele dopo, che piano piano riuscirà ad invitarla a prendere un caffè con lui e non solo, inizia la fase nerd di Cali che si ritrova a divorare la serie Harry Potter, a guardare la serie Game of Thrones, Star Wars, il signore degli anelli, Arrow e altri mille telefilm.
Ma come sempre c’è sempre quel attimo che fa crollare tutto e per Angelica vedere con i suoi occhi Manuele in atteggiamenti equivocabili con un’altra ragazza fa crollare tutto cìò che ha costruito da quando lo ha incontrato.

Ricapitolando, Angelica è una folle ventisettenne. Ha una vitalità e un carisma tutto suo. Il suo gusto nel vestire è unico,sa usare l’ironia su se stessa con semplicità e non ci si annoia mai grazie alla sua parlantina che in tanti definiscono complicata. L’incontro con Manuele è quello che le serviva e le ha portato aria nuova nella sua esistenza. E non solo lui, si ritroverà a rivalutare tanti suoi pensieri e a dare una possibilità a chi non ha mai voluto intorno. Ma come ogni donna è insicura e quando è il momento di tirare fuori il carattere si rintana nel mutismo sbagliando.
Manuele invece è un giovane che anche se ha studiato si ritrova a svolgere un lavoro non consono alla sua laurea. Indossa t-shirt strambe delle sue serie preferite, ma fondamentalmente è un ragazzo di ventotto anni timido e non proprio la prima scelte delle donne. Eppure a modo suo riempie di complimenti Cali e dopo il primo bacio si trasforma da timido a deciso.


“Tu ti vedi come un albero di Natale, io ti vedo come uno… schianto. Tu ti vedi come una che intavola conversazioni complicate, io ti vedo come una che può parlare con chiunque di qualunque cosa e che è abituata a farlo. Tu ti vedi il culone, o vedo un culo da favola”


Insomma tra la un film e l’atra, tra un bacio e l’altro, un ex che ritorna e dice di sentire la sua mancanza tempestandola di chiamate e qualche piccola crisi per Angelica inizia una nuova vita fatta di amore, di felicità, di gioie, e affetti.


“… in questo momento sono convinta che famiglia significhi solo sentirsi a casa, sentirsi bene, sentirsi amati. Amore, questo è famiglia. Di qualunque tipo sia.”


Come finirà? Cali darà modo a Manuele di difendersi? Arriverà il loro lieto fine?
Se volete saperlo non dovete fare altro che leggere questo romanzo che in circa centocinquanta pagine e una scrittura fluida e ironica riesce a catturare, a far sorridere sempre e far battere il cuore e far riflettere.
Monica Brizzi top!!!


Commenti